metropolitan peuterey Facci sull’Oscar a Sorrentino

giacconi peuterey uomo Facci sull’Oscar a Sorrentino

I ringraziamenti di Sorrentino alla cerimonia dell’Oscar sono stati i pi bruttarelli di sempre, ma anche i pi coerenti con quello stereotipo italiano che gli yankees premiano da 65 anni. Dopodich se per vincere un Oscar bastasse riproporre uno stereotipo, come dire, provateci voi. Parliamo di una pellicola che in Italia stata anche aspramente criticata (secondo criteri e risvolti che all’estero non capirebbero) ma anche vero che condividere queste critiche perfettamente compatibile con un profondo apprezzamento del film: il caso di chi scrive. La grande bellezza un film visto e rivisto, discusso e ridiscusso, e i film servono a questo. Anche a questo.

Ma ricominciamo dalla premiazione. Sorrentino andato in bambola: l’unica umana spiegazione per un tizio che vince un Oscar e poi si mette a ringraziare Maradona, che peraltro argentino e gli italiani mediamente odiano: il che era una nota autobiografica perch Sorrentino napoletano, certo, ma per l’americano medio sar suonato come quando la Loren grid a Benigni: un cordiale rinforzino del clich che ci vuole tutti un po’ Fellini e tutti un po’ terroni, ma beninteso, eleganti.

Dunque italiani, Sicilia, mafia, ladri di biciclette, poveri, straccioni, ma anche Napoli, pizza, spaghetti, sciusci Dopoguerra, mediterraneo, pelle e occhi scuri, tarantelle e mandolini, ma anche Roma, Colosseo, la ciociara, la mamma, la Madonna, e santi, monumenti, pittori, musicisti, artisti, teatranti, casanova, saltimbanchi, pagliacci, stilisti, buffoni, clown, e la bellezza, come no, la grande e immortale bellezza. Bene, nel film di Sorrentino questa roba c’ tutta. Ed la ragione per cui il regista italiano anche pi bravo del mondo, se fosse di Pordenone, non vincerebbe mai un Oscar.

Il nostro ingenuo errore stato guardare La grande bellezza come se fosse un film italiano pensato per un pubblico italiano: quando, invece, una pellicola che fin da bambina stata pensata e programmata per vincere l’Oscar. Provate e riguardare il film in quest’ottica oppure guardatelo e basta, se non l’avete visto: lo fanno questa sera su Canale 5 e l’operazione vi parr pi chiara. Meglio ancora,
metropolitan peuterey Facci sull'Oscar a Sorrentino
provate a riguardare il film immaginando di essere americano: che cosa volete che gliene freghi a un americano se certe feste a Roma esistano effettivamente o meno? Se certi chirurghi plastici esistano o meno? Se le performance stile Marina Abramovich siano credibili? Che gli importa se il film manchi o meno della contaminazione politico editoriale letteraria classica romana, impastata di cinismo millenario e imbucata da personaggi spesso impagabili? Che ne sa, un americano, della Rai? Come pu sapere se il personaggio della miliardaria comunista, cornuta e con piscina, sia credibile?

Questi sono problemi da spaccacapelli italiani, da cinefili o critici nostrani: un americano non sa e non gl’importa che nel film mancava sua maest l’indifferenza, la vacuit il forzato disincanto dei romani anche di fronte ai pochi incanti che restano e che non sanno riconoscere, non sa che nel film mancava l’ipocrisia esibita, la grande commedia della piaggeria capitolina: non lo sa e non gl’importa, perch americano. A un americano sufficiente che le proiezioni di Sorrentino, perlomeno quelle della bruttezza, coincidano con le sue: dunque il dominio della coca, le stronze, i parassiti, le attricette, gli scrittorucoli, ricche gli industrialotti, i cardinali da talkshow, il perverso paese dei balocchi coi suoi maghi e le giraffe e i lanciatori di coltelli, tutta una bruttezza molto occidentale e internazionale e scolastica, perch di cocainomani e puttane e mafiosi non possediamo certo l’esclusiva. Sorrentino fa vedere l’immagine della Costa Concordia perch l’hanno vista in tutto il mondo: a noi italiani non ce ne frega niente.

Sorrentino, pure, non si sofferma sulla Roma finanziariamente fallita, sulla cattiva amministrazione, sulla spazzatura, la maleducazione, la stretta attualit non gli serviva, erano minuterie da italiani. Roma tra le citt pi antiche della Storia (la battono Atene e Gerusalemme) e al pubblico di Hollywood sai che gliene frega di Ignazio Marino: meglio la bellezza eterna, e scusate se poco: le silenziose albe romane con la loro luce radente e fotografica, i dipinti e le statue della Roma segreta, gli scorci mozzafiato, le passeggiate, i giardini degli aranci, ci che fa di Roma una delle citt pi belle del mondo e forse la pi immortale.

Non che servisse un documentario, per saperlo. Serviva una vaga, evocativa, suggestiva visione da addensare di libere e personali interpretazioni. Il film di Sorrentino non vuol dire granch il trucco lasciare il cerino in mano a noi.

E a un americano, nel contemplare La grande bellezza, fa gioco anche lo stile registico rococ che tanto ha inorridito i puristi, ma che confessiamo piaciuto tanto anche a noi provinciali, patiti di Sergio Leone: il manierismo compiaciuto, i movimenti di macchina, l’abuso dei numeri di regia, la fotografia contrastata, le luci stile occhio di bue, e le carrellate, i dolly plananti, gli zoom e i rallentatori.

Che volete: a noi piace. La grande bellezza mica poteva girarla Werner Herzog. L’ha girata un napoletano che ha dedicato l’Oscar a Maradona,
metropolitan peuterey Facci sull'Oscar a Sorrentino
com’era lecito attendersi da un Paese geniale e cialtrone.