giacche invernali peuterey Desperate HouseWives

pelliccia peuterey Desperate HouseWives

presto diventa Primo Assistente di registi di fama internazionale come i fratelli Taviani, Michelangelo Antonioni, Maurizio Zaccaro, Giancarlo Soldi, Giampaolo Tescari, Maurizio Azzali, Dario Piana, Gavino Sanna, Andrea Cardile, Jerard de Batista, Jacques Venait, Robert Fraisse e altri.

Si specializza nella regia di videoclip (Luca Carboni, Pino Daniele, Gino Paoli, Stadio) e spot pubblicitari (Brooklyn, Swatch, Glent Grant, Four Roses, Morositas, Loewe, Jeans Market, Kerastase, CBM gioielli, Lovable, Vivident, Longines, Ferrari ecc) e programmi televisivi (Nonsolomoda, Sereno Variabile).

Lavora come fotografa di moda a New York, Londra, Parigi, Madrid e Milano per numerose testate tra cui Amica, Anna, Biba, Casa Amica, Case da Abitare, Centurion, Citizen K, Cosmopolitan, D di Repubblica, Departure, Elle, Glamour, Harpers Bazaar America, Interni, Io Donna, Kidswear, Label, Marie Claire, Max, New Woman, Nest, Pap Magazine, Playboy Italia, SimplyCity, Sportweek, Spoon, Surface, Sport Style, Tell, Urban, Vogue Gioiello, Vogue Pelle,
giacche invernali peuterey Desperate HouseWives
Vogue Sposa, Vogue Bambino, Vogue Italia.

Realizza diverse campagne pubblicitarie (Barilla, AEM, Banca Aletti, Basile, Bergamon, Brooklyn, BTicino, Bergamon, Borbonese, BPU Banca, Brendel, Camomilla, Coast Weber Hauser, Dema, Divani Divani, Euclorina, Facis, Fiat, Finmeccanica, Flou, Four Roses, Frau, Frigoriferi Milanesi, Genesio, Garnier, Glen Grant, Hettabret, Illy Caffe’, Inc Corea, Indian Roses, Las, Le Coccinelle, Legrand, Les Belles profumo, Longines Orologi, Lovable, Mazzini, Meliani, Monoprix, Morositas, Nina Ricci, Nivea, New Penny, Prenatal, Pringles, Printemps Magazine, Quelle, Ras, Redwall, Roc, Romeo Gigli, Safilo, Seat, Siemens, Silk La Stampa, Strato, Swatch, Vivident ecc.) e numerose copertine di cd (Fausto Leali, Ottmar Liebert, Loreena Mckennit. Atmosphere ed altri).

Molte le mostre personali e collettive. Nel 1995 e nel 2011 espone alla Biennale di Venezia. maggio

Personale Galleria Art “Da Milano ad Hong Kong” aprile

Progetto CityLife AD affidato a Daniel Liebeskind,
giacche invernali peuterey Desperate HouseWives
Milano. tutto 2012Partecipa alla 54 Biennale di Venezia giugno

Collettiva da Byline novembre

“Erba e fior che la gonna” presso VisionQuesT Gallery di Genova. giugno settembre

Personale “Hotel M” al Visionnaire maggio giugno

Personale di Malena Mazza “Allegra” Brera aprile maggio

Cristiana Capotondi vista da Malena Mazza ritratti dell’attrice Mostra in Stazione Centrale Glamour aprile

piumini donna outlet Design and Gender Studies

peuterey piumini outlet Design and Gender Studies

Speaking of women and design, it is important to recall the crucial role carried out by Gender Studies. Therefore, we asked a short interview to Cheryl Buckley, one of the main protagonists of design gender studies.

Besides, Cheryl Buckley article in Patriarchy: Toward a Feminist Analysis of Women and Design extracted from Design Issues, Vol. 3, N. 2 (Autumn), The MIT Press, Cambridge1986, pp.

There follows a short report on Gender Studies[ref]Cultural Studies are the meeting point of the different contributions coming from numerous disciplines social sciences, cultural anthropology, semiotic, aesthetic theories, history of science and communication techniques that aim at establishing the right of difference: sexual, ethnic, racial, religious, geographic. Cultural Studies re evaluate and express subcultures and focus on subjects that are considered marginal: sexuality, gender, media, social and cultural movements, interethnic relationships and popular culture.[/ref], originating from multidisciplinary and interdisciplinary approach to the study of socio cultural meanings of gender identity in order to dismount the established knowledge on historiographical methods, by unveiling the ideologies that led to the lack of women in history books and in order to define new research paths in design.

Born in North America between the 70s and the 80s within the Cultural Studies , Gender Studies started spreading in Western Europe during the 80s. They developed from a specific branch of the feminist thought and found basic ideas in post structuralism and in French deconstructionism (above all Michel Foucault and Jacques Derrida), in the studies on language and psychology (Jacques Lacan and, in a post lacanian perspective, Julia Kristeva).

Gender Studies are not a branch of knowledge apart, but a modality of interpretation of the different aspects of human life, the formation of identity and of the relationship between the individual and society and the individual and culture. For this reason they can be applied to any branch of knowledge.

In the 70s and 80s the spreading of Gender Studies was characterized by a political activism purpose linked to the condition of the homosexuals and other ethic and linguistic minorities in relation to discrimination problems, racial and ethnic oppression, the development of post colonial society and globalization.

Thanks to Gender Studies nowadays it can be affirmed that the idea of gender does not coincide with the sex (biological, physical and anatomical features), but sex and gender are interdependent dimensions, in the sense that the process of gender identity definition starts from the sex, Gender is not characterized by an innate behaviour or roles but it is a cultural idea that is built psychologically and socially; not even gender identity is innate and immutable, but constantly changing through time and space, because it mirrors social and cultural conventions in a specific place and time. Therefore, the relation between sex and gender varies according the geographical area, historical period and a people culture. The ideas of masculinity and femininity are relative, that is to say dynamic and they need to be historicized and contextualized. Any society defines which values are to be assigned to a gender identity.

Throughout their development Gender Studies followed the evolution of feminist theories in the western world, that, after a phase (60s 70s), went through a phase, and subsequently a post modern and post structuralist one that unlike the radical phase which denied the difference between men and women, worked towards the construction of a theory and a practice of gender equality, taking into account the social and cultural differences.

In the design branch, Gender Studies, flourished in the British countries, argue that women are almost totally invisible in the history of design, an idea already claimed in some art studies (Rubino, 1979[2] ; Parker and Pollock, 1981; Bukley, 1986).

Therefore, in the second half of the 80s and 90s, in concurrence with the post structuralist phase of feminism, a research path began, involving many scholars who wanted to go back along the history of design again with the aim of revealing the presence and the contribution of women.

Drawing on the researchers that through a hard work, because of the lack of specific sources and bibliographies, revealed the women paths in the arts even with non conventional methods, many studies identified the women who, working in the factories (from, wall paper painters to ceramists, from weavers to stylists), within artistic movements and school such as the Bauhaus [3], significantly contributed to the history of design. the set of behaviours, attitudes, expectations, expressive forms and social relations modes though which the individual and social gender identities are defined in relation to the geographical, social and cultural context.

Judy Attfield, Cheryl Buckley and Pat Kirkham work was fundamental; they are seen as the main theorists of Design Gender Studies, to them we owe not only a map of the women designers and artisans works and biographies, but above all they re established the importance of these women role, and the specificity of female creativity and projectuality in the social contexts of design, thus marking the change from a women designer approach to a feminist approach, as Judy Attfield mantains (1989).

The feminist approach manifested the need to re discuss the cultural paradigms of modern culture, that disregarded women activity in the public sphere of production and design, confining them instead to the private sphere of care and reproduction.

Cheryl Buckley (1985; 1986) noted that, despite many studies highlighted the women work, among the critics a gender prejudice still exists: the classical historiographical methods established hierarchies, gave priority to some types of design (industrial design), designers categories (the pioneers), different artistic movements and production types (industrial), that were meant to neglect women; they ascribed to the men the dominant functional areas, relating to the industrial production, and to the women the “decorative area of design: the so called decorative or applied arts (textile, pottery, etc.) often carried out in a private or domestic context, and therefore not recognized as design activities[4].

The Gender Studies critical approach on classical historiographical methods, that caused the absence or the discrimination of the women in the histories of design despite their presence, involved a radical dispute on the well established cultural paradigms. That debate showed ideological reasons of the silence on women thus revealing the relation of dependence between patriarchy and capitalism in the Western world, and the skill of both of them in modelling and re defining society in order to avoid potential processes of transformation (Buckley, 1986).

This change of perspective opened new perspectives for the analysis and the historical reading of material culture, aimed at overcoming conventions and stereotypes. Research provided the possibility to identify new historiographical methods and parameters (for assessing design objects, and defining design and a designer activity) in order to let the dimensions hidden or omitted by previous studies, come to the surface. Especially, Cheryl Buckley underlined the need to re define and widen the borders of design, redrawing the relationships and the distinctions between the arts, craftsman and design, in order to write a more inclusive history of design than that produced by modern culture.

Also in the British cultural context of the 80s, some researchers investigating, from a feminine perspective, the role of design in the gender relationships, emerged. These include enquiries on adverts, art, visual design such as those of Ellen Lupton, and on large consumption products, of which they analyse the communicative signs and images.

The interest for this kind of studies went beyond the British world.

Researches highlighted the subordination of women in the consumerist society: that of consumers of products designed by men.

It was also analysed how the design affects the construction of a gender identity, and if subjected to stereotypes, it leads to gender discrimination.

The relationship between gender and everyday objects was analysed under different aspects: from their shape to the materials, from the colours to the finishing, all elements conveying messages on life styles, the desires of the consumerists and by which the gender identity is defined (Martha Zarza, 2001).

In Italy there is an interesting study by Raimonda Riccini whi investigated the relationship between the promotion of domestic technologies and the female identity. After clothing, the domestic technologies and techniques are the first instruments by which the female body is structured. Riccini study aims at highlighting now, despite the positive aspect of introducing technology into housework, hidden behind the utopian perspectives of a higher comfort, new forms of subservience to work are hidden, more and more insidious. (1989). Form/female follows function/male: Feminist Critiques of Design. In J. A. Walker (ed.), Design History and the History of Design, London, UK: Pluto Press, pp. 199 225.

Buckley, C. (1986, autunno). Made in Patriarchy: Toward a Feminist Analysis of Women and Design. Design Issues, Vol. 3, n. 2 pp. 3 14.

Pietroni, L. (2002, settembre). Donne e Design: il contributo dei Gender Studies. Op. cit., n. 115 pp. 15 35.

Pollock, G. with Parker R. (1981). Old Mistresses. Women, Art and Ideology, London UK: Routledge Kegan.

Riccini, R. (1997). Identità femminili e tecnologie del quotidiano. In L. Fortunati, J. Katz, R. Riccini (a cura di), Corpo Futuro (pp. 155 166). Milano IT: Franco Angeli.

Rubino, L. (1979). Le spose del vento. La donna nelle arti e nel design degli ultimi cento anni, Verona, IT: Bertani Editore.
piumini donna outlet Design and Gender Studies

www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l’intelligenza artificiale

peuterey daunenweste Dalle molecole ai farmaci con l’intelligenza artificiale

Nel 2016 la casa farmaceutica Sunovion ha affidato a un gruppo di esperti dipendenti un incarico insolito. Alla sede dell a Marlborough, nel Massachusetts, tutti i chimici sono stati invitati a competere per vedere chi avrebbe scoperto i migliori potenziali nuovi farmaci. Sulle loro postazioni di lavoro hanno trovato una griglia di centinaia di strutture chimiche, dieci delle quali con informazioni sui loro effetti biologici. Gli esperti dovevano selezionare altre molecole che avrebbero potuto essere candidate a diventare farmaci, ricorrendo alle loro conoscenze sulle strutture chimiche e di biologia. Degli 11 sfidanti, 10 si sono impegnati nel lavoro per diverse ore. Uno si impegnato per alcuni millisecondi, perch era un algoritmo.

Quel programma informatico opera di Willem van Hoorn, responsabile della divisione di chemioinformatica di Exscientia, una start up che usa l artificiale (IA) per la progettazione di farmaci. La societ con sede a Dundee, in Inghilterra, ha voluto ampliare un partenariato con la Sunovion, alzando la posta in gioco. “C di mezzo la mia credibilit dice van Hoorn. Dopo venti round della competizione ha controllato il suo punteggio. E tirato un sospiro di sollievo. L padroneggiava molto bene almeno alcune delle oscure arti della chimica: un solo esperto farmacologo aveva battuto la macchina.

Da allora Exscientia e Sunovion hanno continuato a lavorare insieme per scoprire farmaci di interesse psichiatrico. “Questa competizione ha aiutato a far entrare in gioco persone che davvero decidono dove va la ricerca chimica”, dice Scott Brown, che dirige la chimica computazionale della Sunovion.

Exscientia solo uno dei sempre pi numerosi gruppi industriali e universitari che si rivolgono ai computer per esplorare l complessit dell chimico.

I chimici stimano che possano essere creati 1060 composti con caratteristiche simili a farmaci, ossia un numero di piccole molecole superiore a quello degli atomi nel sistema solare. La speranza che gli algoritmi cataloghino, caratterizzino e confrontino le propriet di milioni di composti in vitro per aiutare i ricercatori a trovare rapidamente ed economicamente i migliori candidati a farmaco per un bersaglio terapeutico. I fautori di questa strategia sostengono che potrebbe rendere pi sicure le medicine, assicurare che meno farmaci falliscano i test degli studi clinici e consentire la scoperta di nuove classi di farmaci. Potrebbe anche aiutare ad aprire nuovi campi della chimica finora inesplorati o presunti sterili.

Ma molti farmacologi rimangono scettici, per nulla convinti che l complessit della chimica possa essere ridotta a semplici linee di codice. Anche i sostenitori dell riconoscono che molti tentativi sono falliti: i composti generati dal computer possono essere infarciti di componenti difficili da produrre, come anelli a 3 o 4 atomi, o infestati da gruppi reattivi che porrebbero problemi di sicurezza del farmaco. “Alcuni approcci computazionali possono andare male quando i ricercatori non conoscono il campo”, dice van Hoorn. “I composti che propongono sono semplicemente ridicoli”. Ma afferma che un tocco umano esperto potrebbe comunque addomesticare questi ingegnosi designer digitali. “Penso che alcune di queste idee potrebbero funzionare se gli esperti informatici collaborassero con persone che vivono davvero la chimica”.

Per navigare nell chimico, importante disporre di una mappa. Nel 2001, il chimico Jean Louis Reymond, dell di Berna, in Svizzera, ha iniziato a usare il computer per mappare quanto pi spazio chimico possibile. Dopo 16 anni, ha raccolto il pi grande database di molecole di piccole dimensioni del mondo, una gigantesca raccolta virtuale di 166 miliardi di composti. Il database, chiamato GDB 17, comprende tutte le molecole organiche chimicamente realizzabili fino a 17 atomi, il massimo di quanto potessero fare i computer di Reymond. “Solo per compilare un elenco dei composti nel database un computer impiegherebbe pi di 10 ore”, dice Reymond.

Blend Images / AGFPer raccapezzarsi in questa enorme quantit di possibili punti di partenza per un farmaco, Reymond ha trovato un modo per organizzare il suo universo chimico. Prendendo ispirazione dalla tabella periodica, ha raggruppato i composti in uno spazio multidimensionale in cui i composti vicini hanno propriet correlate. Le posizioni sono assegnate secondo 42 caratteristiche, per esempio il numero di atomi di carbonio di ogni composto.

Per ogni farmaco commercializzato, esistono milioni di composti chimicamente quasi identici, che differiscono magari solo per un idrogeno in pi qui o un doppio legame l E alcuni di questi funzioneranno meglio del farmaco approvato. I chimici non possono concepire tutte queste varianti senza un aiuto. “Non c modo di ottenere questi isomeri usando carta e penna”, dice Reymond.

Ma Reymond e il suo gruppo possono identificare sostanze terapeuticamente promettenti “molto vicine” a farmaci testati ricercando somiglianze tra i composti. Usando un particolare farmaco come punto di partenza, il team pu scorrere in soli 3 minuti tutti i 166 miliardi di composti presenti nel database alla ricerca di candidati a farmaco. In un saggio di prova, Reymond ha iniziato con una molecola nota che lega il recettore nicotinico dell un utile bersaglio per disturbi che coinvolgono il sistema nervoso o la funzione muscolare, e ha compilato una lista di 344 composti correlati. Il team ne ha sintetizzati tre, scoprendo che due potrebbero attivare potentemente il recettore e rivelarsi utili per trattare l muscolare dovuta all E un po come usare una mappa geologica per capire dove scavare alla ricerca dell dice Reymond. “Serve un modo per scegliere dove scavare”, dice.

Un approccio alternativo usa i computer per setacciare molti punti di ricerca dell senza preoccuparsi troppo della posizione di partenza. In termini di caccia al farmaco, significa setacciare grandi biblioteche chimiche in vitro per trovare piccole molecole che si legano a una determinata proteina. In primo luogo, i ricercatori devono prendere un di una proteina usando la cristallografia a raggi X cos da determinare la forma del suo sito di legame. Quindi, usando gli algoritmi di legame molecolare, i chimici computazionali possono scorrere le collezioni di composti per trovare le migliori corrispondenze per qualsiasi specifico sito di legame.

Science Photo Library RF / AGFCon il rapido aumento della potenza di calcolo, l di questi algoritmi migliorata. I chimici dell della California a San Francisco, diretti da Brian Shoichet, hanno mostrato le potenzialit di questo approccio nel 2016 con la ricerca di una nuova classe di antidolorifici. Il team ha vagliato pi di 3 milioni di composti commercialmente disponibili per trovare candidati all selettiva della via di segnalazione dei cos alleviare il dolore senza interferire con il percorso di segnalazione (strettamente correlato) della che si ritiene associato agli effetti collaterali degli oppioidi, tra cui la depressione della respirazione e la costipazione. I ricercatori hanno rapidamente abbattuto la vasta biblioteca di sostanze a un gruppo di soli 23 composti fortemente indicati per il proseguimento dello studio.

In provetta, sette di questi candidati hanno mostrato l desiderata. Un ulteriore sviluppo ha trasformato uno di questi in PZM21, un composto che agisce sul recettore senza attivare la La societ biotecnologica Epiodyne con sede a San Francisco, in California, e co fondata da Shoichet sta ora cercando di sviluppare un antidolorifico pi sicuro basato su questi risultati. Shoichet prevede di usare lo stesso approccio per trovare composti che modulino altri recettori accoppiati a proteine G (GPCR), una famiglia di proteine che rappresenta circa il 40 per cento degli obiettivi del farmaco.

La sua squadra sta eseguendo anche esperimenti simili con una nebulosa virtuale di 100 milioni di composti che non sono mai stati prodotti prima ma che dovrebbero essere di facile sintesi. Gli sviluppatori di farmaci dell del settore stanno verificando anche questo approccio: la societ biotecnologica Nimbus Therapeutics, con sede a Cambridge, in Massachusetts, incorpora nei suoi screening di legame composti virtuali con caratteristiche proprie di sostanze chimiche naturali che di solito devono essere faticosamente ricavate da ambienti naturali come il suolo. Se questo procedimento potr portare a farmaci ancora sub iudice, ma Don Nicholson, direttore generale della societ dice che per almeno un programma di progettazione farmacologica ” da qui che vengono tutti i nostri colpi”.

I risultati preliminari di screening virtuale stanno scuotendo una delle assunzioni di base di Shoichet riguardanti lo spazio chimico: che valga la pena di esaminare solo regioni consolidate e ricche di farmaci. Le galassie di molecole ben caratterizzate sono cos colme di composti biologicamente attivi che alcuni sostengono che sia uno spreco di tempo cercare altrove. “Per tutta la mia carriera ho seguito questa linea di pensiero. Aveva senso, anche se non c molte prove a sostenerla “, dice Shoichet. Ma gli inaspettati risultati dei suoi screening su 100 milioni di composti stanno aumentando il suo interesse per le regioni meno esplorate dello spazio chimico. “Sto cominciando a pensare che quelle galassie siano piene d

Questi approcci di ricerca sono provati e testati,
www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l'intelligenza artificiale
ma i computer coinvolti possono seguire solo le istruzioni scritte. L frontiera nella scoperta computazionale di farmaci l automatico, in cui gli algoritmi usano dati ed esperienze per apprendere quali composti si legano a quali bersagli, trovando modelli invisibili all umano. Una dozzina di aziende sono sorte proprio per creare algoritmi di ricerca di farmaci, che possono testare in collaborazione con grandi aziende farmaceutiche.

Andrew Hopkins, direttore generale di Exscientia, indica un caso indicativo della potenza di questi approcci. Ci vogliono mediamente 4,5 anni per scoprire e ottimizzare i candidati farmaci per i test preclinici e i chimici spesso sintetizzano migliaia di composti per arrivare a una sostanza promettente (che persino a quel punto ha solo una piccola probabilit di arrivare alla commercializzazione). L di Exscientia, che utilizza vari algoritmi, incluso quello che ha impressionato i dirigenti della divisione ricerca e sviluppo della Sunovion, potrebbe ridurre questa linea temporale a un solo anno, e ridurre il numero di composti presi in considerazione in una tipica campagna di scoperta di farmaci.

Science Photo Library / AGFNel 2015, Exscientia ha concluso una campagna di 12 mesi per conto della Sumitomo Dainippon Pharma, che possiede la Sunovion e ha sede a Osaka, in Giappone. I ricercatori hanno addestrato i loro strumenti di IA a individuare piccole molecole che modulano due GPCR contemporaneamente, scoprendo che hanno bisogno di sintetizzare meno di 400 composti per identificare un buon candidato. Il farmaco che emerso ora vicino alla fase di sperimentazione clinica per una malattia psichiatrica, dice Hopkins. Da maggio, la societ ha siglato accordi per centinaia di milioni di dollari con Sanofi, con sede a Parigi, e GlaxoSmithKline, con sede a Brentford, in Gran Bretagna.

Oltre a individuare i migliori candidati, gli algoritmi di apprendimento automatico possono anche aiutare gli sviluppatori di farmaci a decidere rapidamente quali composti eliminare, afferma Brandon Allgood, direttore della divisione tecnologica della Numerate, azienda di progettazione farmacologica basata sull con sede a San Bruno, in California. Non c motivo di sintetizzare e testare un composto che nel giro di pochi mesi non riesca a superare i test di tossicit o di assorbimento, dice. Con l “ci vuole solo un millisecondo per decidere dentro o fuori”, afferma Allgood, che si era formato come cosmologo prima di iniziare a usare gli strumenti dell per studiare il cosmo chimico. Quest la Numerate ha messo a segno due accordi con aziende farmaceutiche, tra cui uno con la Servier, con sede a Suresnes, in Francia, per sottoporre farmaci scoperti con l a studi clinici che ne testino l nell cardiaca e nelle aritmie.

Gli investimenti delle industrie fioriscono, ma gli approcci computazionali hanno ancora molto da dimostrare. La collezione di sostanze de Reymond gigantesca rispetto ad altre biblioteche, ma copre la frazione minima dell chimico (vedi l di “Nature”). Nonostante i 166 miliardi di composti presenti nel suo data base, deve ancora andare alla ricerca di un astronomo che cerchi di contare tutte le stelle del cielo notturno, ma finora ne ha trovato solo uno. Gli screening che fanno affidamento sulla corrispondenza fra proteine e farmaci richiedono la definizione di strutture cristalline molto precise per produrre i migliori risultati e questi dati richiedono tempo, denaro e competenza per essere ottenuti. Questi metodi inoltre faticano a trattare le proteine in movimento e i loro suggerimenti non sono molto soddisfacenti. Gli algoritmi di apprendimento meccanico, da parte loro, funzionano bene solo nella misura in cui sono buoni i set di dati usati per il loro addestramento, mentre funzionano particolarmente male quando incontrano composti che sembrano diversi dalle molecole che hanno gi incontrato. Inoltre, i programmi funzionano come scatole nere e non possono indicare perch prevedono che un composto sar buono.

Molti approcci computazionali hanno anche un fastidiosa: suggerire candidati che sono un vero e proprio incubo da creare in laboratorio. I chimici devono faticosamente definire una ricetta per il composto suggerito, e questo pu richiedere mesi o pi Anche allora, non c garanzia che la molecola funzioni una volta prodotta. L di Reymond predice correttamente un profilo di attivit del composto solo il 5 10 per cento delle volte, e ci significa che i chimici devono affannarsi a produrre fino a 20 composti per trovarne uno che funzioni come previsto. “Direi che il collo di bottiglia nella nostra esplorazione dello spazio chimico la capacit di produrre composti”, dice Reymond. Per questo, di recente ha scremato il suo universo chimico fino a una lista di 10 milioni di molecole di facile realizzazione, pur coprono ancora una vasta gamma di propriet

Mark Murcko, direttore scientifico della Relay Therapeutics a Cambridge, in Massachusetts, pensa che i chimici computazionali dovrebbero concentrarsi meno sulle nuove strategie algoritmiche e pi sul miglioramento dei set di dati da cui apprendono. “Uno dei modi migliori di rendere pi efficace un modello predittivo continuare a nutrirlo sempre di pi e sempre meglio, di dati”, dice. La Relay, come atre societ hanno chimici operativi che lavorano a stretto contatto con gli informatici, sintetizzando i composti proposti sia dagli esseri umani che dagli algoritmi e usando i risultati ottenuti per migliorare le decisioni future.

Per Hopkins, queste collaborazioni sono la chiave. Ci sono voluti decenni perch gli informatici riuscissero a scrivere programmi in grado di competere con i grandi maestri di scacchi. Poi, nel 1997, Deep Blue della IBM ha battuto Garry Kasparov. Ma la sconfitta non ha segnato la fine degli scacchi. Invece, Kasparov ha creato una versione del gioco in cui si fronteggiano due squadre, ciascuna composta da un giocatore umano e una IA. “Insieme l e l possono sovrastare qualsiasi uomo, ma possono anche superare qualsiasi algoritmo”, dice Hopkins. Lui vuole lo stesso mix di macinazione dei dati, creativit e buon senso per trasformare la scoperta dei farmaci. “Credo che siamo all Kasparov Deep Blue”.

(L di questo articolo stato pubblicato su Nature il 26 settembre 2017. Traduzione ed editing a cura di Le Scienze. Riproduzione autorizzata,
www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l'intelligenza artificiale
tutti i diritti riservati.)

peuterey firenze outlet Dalle foreste il nuovo carburante verde senza disboscare

peuterey milano Dalle foreste il nuovo carburante verde senza disboscare

di Gunter Pauli Oggi la produzione mondiale di resina di gomma proveniente da pini è di circa 1,5 milioni di tonnellate. La resina viene trasformata in colofonia (colophon) e in ingredienti per l della carta, della vernice, dell e degli adesivi. Viene anche usata per fare la trementina, un biochimico altamente infiammabile, usato decenni fa come carburante.

Quando Soichiro Honda introdusse la sua moto nel 1947, era alimentata da trementina. La benzina era difficile da ottenere, e poi il Giappone era coperto dal 70% di foreste, principalmente con pini.

Al tempo Mr Honda era l che vendeva sia il veicolo che il carburante. Il team ha quindi pensato di rispolverare la trementina, il sottoprodotto della lavorazione delle resine.

Hanno studiato un metodo per eliminare ogni impurità dalla trementina, utilizzando un metodo a 4 stadi. Se il signor Honda avesse avuto accesso a questa trementina pura, avrebbe proposto una massiccia riforestazione ai tropici per la conquista del mercato mondiale delle moto. La Blue Economy è questo. Le innovazioni devono spingere altre innovazioni, chiudendo un cerchio veramente senza sprechi e rifiuti o, al massimo, con il minimo possibile.

Prima di tutto il centro ricerche situato a Vichada in Colombia, è totalmente autonomo, contando su ben 40,000 istallazioni fotovoltaiche. Questo incide pesantemente sul prezzo e le prestazioni dei prodotti e dei laboratori.

La rigenerazione della foresta costa circa 1.100 dollari per ettaro. Una foresta nuova aumenterà il pH del suolo, che filtrerà l acqua piovana. La vendita di acqua potabile diventa un primo flusso di cassa che si inserisce anche in una strategia di assistenza sanitaria preventiva, in una regione in cui la maggior parte della popolazione soffre di malattie gastrointestinali a causa della mancanza di acqua.

Mentre Las Gaviotas è in grado di rispondere a tutta la domanda locale, l eccesso di acqua filtrata viene venduto a Bogotà. Dopo sette otto anni la giovane foresta inizia a produrre resina di gomma. Poiché Las Gaviotas produce in loco le proprie energie rinnovabili e lavora localmente la resina, si creano posti di lavoro e opportunità.

Inoltre si diminuisce il carburante importato.

Se Las Gaviotas dovesse spostarsi verso la piena capacità sfruttando gli attuali 8.000 ettari con circa 3,6 milioni di pini, ogni anno potrebbe generare 2,3 milioni di litri di trementina come biocarburante rinnovabile.

I soldi usciti dall locale, ora circolano nella regione, generando posti di lavoro e reddito.

Invece di lavorare la resina esclusivamente per il colophon, si dovrebbe costruire una bioraffineria, generando quattro flussi di cassa. Questo è redditizio.

Gli alberi maturi potrebbero anche produrre un litro all Duemilacinquecento alberi potrebbero produrre combustibile sufficiente per guidare 50.000 chilometri con un a basso consumo di carburante. Si tratta di un opzione interessante per le economie remote, in quanto la proposta non mira semplicemente a competere sul piano dei prezzi e delle prestazioni con il gasolio o la benzina, ma modifica il modello commerciale in cui un investimento genera rendimenti consistenti e aumenta il valore dei terreni. Il legno può ancora essere trasformato in matite, creando una quinta opportunità di business.

Una foresta appena piantata può fornire reddito, rispondere al bisogno di acqua e carburante, fornire la biodiversità necessaria e rinfoltire le aree verdi. Costruì la prima fabbrica, Ecover, di detersivi biodegradabili che utilizzavano gli acidi grassi dell’olio di palma al posto dei tensioattivi petrolchimici. Ha fondato la “Zero Emissions Research Initiative”, rete internazionale di scienziati, studiosi, ed economisti che si occupano di trovare soluzioni innovative, progettando nuovi modi di produzione e di consumo a minor impatto ambientale.
peuterey firenze outlet Dalle foreste il nuovo carburante verde senza disboscare

giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento

peuterey damenjacken Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento

Dal 1 gennaio 2018 la spesa degli italiani costerà di più. A regalarci uno sgradito aumento nel carrello è l di una tassa sui sacchetti della frutta e della verdura, che non saranno più gratuiti ma costeranno fino a due centesimi a busta.

Come riporta Il Fatto alimentare, una direttiva della Ue stabilisce che dal primo giorno del prossimo anno nel banco self service della frutta e della verdura i sacchetti distribuiti per porzionare gli alimenti dovranno essere rigorosamente biodegradabili: una condizione che peraltro è già soddisfatta da diverse catene di supermercati italiani.

Non tutti, però, si sono già adeguati e comunque dal 1 gennaio tutti dovranno rinunciare a distribuire gratuitamente i sacchetti. Le buste dovrebbero costare in media due centesimi a pezzo e il totale sarà riportato fedelmente in calce allo scontrino. Chi acquisterà ad esempio cinque diverse varietà di frutta o di verdura (oppure ne imbusterà cinque diverse), pagherà fino a dieci centesimi in più sul totale della spesa.

L modo per evitare la “stangatina” sarà quello di acquistare frutta e verdura direttamente confezionati nella vaschetta di plastica ma da una rilevazione diffusa recentemente sempre dallo stesso Fatto Alimentare emerge che ben l degli italiani reputa la frutta sfusa più “sana” rispetto a quella già confezionata. Secondo lo studio condotto da Ipsos per Novamont però pare che il 58% degli intervistati ritenga equo pagare 2 centesimi per ogni sacchetto.

Dom, 10/12/2017 21:20

Ci risiamo con le direttive demenziali della UE. E non mi riferisco alla pretesa di imporre la tipologia di materiale del sacchetto (biodegradabile, che poi non lo è comunque al 100% e quindi una buona parte di inquinamento la crea comunque) ma a quella di imporne il pagamento, diretto alla cassa e registrato sullo scontrino, per ogni singolo sacchetto utilizzato: una cosa meramente commerciale tra il cliente e l’azienda distributrice. Ma ci volete prendere proprio per dei cxxxxxi? Questo è ciò che siete voi che credete che avere lo scettro del comando vi consenta di vessare il prossimo.

Dom, 10/12/2017 23:42

FoxMulder 19:14 Con tutto il rispetto dovutole, è evidente che lei non ha capito un beato klinz ! Lei va a fare la spesa di frutta/verdura “sfusa” al supermercato e mette i singoli prodotti “sfusi” nelle sue “BUSTE INDISTRUTTIBILI, enormi,
giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento
di tela o gomma, al prezzo di circa 2, che durano TUTTA LA VITA” ? Bravo; e come presenta alla cassa la sua spesa ? Dove attacca i tagliandi adesivi con l’indicazione peso/prezzo/etc del singolo prodotto ? Se li appiccica in fila sulle sue BUSTE INDISTRUTTIBILI, in fronte e/o sulle chiappe ? Nel titolo è scritto chiaramente : “ogni sacchetto biodegradabile in cui si confezionano frutta e verdura sfuse” (sfuse sfuse sfuse); le sportine da lei menzionate non c’entrano un beato klinz !!!

Lun, 11/12/2017 01:01

Max Mulder forse dovrebbe leggere meglio l’articolo, si parla delle bustine utilizzate per imbustare la frutta o la verdura venduta singola.

Con queste bustine il cliente pesa da se e etichetta il bene acquistato o in alcuni supermercati questa operazione è svolta alla cassa.

Le buste riciclabili sono ampiamente utilizzate da moltissimi italiani, in quanto le buste con cui si imnusta la spesa totale sono da molti anni a pagamento. Le faccio inoltre notare che anche nei Paesi del Nord Europa ( io abito nel UK) si utilizzano le buste non riciclabili in UK costano dai 5 ai 10 pence e molto le utilizzano. Ha dimostrato che lei non fa la spesa,

Lun, 11/12/2017 14:52

Una cosa ben chiara si evince da quanto riportato nell’articolo: “Le buste dovrebbero costare in media due centesimi a pezzo e il totale sarà riportato fedelmente in calce allo scontrino”,
giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento
vale a dire che i ladri di stato aggiungeranno un’altra gabella a quelle già in atto. Direte: ma che sarà mai, non saranno certo miliardi di . Vero, ma ricordate sempre che “tanti cicin fan un ciciun” e questo spiega l’aumento delle tasse nonostante il diniego del bischero PDiturno e dei suoi accoliti e com stiano cercando di raschiare il fondo del barile (col rischio di sfondarlo irreparabilmente).

outlet woolrich da Renato Guttuso a André Kértesz

piumini peuterey scontati da Renato Guttuso a André Kértesz

Andr K a Palazzo Ducale di Genova e l’arte rivoluzionaria di Renato Guttuso a Torino, la Dancalia, uno dei pochi luoghi della terra dove ancora possibile osservare i fenomeni che hanno dato origine al mondo, fotografata da Andrea Frazzetta in “Danakil: Land Of Salt And Fire” a Roma; e poi ancora la storia italiana dagli anni ’70 al 2000 raccontata attraverso la moda in “Italiana” a Milano e la citt della Madonnina ritratta con l’occhio neorealista di Nino De Pietro in “Schegge di periferie”. E ancora, per volgere lo sguardo oltre l’Europa, ultima settimana per “Paco. A Drug Story” di Valerio Bispuri al Museo di Roma in Trastevere.

Henri Cartier Bresson lo inser nel proprio pantheon personale: “Qualsiasi cosa facciamo, Kert l’ha fatto prima di noi”, scrisse. Prospettive audaci, angoli inusuali, visioni surrealiste applicate alla fotografia e distorsioni, Andr Kert (1894 1985) uno dei grandi pionieri dello scatto che ha lasciato un solco nel ventesimo secolo soprattutto per la sua abilit nel creare composizioni. Dal 24 febbraio al 17 giugno Palazzo Ducale di Genova prende in prestito dal Jeu de Paume di Parigi 180 fotografie del maestro ungherese, pi quattordici rare pubblicazioni dell’epoca concesse da una collezione privata italiana, per dedicargli una retrospettiva, a cura di Denis Curti, che rende conto di oltre cinquant’anni di carriera. Immagini utilizzate come fossero un diario visivo, colte in guerra sul fronte russo polacco quando si arruol volontario nel 1915, o nella Ville Lumi al suo rientro, ma sempre delicate, quasi a voler ricacciare dal mondo gli aspetti pi crudi e originali.

Curata da Pier Giovanni Castagnoli, con la collaborazione degli Archivi Guttuso, la mostra raccoglie e presenta circa 60 opere provenienti da importanti musei e collezioni pubbliche e private europee, tra cui le tele di soggetto politico e civile dipinte dall’artista antifascista dalla fine degli anni Trenta alla met degli anni Settanta. Nell’ottobre del 1967, in occasione del cinquantesimo anniversario della rivoluzione d’ottobre, Renato Guttuso scrisse su Rinascita, la rivista politico culturale del Partito Comunista Italiano, un articolo intitolato “Avanguardie e Rivoluzione” in cui riconosceva alla rivoluzione il merito di aver fondato una nuova cultura con cui si identifica profondamente e a cui faceva professione di fede: “L’arte umanesimo e il socialismo umanesimo”. A poco pi di cinquant’anni dalla pubblicazione di quell’articolo la GAM di Torino riconsidera il rapporto tra politica e cultura attraverso una mostra dedicata all’esperienza dell’artista siciliano, a partire dal dipinto “Fucilazione in campagna” del 1938, ispirato alla fucilazione di Federico Garcia Lorca, alla condanna della violenza nazista nei disegni urlati e urticanti del “Gott mit uns”(1944) e all’epica popolare di “Marsigliese contadina”, 1947 o “Lotta di minatori francesi”, 1948. Un grande, ininterrotto racconto che approda, negli anni Sessanta, a risultati di partecipe testimonianza militante, come in Vietnam (1965) o a espressioni di partecipe affettuosa vicinanza, come avviene, nel richiamo alle giornate del maggio parigino, con Giovani innamorati (1969) e pi tardi, in chiusura della rassegna, a quel compianto denso di nostalgia che raffigura i Funerali di Togliatti (1972) e in cui si condensa la storia delle lotte e delle speranze di un popolo e le ragioni della militanza di un uomo e di un artista.

Un viaggio tra le infinite distese di sale, laghi dai colori psichedelici e vulcani attivi. Situata nella parte settentrionale del triangolo di Afar, zona che deve il nome alle popolazioni nomadi che vi abitano, la vasta depressione della Dancalia l’anello di congiunzione di tre placche tettoniche in costante espansione tra Etiopia, Eritrea e Gibuti, una terra in continua evoluzione che allo stesso tempo paradiso e inferno. un luogo ancestrale, fatto di fuoco, sale e lava, dove ancora possibile osservare i fenomeni che hanno dato origine al mondo. Quando 20mila anni fa le sue acque si sono ritirate e il mare evaporato si sono create le particolari condizioni che hanno generato una distesa di rocce evaporitiche e la piana del sale, un deserto circa 600 chilometri. Con le sue fotografie Andrea Frazzetta racconta uno dei luoghi pi vulnerabili al mondo: il fuoco proprio sotto i nostri piedi, a cinque chilometri, e la crosta terrestre viene sottoposta a sollecitazioni di ogni tipo. una parte del pianeta abitata dagli Afar, popolo nomade che si adattato a sopravvivere in una terra dura e impossibile, guadagnandosi nel tempo la fama di popolo di guerrieri.

“Ehi senti, se vuoi salire un momento a bere un bicchiere di vino, qualcosa. per non voglio obbligarti, sarai in ritardo e tutto il resto”. “No va benissimo, ho tempo. Ho soltanto l’appuntamento con lo psichiatra”. “Vai dallo psichiatra?”, “Si, da quindici anni soli. Gli concedo un altro anno,
outlet woolrich da Renato Guttuso a André Kértesz
poi vado a Lourdes”. La prima volta che Brian Hemill incontr Woody Allen fu sul set di “Io e Annie”. Era il 1977 e il film portava ancora il nome di “”Anhedonia” preso in prestito dalla psichiatria per indicare l’incapacit di provare piacere. Prima di allora Hamill non aveva mai visto i film del cineasta americano, ma presto capisce che il nevrotico personaggio logorroico e pieno di manie che va in scena non altro che una finzione, e che Woody, in realt un uomo parco di parole e complimenti, che non interagisce molto con i suoi attori e che al classico “cut!” alla fine di una scena, sostituisce un laconico “okay”. “Ha gli occhi dietro la testa, sa riconoscere gli scatti che meritano, ha un’anima dice invece di Hamill il grande regista sa comporre, illuminare: arriva al punto”. E infatti lo porta con s su ben ventisei set, tra cui “Manhattan” (1979) e “Zelig” (1983): queste e altre fotografie, “rubate” dietro le quinte ma anche a casa di Allen mentre ai fornelli o mentre studia le pellicole appena girate in cucina, sono in mostra a Mantova fino al 22 aprile. “Brian Hamill’s Test of Time: Woody Allen, New York e gli altri” racconta in cinquanta immagini la carriera del fotoreporter e fotografo di scena che dagli anni ’70 ha lavorato sul set di oltre settantacinque film, ma dipinge anche un affresco della cultura e della scena newyorkese a cavallo tra gli anni Sessanta e Ottanta fatta di attori, musicisti e sportivi che sono diventati vere e proprie icone: Maryl Streep, John Lennon, Francis Ford Coppola, Barbara Streisand, Robert Downey Jr, Mohammed Ali e Robert De Niro sul set di Toro Scatenato.

Lui e lei con i capelli lunghi, lui e lei in doppio petto grigio, lui e lei quasi alla stessa altezza: si tengono per mano e guardano dritto nell’obiettivo, alla pari. In “Unilook di Giorgio Armani pubblicato in “L’Uomo Vogue” di dicembre gennaio 1971 1972, c’ tutto il portato delle grandi conquiste femministe, dell’idea di uguaglianza che ha permeato gli anni del dopoguerra, della lotta contro gli stereotipi di genere. Inizia con la rivoluzione in passerella degli anni Settanta “Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971 2001”, la mostra ideata e curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi, dalla nascita del pret con Walter Albini fino alle Torri Gemelle e alla grande crisi si dipana un percorso che traccia la storia italiana guardandola con gli occhi della moda.

Milano tra gli anni Cinquanta e Ottanta colta dall’obiettivo della Leica di De Pietro: in “Schegge di periferie” forte il rimando al cinema neorealista italiano di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica e Luchino Visconti nella rappresentazione della vita nella sua immediata realta, senza idealizzazioni o abbellimenti. Un realismo poetico in cui Milano appare nei suoi scorci non convenzionali, luoghi dismessi resi vivi dai sentimenti dei suoi abitanti, senza regole formali o imposizioni ideologiche. Il fotografo percorre “disordinatamente” le strade di Milano eseguendo straordinarie sequenze fotografiche dove si accavallano i luoghi della vecchia periferia: i navigli e i cortili delle case di ringhiera dove sono ancora presenti le tracce delle incursioni aeree della seconda guerra mondiale, la neve a Sesto San Giovanni, le scritte sui muri, le tende da sole dei grandi condomini periferici, la ferrovia nel quartiere di San Cristoforo, la Trattoria del Risveglio frequentata da Giorgio Gaber, le discariche e le loro sedimentazioni di “testimonianze ambientali”, le baracche di viale Plebisciti, il Vicolo dei Lavandai, la Fiera di Sinigaglia, gli oggetti di lavoro, le biciclette e i panni stesi ad asciugare, i tram, i manifesti del cinema e quelli strappati dai muri.

Diffusosi a partire dagli anni Novanta, prima in alcuni quartieri di Buenos Aires, poi nelle favelas e nelle periferie di tutto il Sudamerica, il consumo di paco aumentato notevolmente agli inizi del duemila. Si tratta di una droga estremamente nociva, ottenuta con gli scarti della lavorazione della cocaina, miscelati a cherosene, colla, veleno per topi o polvere di vetro. I giovani, che sono i consumatori pi assidui, arrivano ad aver bisogno di assumere fino a venti dosi al giorno di paco con conseguenze devastanti poich d immediata assuefazione. Valerio Bispuri e entrato in questo inferno di morti viventi per raccontare la sofferenza e la vita nei ghetti periferici, viaggiando tra Argentina, Brasile, Peru, Colombia e Paraguay e condividendo la quotidianit dei consumatori di paco. Bendato per non riconoscere i luoghi in cui si muoveva riuscito a farsi accompagnare nelle “cucine della droga”, ha seguito le vite distrutte dei consumatori e delle loro famiglie,
outlet woolrich da Renato Guttuso a André Kértesz
ritraendoli nelle sue immagini dal grande impatto emotivo e narrativo.

parka peuterey uomo Czech Republic

peuterey donna lungo Czech Republic

Prague, City of a Hundred Spires, a UNESCO monument and one of the most beautiful cities in the world. Get to know it in person!

The Old Town Hall with the famous Prague Astronomical Clock. The winding lanes of the Jewish Quarter, which you know from the novels of Franz Kafka, steeped in the legend of the Golem. Cafes enticing you to come and have a seat,
parka peuterey uomo Czech Republic
boutiques and sight seeing cruises on the Vltava. The Gothic Charles Bridge and Church of St. Nicholas in the Lesser Town, the most beautiful Baroque church in Prague. The Palace Gardens set away from the bustle of the city, Petn with a lookout tower reminiscent of a small Eiffel Tower and Prague Castle Each of Prague districts has its own characteristic atmosphere and unique charm. Prague presents itself to you as a changeable city, which likes to alternate styles: it is romantic and successful, ancient and modern, but above all it is a city that is cosmopolitan through and through,
parka peuterey uomo Czech Republic
and is used to welcoming foreigners. It is time to get acquainted.

pelliccia peuterey Cristina D’Avena al Valdichiana Outlet Village per la Fondazione ospedale pediatrico Meyer

www peuterey it Cristina D’Avena al Valdichiana Outlet Village per la Fondazione ospedale pediatrico Meyer

Arezzo, 26 gennaio 2018 Mentre i quattro cantieri di Foiano si apprestano a disvelare i carri dell’edizione 2018 del Carnevale più antico d’Italia, con le fantasmagoriche creazioni in cartapesta pronte per la prima uscita in programma domenica, questo sabato 27 gennaio la festa è al Valdichiana Outlet Village: “Il ricco calendario di eventi, realizzato in collaborazione con i cantieri e patrocinato dall’Amministrazione Comunale di Foiano annuncia il Center Manager Riccardo Lucchetti prevede infatti la presenza di Cristina D’Avena preceduta dai Cosplay, in una giornata con finalità benefiche in favore della Fondazione Ospedale pediatrico Meyer di Firenze”. Attesa palpabile per lo special guest della popolare artista, interprete, fin dagli anni ’80, di indimenticabili sigle di cartoni animati e che dalle 17 è attesa in piazza Maggiore da grandi e piccini: chi non ricorda il refrain di “Kiss me Licia” o “La canzone dei Puffi!” Recentemente, per la Warner Music Italy è uscito il nuovo album della cantante.

Il disco, intitolato “Duets tutti cantano Cristina”, contiene i più grandi successi della D’Avena, riarrangiati e incisi in duetto con 16 big della musica italiana. Subito in vetta alla classifica degli album più venduti, la D’Avena vince un disco d’oro per le oltre 25.000 copie vendute dopo 3 settimane dall’uscita e ottiene il platino lo scorso 2 gennaio per avere superato quota 50.000 copie. Grazie a questo successo, Cristina D’Avena diventa l’unica donna nella Top 20 degli album più venduti in Italia nel 2017, sorpassando colleghe nazionali ed internazionali. L’artista sarà preceduta dall’esibizione dei Cosplay, che dal fantastico mondo dei comics si materializzeranno nella Land of Fashion per uno show sottoposto al giudizio degli esperti di Chimera Comics Arezzo.

“L’intera giornata di sabato è organizzata in collaborazione con la Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze ricorda Lucchetti alla quale Valdichiana Outlet Village ha destinato 5 mila euro. Anche i nostri visitatori potranno contribuire con donazioni spontanee, che saranno destinate a progetti di Play Therapy, gli interventi di animazione per bambini in ospedale, di cui la Fondazione è responsabile”.

Mentre fino al 25 febbraio sarà possibile visitare la Mostra fotografica intitolata “Viaggio nel Carnevale di Foiano dal 1900 ad oggi”, sabato 10 alle 16, direttamente dalla 479^ edizione del Carnevale più antico d’Italia, è in programma il contest dei 4 cantieri, con tanto di ambìto riconoscimento: protagonisti Azzurri, Bombolo, Nottambuli e Rustici, che invaderanno la Land of Fashion con le loro originali e allegre mascherate, dando vita ad uno spettacolo unico e coinvolgente per le vie e le piazze del Valdichiana Outlet Village. I costumi e le maschere, realizzati rigorosamente a mano, sposano il tema del carro in gara, mentre la sfilata è arricchita da coreografie ogni volta diverse e sempre più complesse, su temi e significati di cronaca e stretta attualità, qui rappresentati in chiave a tratti ironica, a tratti amara.
pelliccia peuterey Cristina D'Avena al Valdichiana Outlet Village per la Fondazione ospedale pediatrico Meyer

peuterey outlet roma crescono dipendenti e fatturato

giacche invernali peuterey crescono dipendenti e fatturato

LUCCA. Domenica 15 il Corriere della Sera è andato in edicola presentando nelle sue pagine un solo inserzionista pubblicitario, un’azienda che ha acquistato tutti gli spazi pubblicitari del quotidiano milanese, dalla prima all’ultima pagina. Un’operazione forse senza precedenti per preparare l’apertura, nella metropoli lombarda, di un punto vendita in via della Spiga. L’azienda che ha scelto questa strategia di marketing è lucchese, o meglio di Badia Pozzeveri: si tratta della G che sulle pagine del foglio milanese si è presentata con il suo marchio Peuterey, che firma capi di abbigliamento prestigiosi, di qualità e di tendenza. E che opera a stretto contatto con un’azienda, la D che promuove i marchi Dekker e Kejo. Ormai conosciuti in tutta Italia e in buona parte del mondo. Una scelta vincente, almeno a giudicare dalla crescita costante delle aziende, che oggi contano circa 200 dipendenti (buona parte dei quali è impegnata nei settori della ricerca e del marketing) con un fatturato complessivo che si aggira intorno ai 130 milioni di euro. Il merito è delle idee, del coraggio, della lungimiranza di un gruppo di imprenditori che ha puntato prima sulla qualità del prodotto (i giacconi da neve GeoSpirit) resistendo e anzi affermandosi nel momento in cui c’è stato il boom della grande distribuzione organizzata anche nel campo dell’articolo sportivo. E che poi ha privilegiato un progetto a sostegno dei suoi prodotti, arrivando a quattro marchi e a sette collezioni, invidiate e copiate al punto tale che la società è stata costretta ad avviare oltre cento contenziosi. E’ nei laboratori di via Biagioni che nascono i capi diffusi sul mercato non solo con il marchio di partenza, appunto GeoSpirit, ma anche con Peuterey,
peuterey outlet roma crescono dipendenti e fatturato
Kejo e Dekker, l’ultimo nato. Giacconi, maglieria, pantaloni, piumini, un insieme di capi che possono essere ricercati e chic, di gran classe, ma anche pratici e adeguati alle persone sempre in movimento. Qui si elaborano le idee, i progetti, qui si realizzano i modelli, qui nasce il marketing e la promozione. Le pubblicità dei prodotti compaiono su tutte le più importanti riviste di moda, anche all’estero, dove l’azienda ha avuto una crescita quantitativa considerevole. I capi delle collezioni Peuterey e degli altri marchi non sono alla portata di tutte le tasche, si inseriscono nella fascia di prezzo medio alta. Ma l’interesse resta elevato. La produzione si sviluppa in Italia e all’estero. Per garantire la stessa qualità del prodotto, la società osserva tre regole scrupolose: i laboratori vengono fatti lavorare sui modelli dell’azienda; sul posto viene inviato personale di fiducia che controlla la qualità della produzione; il materiale utilizzato arriva dal nostro paese. Oltre ai giacconi e una linea per ragazze e bambini di Peuterey,
peuterey outlet roma crescono dipendenti e fatturato

peuterey outlet veneto Creare link interni automaticamente con seoLinks per Joomla 1

giubbino peuterey donna Creare link interni automaticamente con seoLinks per Joomla 1

Forse non tutti sanno che una componente fondamentale del posizionamento di un sito web in Google è la creazione di una rete di link interni che colleghino le varie pagine, a tema fra di loro possibilmente.

E la maniera migliore per farlo indovinate qual’è? Quella manuale, quando scrivete un articolo, man mano andate aggiungendo links a vecchi articoli o ad altre pagine del vostro sito che trattino argomenti coerenti e informazioni complementari a quello che state dicendo.

Ma cosa succede quando il sito se lo deve gestire il cliente inserendo articoli o notizie? e non è in grado, non ha voglia o non ritiene importante continuare a costruire questa rete di links interni?

Semplicemente non sfrutta al massimo il potenziale che potrebbe avere il suo sito, quindi per aiutarci in queste situazioni ci viene incontro un plugin di Joomla: seoLinks (funzionante sia sulla 1.5 che 1.6 e 1.7, testato personalmente)

Per chi volesse questa è la versione senza link verso il sito dell’autore.

Ce ne sono diversi che potrebbero fare al caso nostro ma, ne ho provati parecchi e questo mi sembra il migliore da recensire, ha un ottimo rapporto semplicità/funzionalità.

Ma cosa ci permette di fare questo plugin?

Inserire link automatici a determinate pagine ogni volta che sono presenti delle date parole nel testo.

Decidere il numero di link massimi nella pagina per ogni parola data.

La classe CSS dei links

E la possibilità di escludere delle pagine da questa creazione automatica di linksEcco un sito demo di serramenti a brescia sul quale sto utilizzando questo plugin, scorrendo le varie pagine potrete notare i link creati in maniera automatica.

Obbiettivamente nella sezione news o outlet è molto utile visto che quando i clienti inseriscono nuovi prodotti in offerta o nuove news automaticamente si creano link interni fra le varie pagine e con le ancore di testo corrette.

Per quanto riguarda invece i link esterni utili ad aumentare la link popularity, ho portato a termine una mini directory sul mio sito, che vi permetterà di ottenere un link automatico ed immediato da un sito PR 3 a tema con il vostro (webmasters) solo in cambio di un link dal vostro sito.

Ciò però non sarà visto come scambio di link e quindi penalizzato da Google perchè in cambio, dovrete darmi un link verso un altro sito, quindi non sarà penalizzante.
peuterey outlet veneto Creare link interni automaticamente con seoLinks per Joomla 1