peuterey rosso Non accusiamo i medici di Belcolle

peuterey scontati Non accusiamo i medici di Belcolle

Viterbo Sarebbero quattro i medici attualmente indagati per la morte di Carmine Schiavone. Lo hanno appreso i legali della famiglia, dopo l presentato dal figlio del pentito.

quello che sappiamo si tratterebbe di quattro chirurghi afferma l Luigi Ferrone . L del figlio di Schiavone non presentava accuse specifiche nei confronti dei medici di Belcolle. Si è trattato semplicemente di una richiesta di chiarimento. Così come, riteniamo, stia procedendo la procura. L di garanzia, lo dice la parola stessa, è un atto a garanzia degli indagati, che vanno messi in condizione di partecipare agli accertamenti in corso con i propri consulenti è la parola d in queste ore. Dalla procura di via Falcone e Borsellino, bocche cucite, mentre gli accertamenti vanno avanti senza sosta.

Ieri l disposta dal pm Franco Pacifici, è durata ore. Iniziata in mattinata, è proseguita fino al tardo pomeriggio. Niente di diverso da cause di morte naturale, stando a indiscrezioni sulle primissime analisi, eseguite ieri al cimitero San Lazzaro di Viterbo. Ma agli accertamenti di ieri ne seguiranno altri.

Nulla viene lasciato al caso. Ai parenti è stato fatto fare un doppio riconoscimento del corpo. L sarebbe stata preceduta da una tac cadaverica. Una tecnica sperimentata a Viterbo con il recente caso di un neonato morto prima di nascere e con poche altre vicende. Un esame che serve a fotografare lo stato in cui si trova la salma prima di qualunque accertamento medico legale, per avere un testimonianza delle condizioni in cui versava il cadavere prima dell cautela nasce anche dalla particolarità del caso. Carmine Schiavone era un collaboratore di giustizia, animatore, con le sue dichiarazioni, del maxiprocesso Spartacus ai Casalesi. Troppo facile addensare ombre nere sulla sua morte. Più di qualcuno ha provato fin dalla prima ora a lanciarsi in congetture senza prove su un omicidio con mandanti, mentre gli inquirenti lavorano nel silenzio per accertare la verità.

Non chiacchiere, ma indagini approfondite e puntuali chiariranno come e perché il cuore di Schiavone si è fermato domenica mattina.

A Belcolle, il 71enne, ex cassiere del clan dei Casalesi, era arrivato il 10 febbraio, dopo un incidente domestico mentre era a casa con la moglie. Era salito sul tetto per una piccola riparazione. Un piede in fallo e la caduta nel vuoto. Niente di grave, almeno all si era rotto un peduncolo di una vertebra. Lesione sicuramente non mortale, almeno in genere. Lo stesso Schiavone, operato all della scorsa settimana, sembrava aver superato brillantemente l Giovedì si era alzato dal letto. Tre giorni dopo, la morte a Belcolle.

Che le sue condizioni di salute non fossero buone, si sapeva: Schiavone soffriva di cuore.

Mezz dopo il decesso, gli investigatori avevano già sequestrato la cartella clinica e i registri infermieristici per fotografare il quadro clinico del pentito.

L del figlio di Schiavone ha messo in moto le indagini. esposto che non nasce da sospetti particolari spiega, ancora, l Ferrone . Non abbiamo fatto il nome di nessun medico. Semplicemente c l di capire se sono state commesse omissioni o negligenze, ma nell non sono stati mossi addebiti nei confronti di chicchessia sui quattro medici appare, al momento, come un atto dovuto. Se è vero come è vero che Schiavone ha subìto un nei giorni precedenti il decesso, gli accertamenti sui chirurghi che lo hanno operato erano inevitabili. Se il complesso di altri esami ancora da eseguire confermerà la morte per cause naturali, la posizione dei quattro medici si avvierebbe all due mesi, la relazione del medico legale sarà sul tavolo del magistrato.

Articoli recenti Self service della droga in un contatore dell Cosenza Viterbese Castrense, la prevendita chiude domani Scontro minicar carro attrezzi Torna Cubo festival, un borgo di libri Pino cade in mezzo alla stradaLink utiliAereiCinemaFarmacieOroscopoTelefoniTreni

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi leggi linformativa su Privacy Cookies. Proseguendo nella navigazione di questo sito o cliccando sul bottone ‘Accetta e Chiudi’, acconsenti all’uso di tutti i cookie. Accetta e Chiudi
peuterey rosso Non accusiamo i medici di Belcolle