giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento

peuterey damenjacken Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento

Dal 1 gennaio 2018 la spesa degli italiani costerà di più. A regalarci uno sgradito aumento nel carrello è l di una tassa sui sacchetti della frutta e della verdura, che non saranno più gratuiti ma costeranno fino a due centesimi a busta.

Come riporta Il Fatto alimentare, una direttiva della Ue stabilisce che dal primo giorno del prossimo anno nel banco self service della frutta e della verdura i sacchetti distribuiti per porzionare gli alimenti dovranno essere rigorosamente biodegradabili: una condizione che peraltro è già soddisfatta da diverse catene di supermercati italiani.

Non tutti, però, si sono già adeguati e comunque dal 1 gennaio tutti dovranno rinunciare a distribuire gratuitamente i sacchetti. Le buste dovrebbero costare in media due centesimi a pezzo e il totale sarà riportato fedelmente in calce allo scontrino. Chi acquisterà ad esempio cinque diverse varietà di frutta o di verdura (oppure ne imbusterà cinque diverse), pagherà fino a dieci centesimi in più sul totale della spesa.

L modo per evitare la “stangatina” sarà quello di acquistare frutta e verdura direttamente confezionati nella vaschetta di plastica ma da una rilevazione diffusa recentemente sempre dallo stesso Fatto Alimentare emerge che ben l degli italiani reputa la frutta sfusa più “sana” rispetto a quella già confezionata. Secondo lo studio condotto da Ipsos per Novamont però pare che il 58% degli intervistati ritenga equo pagare 2 centesimi per ogni sacchetto.

Dom, 10/12/2017 21:20

Ci risiamo con le direttive demenziali della UE. E non mi riferisco alla pretesa di imporre la tipologia di materiale del sacchetto (biodegradabile, che poi non lo è comunque al 100% e quindi una buona parte di inquinamento la crea comunque) ma a quella di imporne il pagamento, diretto alla cassa e registrato sullo scontrino, per ogni singolo sacchetto utilizzato: una cosa meramente commerciale tra il cliente e l’azienda distributrice. Ma ci volete prendere proprio per dei cxxxxxi? Questo è ciò che siete voi che credete che avere lo scettro del comando vi consenta di vessare il prossimo.

Dom, 10/12/2017 23:42

FoxMulder 19:14 Con tutto il rispetto dovutole, è evidente che lei non ha capito un beato klinz ! Lei va a fare la spesa di frutta/verdura “sfusa” al supermercato e mette i singoli prodotti “sfusi” nelle sue “BUSTE INDISTRUTTIBILI, enormi,
giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento
di tela o gomma, al prezzo di circa 2, che durano TUTTA LA VITA” ? Bravo; e come presenta alla cassa la sua spesa ? Dove attacca i tagliandi adesivi con l’indicazione peso/prezzo/etc del singolo prodotto ? Se li appiccica in fila sulle sue BUSTE INDISTRUTTIBILI, in fronte e/o sulle chiappe ? Nel titolo è scritto chiaramente : “ogni sacchetto biodegradabile in cui si confezionano frutta e verdura sfuse” (sfuse sfuse sfuse); le sportine da lei menzionate non c’entrano un beato klinz !!!

Lun, 11/12/2017 01:01

Max Mulder forse dovrebbe leggere meglio l’articolo, si parla delle bustine utilizzate per imbustare la frutta o la verdura venduta singola.

Con queste bustine il cliente pesa da se e etichetta il bene acquistato o in alcuni supermercati questa operazione è svolta alla cassa.

Le buste riciclabili sono ampiamente utilizzate da moltissimi italiani, in quanto le buste con cui si imnusta la spesa totale sono da molti anni a pagamento. Le faccio inoltre notare che anche nei Paesi del Nord Europa ( io abito nel UK) si utilizzano le buste non riciclabili in UK costano dai 5 ai 10 pence e molto le utilizzano. Ha dimostrato che lei non fa la spesa,

Lun, 11/12/2017 14:52

Una cosa ben chiara si evince da quanto riportato nell’articolo: “Le buste dovrebbero costare in media due centesimi a pezzo e il totale sarà riportato fedelmente in calce allo scontrino”,
giubbotti invernali peuterey Dal 1 gennaio i sacchetti per la frutta e la verdura saranno a pagamento
vale a dire che i ladri di stato aggiungeranno un’altra gabella a quelle già in atto. Direte: ma che sarà mai, non saranno certo miliardi di . Vero, ma ricordate sempre che “tanti cicin fan un ciciun” e questo spiega l’aumento delle tasse nonostante il diniego del bischero PDiturno e dei suoi accoliti e com stiano cercando di raschiare il fondo del barile (col rischio di sfondarlo irreparabilmente).