catalogo peuterey towards a sustainable approach to management in the glocal context

peuterey negozi milano towards a sustainable approach to management in the glocal context

Il saggio ripercorre le principali tappe del dibattito internazionale che negli ultimi anni ha condotto ad una nozione di cultural heritage aperta e dinamica, volta al superamento del dualismo tra materiale e immateriale e attenta al ruolo delle comunità locali nei processi di riconoscimento, tutela e valorizzazione del patrimonio stesso. Dopo aver preso in esame l’apporto degli studi giuridici, con specifico riferimento al contesto italiano, si analizza il contributo delle scienze sociali, soprattutto manageriali, particolarmente sensibili al tema della sostenibilità delle politiche e delle azioni finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale anche attraverso l’applicazione di strumenti partecipativi. In quest’ottica, riconoscendo un ruolo centrale alla governance e alla collaborazione tra attori pubblici e privati che operano in un medesimo contesto, si porta infine l’attenzione sugli ecomusei, come caso esemplare dell'”immateriale che vive nella materialità”, evidenziando i nodi problematici che emergono dall’analisi della realtà italiana e suggerendo possibili linee di ricerca future.

The paper traces the main steps of the international debate that during the last years lead to an open and dynamic notion of cultural heritage, overcoming the dualism between tangible and intangible and considering the role of local communities in the processes of heritage recognition, safeguarding and enhancement. After examining the contribution of legal studies, above all in Italy, the approach of social sciences is analysed, focusing on management. These studies have explored the sustainability of policies and actions towards tangible and intangible cultural heritage enhancement, also through the application of participatory tools. In this perspective, governance and collaboration among different actors working in the same context gain a central role. Finally, the attention is focused on eco museums as an exemplar case of “intangible that lives in tangible”, highlighting some crucial issues emerging from the analysis of the Italian context and suggesting possible future research lines.

Aikawa Faure N. (2009), From the Proclamation of Masterpieces to the Convention for the Safeguarding of Intangible Cultural Heritage, in Smith, Akagawa 2009, pp. (2013), Mettere in valore una comunità in “questua”. Patrimonio immateriale e cortocircuiti glocali, Voci. Annuale di Scienze Umane, X, pp. 21 35.

Barbati C., Cammelli M., Sciullo G., a cura di (2011), Diritto e gestione dei beni culturali, Bologna: Il Mulino.

Barrios Iiguez E. (2002), Del folklore a la identidad. La cultura tradicional y popular: proteccin del patrimonio cultural intangible, Oruro: edicion del autor.

Bartolini A. (2014), L’immaterialità dei beni culturali, Aedon. Rivista di arti e diritto on line, n. 1, gennaio aprile. Beni Culturali nel Bilancio Sociale di Impresa (2005), Pisa: Associazione Amici della Scuola Normale Superiore.

Bindi L., a cura di (2013a), Alla fi era delle identità. Patrimoni culturali, turismo, mercati, Voci. Annuale di Scienze umane, X.

Bindi L. (2013b), Il futuro del passato. Il valore dei beni immateriali tra turismo e mercato della cultura, Voci. Annuale di Scienze Umane, X, pp. 36 48.

Black G. (2012), Transforming Museums in the Twenty fi rst Century, Abingdon: Routledge.

Blake J. (2009), UNESCO’s 2003 Convention on Intangible Cultural Heritage: the implication of community involvement in ‘safeguarding’, in Smith, Akagawa 2009, pp. 45 73.

Bortolotto C., a cura di (2008a), Il patrimonio immateriale secondo l’UNESCO: analisi e prospettive, Roma: Istituto Poligrafi co e Zecca dello Stato Libreria dello Stato.

Bortolotto C. (2008b), Introduzione. Il processo di definizione del concetto di “patrimonio culturale immateriale”. Elementi per una riflessione, in Bortolotto 2008a, pp. 7 48.

Bortolotto C. (2012), Gli inventari del patrimonio culturale intangibile quale “partecipazione” per quali “comunità”?, in Scovazzi et al. 2012, pp. 75 91. (2006), I beni culturali demoetnoantropologici, Roma: Carocci.

Caforio G. (2014), La tutela delle tipicità appartenenti alla pubblica amministrazione, Aedon. Rivista di arti e diritto on line, n. 1, gennaioaprile.

Calcagno M. (2012), Safeguarding the intangibles through innovation, in Scovazzi et al. 2012, pp. 301 317.

Casini L. (2014), “Noli me tangere”: i beni culturali tra materialità e immaterialità, Aedon. Rivista di arti e diritto on line, n. 1, gennaio aprile.

Castilla A. (2010), El museo en escena: poltica y cultura en América Latina, Buenos Aires: Paids, Fundacin TyPA.

Cattaneo M. (2013), Brigantaggio e patrimonio culturale. Una rifl essione su alcune recenti tendenze museali e turistiche, Il capitale culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage, n. 8, pp. 159 173.

Cavicchi A., Santini C., Belletti E. (2013), Preserving the authenticity of food and wine festivals: the case of Italy, Il capitale culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage, n. 8, pp. 251 271.

Chhabra D., Healy R. Sills E. (2003), Staged Authenticity and Heritage Tourism, Annals of Tourism Research, 30, n. 3, pp. 702 719.

Chhabra D. (2012), Authenticity of the Objectively Authentic, Annals of Tourism Research, 39, n. 1, pp. 499 502.

Clemente P., Mugnaini F. (2001), Oltre il folklore. Tradizioni popolari e antropologia nella società contemporanea, Roma: Carocci.

Creaco S. (2014), Note sull’economia e la fi nanza degli ecomusei, in Reina 2014a, pp. 101 114.

De Varine H. (2005), Le radici del futuro. Il patrimonio culturale al servizio dello sviluppo locale, Bolgona: Clueb.
catalogo peuterey towards a sustainable approach to management in the glocal context