peuterey kinderjacke 8 REGOLE TAGLIA

outlet peuterey italia 8 REGOLE TAGLIA

Ricerche in ambito nutrizionale hanno evidenziato che i latticini e gli altri alimenti ricchi di calcio aiutano a mantenere la linea, a prevenire l’osteoporosi e forse anche a prevenire il tumore del colon. Gli esperti raccomandano di assumere 1.000 1.200 mg di calcio al giorno (una tazza di latte ne contiene 300). Sfortunatamente, però, troppo calcio può aumentare il rischio di tumore alla prostata, con la quantità incriminata che pare aggirarsi intorno ai 600 mg al giorno. Ecco allora come sfruttare i benefici del calcio senza correre inutili rischi: Evita di assumere alte dosi di integratori di calcio se non ne hai realmente bisogno, tanto più che le proprietà innate del calcio di combattere il grasso si attivano solamente se lo ricavi da alimenti naturali. Punta sui latticini a basso contenuto di grassi e arricchiti con vitamina D (come latte e yogurt magri): la vitamina D assicura infatti una buona protezione alla tua prostata. Triplica la sicurezza della tua preziosa ghiandola mangiando di tanto in tanto un’insalata di pomodori (ricchi di licopene, una sostanza naturale che difende la prostata) e mozzarella (ricca di calcio) condita con olio d’oliva (che contiene beta sitosterolo, un grasso dotato di potere antitumorale).

Ogni anno ne sappiamo sempre di più circa i benefici per la salute dei grassi polinsaturi Omega 3, contenuti in alimenti quali pesci, noci, semi e olio di semi di lino e di pesce. Oltre a ridurre il rischio di malattie cardiache e diabete, gli omega 3 contrastano le infiammazioni in tutto il corpo, per cui aiutano anche i muscoli a recuperare più velocemente dopo gli allenamenti. E muscoli più sviluppati e meno infiammati significano un metabolismo più veloce, condizione di fondamentale importanza quando stai cercando di dimagrire. Come assicurarti la giusta dose di questi preziosi grassi? Mangiando pesce almeno 2 volte la settimana o assumendo gli integratori a base di olio di pesce. Non ti piace il pesce? Prova le uova ad alto contenuto di Omega 3: secondo alcuni studi ne puoi mangiare fino a 4 al giorno senza alcun effetto negativo sui tuoi livelli di colesterolo.

I nutrizionisti sono concordi nell’affermare che i carboidrati altamente raffinati rappresentano un serio problema, perché mandano alle stelle la glicemia poco dopo averli consumati, facendoti così sentire stanco e di nuovo affamato molto prima del normale. Ma c’è un modo per rendere i carboidrati raffinati ancora più dannosi: friggerli. Ecco perché devi escludere dalla tua dieta le patatine e tutti gli alimenti che vengono gettati nell’olio bollente dopo essere stati impanati. Una regola che serve al peso forma come alla salute.

Gli alimenti ricchi di proteine permettono di resistere maggiormente ai morsi della fame. E più sazio ti senti tra un pasto e l’altro, più facilmente riuscirai a evitare di abbuffarti a pranzo e cena. Il miglior alimento ammazza appetito? Le proteine del siero del latte. Assumile con questo frullato: 2 cucchiai di proteine del siero del latte (le trovi in qualsiasi negozio di prodotti naturali), frutta (frutti di bosco freschi o congelati, o in alternativa una banana), acqua o ghiaccio tritato. Bevine uno al giorno e vedrai che tempo poche settimane il tuo girovita inizierà a ridursi con tua grande soddisfazione.

Gli aminoacidi sono i mattoni delle proteine e quelli ramificati (o BCAA, cioè leucina, isoleucina e valina) sono i migliori di tutti perché ti aiutano a recuperare dopo un duro allenamento, riducendo il catabolismo proteico (cioè la demolizione delle proteine per avere energia in più) all’interno dei tuoi muscoli. Inoltre, i BCAA aumentano il testosterone e l’ormone della crescita, ovvero gli ormoni più importanti per combattere il grasso e sviluppare la muscolatura. Cerca allora di assumere almeno 10 g di BCAA al giorno, sapendo che abbondano particolarmente nella carne e nei latticini (2 cucchiaiate di proteine del siero del latte e 85 g di manzo apportano 10 g di BCAA). Puoi anche puntare sugli integratori, scegliendo quelli che contengono il 50% di leucina e il 25% di isoleucina e di valina: inizia con 10 g al giorno, quindi attendi un mese prima di aumentare la dose. tenendo conto che l’apporto massimo utile è probabilmente 60 g di aminoacidi ramificati al giorno.

Una volta nello stomaco, le fibre fanno sì che il cibo impieghi più tempo ad entrare nel flusso sanguigno, cosicché il tuo livello di glicemico si mantiene costante: i vantaggi sono un più consistente apporto energetico e un minor desiderio di mangiare tra un pasto e l’altro. Oltre a seguire il solito consiglio di mangiare più broccoli, crusca e prugne secche, sappi che puoi facilmente assumere più fibre attraverso qualche integratore specifico (solitamente da sciogliere in acqua e bere prima dei pasti principali).
peuterey kinderjacke 8 REGOLE TAGLIA