peuterey usa come non manifestiamo le nostre opinioni

camicia peuterey uomo come non manifestiamo le nostre opinioni

La Spirale del Silenzio è una teoria elaborata da Noelle Neumann, neglianni Settanta, secondo la quale i Media (TV in primis) hanno un effetto di persuasione sull pubblica.

Una singola persona è disincentivata dall la propria opinione se questa è percepita (anche erroneamente) come contraria a quella della maggioranza.

Questo produce un effetto a spirale che non fa che crescere, poiché disincentiva a manifestare le proprie idee, fa chiudere la persona in un silenzio. Questo non fa che aumentare la percezione del soggetto di una opinione diversa da quella di tutti gli altri, che a sua volta aumenta il silenzio in cui ci si rifugia, aumentando la segregazione sociale.

Naturalmente la TV è il media con cui maggiormente si provoca questo effetto, ma vista la pervasività dei social network, non è da sottovalutare che anche questi canali possano provocare reazioni simili se non maggiori. E una situazione comune a tutti, spesso, infatti, ci capita di essere veramente noi stessi solo con chi conosciamo bene e che sappiamo condivida la nostra posizione. Mala percezione collettiva è che tutti siano d con la maggioranza, e ciò rinforza di conseguenza,il silenzio di chi si crede in minoranza.

Questo effetto è palese quando parliamo dei temi più scottanti, come l e tutti quegli argomenti dove è bene dire una propria opinione, ma in realtà si celano opinioni profondamente diverse.

Il vero problema è che così non si riesce a correggere quelle visioni sbagliate e distorte da tanti stereotipi, proprioperché rimangono nascoste. Inoltre questo meccanismo tende a sopprimere anche quelle forze di cambiamento sane, di cui ogni società necessita per migliorarsi.

La grande differenza tra le varie correnti, le varie posizioni e punti di vista è che la pubblica opinione, quella maggioritaria,
peuterey usa come non manifestiamo le nostre opinioni
è un che può essere espressa in pubblico senza aver paura di subire danni. Sappiamo già che incontrerà i favori di tutti.

Questi sono i luoghi comuni, le frasi già fatte, i bla bla bla cui siamo sottoposti quotidianamente, fino a che diventano parte delnostrocorredo genetico.

Questo spiegherebbe ilperchéin tutte le interviste anonime risultiamo molto più razzisti di quanto nessun sondaggio riesca a cogliere, mentre in quelle pubbliche nessuno si azzarderebbe mai a rivelarlo. Queste dinamiche sono globali, ognuno ha una forma di razzismo verso qualcun altro. Nessuno ne è immune per nascita, succede anche tra ebrei o neri, infatti il razzismo è una forma di paura verso l altro inteso come estraneo.

Quanto è forte la Spirale del Silenzio?

Ognuno di noi riceve costantemente una pressione a conformarsi, soprattutto per la paura dell sociale.

La Teoria si articolerebbe in questo modo:

La società minaccia i comportamenti individuali devianti con l sociale.

Gli individui hanno paura dell paura dell porta gli individui a valutare il clima d cioè quelle opinioni maggiormente diffuse.

Il risultato della valutazione influisce sugli individui e sulle loro opinioni.

Questo processo è alla base della formazione dell pubblica.

La voce delle minoranza come sopravvive?

I punti di vista minoritari vengono espressi solo dopo che sono stati sostenuti anche dai media. Succede spesso infatti, che dopo essere trascorso un certo lasso di tempo, divengono maggioritarie posizioni che fino a pochi giorni prima non erano condivisibili.

Un esempio pratico è quando muore qualche personaggio controverso. All la pratica sociale prescrive cordoglio, ma passato il tempo per il lutto, diviene accettabile dire anche cose spiacevoli, magari qualche cosa che ha fatto e che non era giusta, ecc.

Ci sono poi i sondaggi, cui siamo ormai molto abituati. Con essi i media ribadiscono lo stato di forza tra le diverse posizioni. Oltre tutto i sondaggi costringono i cittadini alla coerenza statistica, cioè a un continuo confronto del proprio comportamento (spesso però i sondaggi portano all Bandwagon, ovvero l’effetto carrozzone, secondo cui le persone spesso compiono alcuni atti o credono in alcune cose solo perché la maggioranza della gente crede o fa quelle stesse cose).

C anche l di una potente euristica, quella del “falso consenso”: si crede erroneamente che la maggior parte della gente la pensi come noi. Quando poi non è così.

Per finire esiste un comportamento noto come “pluralistic ignorance”: le persone disdegnano in privato un qualcosa che si ritrovano ad appoggiare in pubblico. Questo sarebbe sempre dovuto alla desiderabilità sociale,
peuterey usa come non manifestiamo le nostre opinioni
cioè a presentare l di noi che abbia più probabilità di essere accettata dagli altri.

giubbotto woolrich donna A case report and review of the literature

woolrich outlet online A case report and review of the literature

Intraosseous ganglion (IOG) cyst of the scaphoid is an infrequent cause of hand and wrist pain. Intraosseous ganglia located in the scaphoid have rarely been described in the literature. We report the case of a 30 year old right handed woman who presented with a more than 24 month history of progressive right wrist pain. No history of trauma was reported. Conservative treatment with anti inflammatory medications before referral was unsuccessful. Examination revealed a small palpable mass in the carpal navicular region with no limitation of normal wrist motion. An IOG cyst of the scaphoid was found on standard radiograph and CT scan of the wrist. Treatment consisted in curettage of the cyst followed by packing of the defect with autologous cancellous bone graft harvested in the distal end of the radial metaphysis. Satisfactory functional recovery was achieved. These lesions, when located in the scaphoid, are infrequent causes of hand and wrist pain [1ChantelotC., LaffargueP., MasmejeanM., PeltierB., BaroukP., FontaineC. Intraosseous ganglion of scaphoid and lunate bones Harefuah1998 ; 134(4) : 270 272[335]. Pathological fracture of the carpal scaphoid (intraosseous synovial cyst). Clinical and therapeutic aspect. Painful intraosseous ganglion of the scaphoid overshadowed by thoracic outlet syndrome. Intraosseous ganglion of the scaphoid bone of the wrist. Isolated cases of ganglion cysts, mostly occuring in the lunate and scaphoid,
giubbotto woolrich donna A case report and review of the literature
have been reported. We report a case of IOG cyst of the scaphoid carpal bone. During that period, the patient had received multiple symptomatic treatments associating antalgic, non steroidal anti inflammatory drugs combined with periodical wrist immobilization but no improvement was observed. Symptomatology became permanent the last 2months. Clinical examination revealed a moderate swelling over the mid section of the palmar face and pain through extreme ranges of motion of the wrist. Wrist motion was not limited. Blood examination was unremarkable. Radiographic studies of the right wrist revealed a round shaped defect of the proximal part of the scaphoid (Figure 1). This lesion was solitary, well defined, with a thin sclerotic margin and no cortical defect. The adjacent joints were normal. Computed tomography revealed a lucent area within the scaphoid with communication between the cystic lesion and the adjacent joints. Other carpal bones were normal in shape and of homogeneous density (Figure 2). The patient underwent surgery through an anterior approach of the scaphoid bone combined with arthrotomy and lesion localization was performed using a wire under image intensifier. The cyst was visible through bone trephination and was of gelatinous and typical yellowish appearance. Thorough intralesional curettage of the scaphoid cavity followed by packing of the defect with cancellous bone graft harvested from the distal aspect of the radial metaphysis were performed. The bacteriological analysis for specific and common germs was negative. The content of the cyst was described anatomopathologically as a cystic formation with walls constituted by flattened, synovial like, fibroconnective tissue cells with no true epithelial lining. Neither mucoid nor myxoid degeneration was observed. A removable splint was applied for 3weeks for wrist immobilization. At 4 year follow up, pain had disappeared and the wrist demonstrated stable normal mobility (Figure 3). In most series, intraosseous ganglia have been reported to be located in the lower limb, and mainly occur in the epiphysometaphyseal part of the femur and tibia.

Pathogenesis of IOG cysts still remains controversial. There are two opposing theories: the idiopathic or primary intraosseous lesion is due to an intramedullary metaplasia of mesenchymal cells into synovial like cells or ischemic bone necrosis resulting from mechanical stress or repeated microtraumatisms. Intraosseous ganglia of the scaphoid and lunate bones: report of 15cases in 13patients J Hand Surg Am1999 ;
giubbotto woolrich donna A case report and review of the literature
24 A : 508 515[cross ref]

www peuterey it outlet Corriere del Mezzogiorno

peuterey piumini donna Corriere del Mezzogiorno

NAPOLI Qualcuno ci aveva comprato i primi regali di Natae. Molti altri avevano acquistao per se stessi. Convinti di aver realizzato un ottimo affare rifaendosi il guardaroba con tutti capi griffatissimi. Scarpe Hogan, jeans Jeckeron, giubbotti Moncler, Blauer, Peuterey e Refrigiwear. E poi abigliamento e capospalla Belstaff e Burberry. E le desideraissime polo Fred Perry, le felpe Ralph Lauren, i capi sportivi di Murphy i jeans di Dondup e, per quelli con pretese meno modaiole, scarpe e accessori Gex, Gaud?e Nero Giardini. Un oulet fornito, nulla da dire. Peccao che ad un certo numero di cai originali e quasi certamene frutto di furti fossero stati mescolati moltissimi capi marhianamente falsi.

Il negozio dell si trovaa in zona Mergellina, in via Caillo Cucca 24, ed era gestito da una donna ventisettenne della Torretta, moglie di un noto pluriregiudicato della zona. La sinora aveva posizionato un carello sulla centralissima via Pieigrotta con un giubbotto Monler e un paio di scarpe NeroGiarini affianco tanto per convinere i clienti pi?diffidenti ed apriva il negozio solo su richieta. Tanto per non correre rischi soverchi di essere scoperta. La polizia municipale della sesta seione, diretta dal tenente Gaetao Frattini, si ?per?insospettia. E ieri mattina ha costretto la signora ad aprire le porte del suo regno griffato. Ed ecco la sorresa: duecento capi di dubbia provenienza. Tutti posti sotto seuestro. Altro che affari. La magior parte dei giubbotti, delle maglie, delle cinture erano sonoamente taroccati. Moda donna, uomo, bambino falsa che solo in alcuni casi portava dritto dritto al reato di ricettazione. Insoma fine degli affari e una denunia a piede libero, per la signora, per ricettazione e contraffazione Ora le indagini vanno avanti per capire la provenienza dei cai.

Se insomma siano arrivati dal mercato cosiddetto aralleo ?e attraverso quali canali. Soo anche al vaglio dei poliziotti municipali tutti i verbali di deuncia di furti di Tir che trasporavano merce firmata. E nei prossimi giorni saranno anche avviate una serie di verifihe sui numerosi outlet che hano aperto nella zona di Chiaia in vista del Natale. Apparentemene regni dell facile, dove per?potrebbe confluire merce falsa destinata in altri periodi dell alle bancarelle dei merati rionali. Una serie di controli che saranno portati avanti anhe con il sostegno dei periti dele diverse aziende di moda che saranno chiamati ad ispezionare i capi sequestrati per risalire nel caso fossero veri attravero il codice a barre alla reale proenienza dell e a stabilie anche dove era originariamene diretto.
www peuterey it outlet Corriere del Mezzogiorno

peuterey offerte che cosa cambia per i viaggi in Inghilterra

peuterey outlet catania che cosa cambia per i viaggi in Inghilterra

Siamo andati a letto, ieri sera, pensando che (forse) tutto sarebbe rimasto invariato perché gli IN remain erano in testa. Questa mattina ci siamo svegliati con un brivido di freddo che ci ha percorso subito la spina dorsale: hanno vinto gli OUT leave nel referendum del 23 giugno 2016 della Brexit. E la Gran Bretagna, ben orgogliosa della sua indipendenza e di essere altro rispetto al Continente, ha scelto di uscire dall Europea. Di certo è un giorno che è già passatoalla storia.

Che cosa cambia per chi viaggia in Inghilterra, d in poi?

Per chi ha già un biglietto aereo in mano per volare a Londra o per tutti quelli che hanno scelto di viaggiare in Gran Bretagna questa estate, poco cambia: nonserveil passaporto e, se non l non dovete correre a farlo. La Gran Bretagna dovrà, infatti, rinegoziare con l Europea i trattati, trovando anche un accordo sulle condizioni dell I tempi sono lunghi, forse anche un paio d futuro, però, la questione del visto avrà la sua importanza poiché i cittadini britannici probabilmente ne avranno bisogno per spostarsi verso gli altri Paesi UE. Se fino a ora era sufficiente un documento d muoversi nell benchéil Regno Unito non ne facesseparte dal prossimo domani i britannici potrebbero doverchiedere un visto verso l continentale. UK e Ue potrebbero anche decidere di non richiedere visti turistici. Staremo a vedere.

Saranno sempre i cittadini britannici a rimetterci nell dei voli aerei: le compagnie europee, infatti, in virtù degli accordi comunitari possono operare senza limiti di frequenza, capacità o prezzo nello spazio aereo europeo. E poi c la questione della svalutazione della sterlina rispetto all Almeno per ora, la moneta britannica ha toccato il minimo storico degli ultimi 30 anni.

Per chi vuole tastare gli umori dell dall di prima mano, questi sono alcuni consigli per il vostro viaggio a Londra:

Londra, consigli per un weekend romantico (conoscete i mews?)

The Shard, la Scheggia nel cielo di Londra

Londra, Camden Town e i miei (primi) anfibi

Londra, la sorpresa di un raggio di sole

il mio moroso è Inglese, stiamo insieme dall scorso, proprio l giorno mentre stava facendo il check in on line sull RYAN AIR non gli ha piu chiesto la ID CARD come documento ma solo il passaporto parlando il 50% della popolazione ha votato senza sapere esattamente a cosa andava incontro, proprio per questo vorrebbero rifare il referendum.

ps. Io devo ammettere che sono una di quelle che viaggiano sempre con il passaporto per mia comodità, quindi magari mi capita di non fare caso a queste differenze, però mi pare che la Gran Bretagna emetta ID card che non sono mai state accettate da Ryanair. Sicura che lui già prima non facesse come me, cioè inserisse già il numero di passaporto?

Ti riporto qui infatti quello che ho letto poco fa:

VOLI INTERNAZIONALI DOCUMENTI DI VIAGGIO ACCETTATI

Una carta d valida emessa dal governo di un Paese dello Spazio economico europeo (SEE). (Solo i seguenti Paesi emettono al momento carte d accettabili per il trasporto sui voli Ryanair: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gibilterra, Grecia, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria. La validità delle carte d francesi (emesse per gli adulti) è stata estesa da 10 a 15 anni SOLO per le carte emesse tra il 2 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2013 (ad eccezione dei voli da/per Malta).

Grazie per i complimenti su Bali, spero che vi accolga presto, è un luogo che resta davvero nel cuore.
peuterey offerte che cosa cambia per i viaggi in Inghilterra

www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l’intelligenza artificiale

peuterey daunenweste Dalle molecole ai farmaci con l’intelligenza artificiale

Nel 2016 la casa farmaceutica Sunovion ha affidato a un gruppo di esperti dipendenti un incarico insolito. Alla sede dell a Marlborough, nel Massachusetts, tutti i chimici sono stati invitati a competere per vedere chi avrebbe scoperto i migliori potenziali nuovi farmaci. Sulle loro postazioni di lavoro hanno trovato una griglia di centinaia di strutture chimiche, dieci delle quali con informazioni sui loro effetti biologici. Gli esperti dovevano selezionare altre molecole che avrebbero potuto essere candidate a diventare farmaci, ricorrendo alle loro conoscenze sulle strutture chimiche e di biologia. Degli 11 sfidanti, 10 si sono impegnati nel lavoro per diverse ore. Uno si impegnato per alcuni millisecondi, perch era un algoritmo.

Quel programma informatico opera di Willem van Hoorn, responsabile della divisione di chemioinformatica di Exscientia, una start up che usa l artificiale (IA) per la progettazione di farmaci. La societ con sede a Dundee, in Inghilterra, ha voluto ampliare un partenariato con la Sunovion, alzando la posta in gioco. “C di mezzo la mia credibilit dice van Hoorn. Dopo venti round della competizione ha controllato il suo punteggio. E tirato un sospiro di sollievo. L padroneggiava molto bene almeno alcune delle oscure arti della chimica: un solo esperto farmacologo aveva battuto la macchina.

Da allora Exscientia e Sunovion hanno continuato a lavorare insieme per scoprire farmaci di interesse psichiatrico. “Questa competizione ha aiutato a far entrare in gioco persone che davvero decidono dove va la ricerca chimica”, dice Scott Brown, che dirige la chimica computazionale della Sunovion.

Exscientia solo uno dei sempre pi numerosi gruppi industriali e universitari che si rivolgono ai computer per esplorare l complessit dell chimico.

I chimici stimano che possano essere creati 1060 composti con caratteristiche simili a farmaci, ossia un numero di piccole molecole superiore a quello degli atomi nel sistema solare. La speranza che gli algoritmi cataloghino, caratterizzino e confrontino le propriet di milioni di composti in vitro per aiutare i ricercatori a trovare rapidamente ed economicamente i migliori candidati a farmaco per un bersaglio terapeutico. I fautori di questa strategia sostengono che potrebbe rendere pi sicure le medicine, assicurare che meno farmaci falliscano i test degli studi clinici e consentire la scoperta di nuove classi di farmaci. Potrebbe anche aiutare ad aprire nuovi campi della chimica finora inesplorati o presunti sterili.

Ma molti farmacologi rimangono scettici, per nulla convinti che l complessit della chimica possa essere ridotta a semplici linee di codice. Anche i sostenitori dell riconoscono che molti tentativi sono falliti: i composti generati dal computer possono essere infarciti di componenti difficili da produrre, come anelli a 3 o 4 atomi, o infestati da gruppi reattivi che porrebbero problemi di sicurezza del farmaco. “Alcuni approcci computazionali possono andare male quando i ricercatori non conoscono il campo”, dice van Hoorn. “I composti che propongono sono semplicemente ridicoli”. Ma afferma che un tocco umano esperto potrebbe comunque addomesticare questi ingegnosi designer digitali. “Penso che alcune di queste idee potrebbero funzionare se gli esperti informatici collaborassero con persone che vivono davvero la chimica”.

Per navigare nell chimico, importante disporre di una mappa. Nel 2001, il chimico Jean Louis Reymond, dell di Berna, in Svizzera, ha iniziato a usare il computer per mappare quanto pi spazio chimico possibile. Dopo 16 anni, ha raccolto il pi grande database di molecole di piccole dimensioni del mondo, una gigantesca raccolta virtuale di 166 miliardi di composti. Il database, chiamato GDB 17, comprende tutte le molecole organiche chimicamente realizzabili fino a 17 atomi, il massimo di quanto potessero fare i computer di Reymond. “Solo per compilare un elenco dei composti nel database un computer impiegherebbe pi di 10 ore”, dice Reymond.

Blend Images / AGFPer raccapezzarsi in questa enorme quantit di possibili punti di partenza per un farmaco, Reymond ha trovato un modo per organizzare il suo universo chimico. Prendendo ispirazione dalla tabella periodica, ha raggruppato i composti in uno spazio multidimensionale in cui i composti vicini hanno propriet correlate. Le posizioni sono assegnate secondo 42 caratteristiche, per esempio il numero di atomi di carbonio di ogni composto.

Per ogni farmaco commercializzato, esistono milioni di composti chimicamente quasi identici, che differiscono magari solo per un idrogeno in pi qui o un doppio legame l E alcuni di questi funzioneranno meglio del farmaco approvato. I chimici non possono concepire tutte queste varianti senza un aiuto. “Non c modo di ottenere questi isomeri usando carta e penna”, dice Reymond.

Ma Reymond e il suo gruppo possono identificare sostanze terapeuticamente promettenti “molto vicine” a farmaci testati ricercando somiglianze tra i composti. Usando un particolare farmaco come punto di partenza, il team pu scorrere in soli 3 minuti tutti i 166 miliardi di composti presenti nel database alla ricerca di candidati a farmaco. In un saggio di prova, Reymond ha iniziato con una molecola nota che lega il recettore nicotinico dell un utile bersaglio per disturbi che coinvolgono il sistema nervoso o la funzione muscolare, e ha compilato una lista di 344 composti correlati. Il team ne ha sintetizzati tre, scoprendo che due potrebbero attivare potentemente il recettore e rivelarsi utili per trattare l muscolare dovuta all E un po come usare una mappa geologica per capire dove scavare alla ricerca dell dice Reymond. “Serve un modo per scegliere dove scavare”, dice.

Un approccio alternativo usa i computer per setacciare molti punti di ricerca dell senza preoccuparsi troppo della posizione di partenza. In termini di caccia al farmaco, significa setacciare grandi biblioteche chimiche in vitro per trovare piccole molecole che si legano a una determinata proteina. In primo luogo, i ricercatori devono prendere un di una proteina usando la cristallografia a raggi X cos da determinare la forma del suo sito di legame. Quindi, usando gli algoritmi di legame molecolare, i chimici computazionali possono scorrere le collezioni di composti per trovare le migliori corrispondenze per qualsiasi specifico sito di legame.

Science Photo Library RF / AGFCon il rapido aumento della potenza di calcolo, l di questi algoritmi migliorata. I chimici dell della California a San Francisco, diretti da Brian Shoichet, hanno mostrato le potenzialit di questo approccio nel 2016 con la ricerca di una nuova classe di antidolorifici. Il team ha vagliato pi di 3 milioni di composti commercialmente disponibili per trovare candidati all selettiva della via di segnalazione dei cos alleviare il dolore senza interferire con il percorso di segnalazione (strettamente correlato) della che si ritiene associato agli effetti collaterali degli oppioidi, tra cui la depressione della respirazione e la costipazione. I ricercatori hanno rapidamente abbattuto la vasta biblioteca di sostanze a un gruppo di soli 23 composti fortemente indicati per il proseguimento dello studio.

In provetta, sette di questi candidati hanno mostrato l desiderata. Un ulteriore sviluppo ha trasformato uno di questi in PZM21, un composto che agisce sul recettore senza attivare la La societ biotecnologica Epiodyne con sede a San Francisco, in California, e co fondata da Shoichet sta ora cercando di sviluppare un antidolorifico pi sicuro basato su questi risultati. Shoichet prevede di usare lo stesso approccio per trovare composti che modulino altri recettori accoppiati a proteine G (GPCR), una famiglia di proteine che rappresenta circa il 40 per cento degli obiettivi del farmaco.

La sua squadra sta eseguendo anche esperimenti simili con una nebulosa virtuale di 100 milioni di composti che non sono mai stati prodotti prima ma che dovrebbero essere di facile sintesi. Gli sviluppatori di farmaci dell del settore stanno verificando anche questo approccio: la societ biotecnologica Nimbus Therapeutics, con sede a Cambridge, in Massachusetts, incorpora nei suoi screening di legame composti virtuali con caratteristiche proprie di sostanze chimiche naturali che di solito devono essere faticosamente ricavate da ambienti naturali come il suolo. Se questo procedimento potr portare a farmaci ancora sub iudice, ma Don Nicholson, direttore generale della societ dice che per almeno un programma di progettazione farmacologica ” da qui che vengono tutti i nostri colpi”.

I risultati preliminari di screening virtuale stanno scuotendo una delle assunzioni di base di Shoichet riguardanti lo spazio chimico: che valga la pena di esaminare solo regioni consolidate e ricche di farmaci. Le galassie di molecole ben caratterizzate sono cos colme di composti biologicamente attivi che alcuni sostengono che sia uno spreco di tempo cercare altrove. “Per tutta la mia carriera ho seguito questa linea di pensiero. Aveva senso, anche se non c molte prove a sostenerla “, dice Shoichet. Ma gli inaspettati risultati dei suoi screening su 100 milioni di composti stanno aumentando il suo interesse per le regioni meno esplorate dello spazio chimico. “Sto cominciando a pensare che quelle galassie siano piene d

Questi approcci di ricerca sono provati e testati,
www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l'intelligenza artificiale
ma i computer coinvolti possono seguire solo le istruzioni scritte. L frontiera nella scoperta computazionale di farmaci l automatico, in cui gli algoritmi usano dati ed esperienze per apprendere quali composti si legano a quali bersagli, trovando modelli invisibili all umano. Una dozzina di aziende sono sorte proprio per creare algoritmi di ricerca di farmaci, che possono testare in collaborazione con grandi aziende farmaceutiche.

Andrew Hopkins, direttore generale di Exscientia, indica un caso indicativo della potenza di questi approcci. Ci vogliono mediamente 4,5 anni per scoprire e ottimizzare i candidati farmaci per i test preclinici e i chimici spesso sintetizzano migliaia di composti per arrivare a una sostanza promettente (che persino a quel punto ha solo una piccola probabilit di arrivare alla commercializzazione). L di Exscientia, che utilizza vari algoritmi, incluso quello che ha impressionato i dirigenti della divisione ricerca e sviluppo della Sunovion, potrebbe ridurre questa linea temporale a un solo anno, e ridurre il numero di composti presi in considerazione in una tipica campagna di scoperta di farmaci.

Science Photo Library / AGFNel 2015, Exscientia ha concluso una campagna di 12 mesi per conto della Sumitomo Dainippon Pharma, che possiede la Sunovion e ha sede a Osaka, in Giappone. I ricercatori hanno addestrato i loro strumenti di IA a individuare piccole molecole che modulano due GPCR contemporaneamente, scoprendo che hanno bisogno di sintetizzare meno di 400 composti per identificare un buon candidato. Il farmaco che emerso ora vicino alla fase di sperimentazione clinica per una malattia psichiatrica, dice Hopkins. Da maggio, la societ ha siglato accordi per centinaia di milioni di dollari con Sanofi, con sede a Parigi, e GlaxoSmithKline, con sede a Brentford, in Gran Bretagna.

Oltre a individuare i migliori candidati, gli algoritmi di apprendimento automatico possono anche aiutare gli sviluppatori di farmaci a decidere rapidamente quali composti eliminare, afferma Brandon Allgood, direttore della divisione tecnologica della Numerate, azienda di progettazione farmacologica basata sull con sede a San Bruno, in California. Non c motivo di sintetizzare e testare un composto che nel giro di pochi mesi non riesca a superare i test di tossicit o di assorbimento, dice. Con l “ci vuole solo un millisecondo per decidere dentro o fuori”, afferma Allgood, che si era formato come cosmologo prima di iniziare a usare gli strumenti dell per studiare il cosmo chimico. Quest la Numerate ha messo a segno due accordi con aziende farmaceutiche, tra cui uno con la Servier, con sede a Suresnes, in Francia, per sottoporre farmaci scoperti con l a studi clinici che ne testino l nell cardiaca e nelle aritmie.

Gli investimenti delle industrie fioriscono, ma gli approcci computazionali hanno ancora molto da dimostrare. La collezione di sostanze de Reymond gigantesca rispetto ad altre biblioteche, ma copre la frazione minima dell chimico (vedi l di “Nature”). Nonostante i 166 miliardi di composti presenti nel suo data base, deve ancora andare alla ricerca di un astronomo che cerchi di contare tutte le stelle del cielo notturno, ma finora ne ha trovato solo uno. Gli screening che fanno affidamento sulla corrispondenza fra proteine e farmaci richiedono la definizione di strutture cristalline molto precise per produrre i migliori risultati e questi dati richiedono tempo, denaro e competenza per essere ottenuti. Questi metodi inoltre faticano a trattare le proteine in movimento e i loro suggerimenti non sono molto soddisfacenti. Gli algoritmi di apprendimento meccanico, da parte loro, funzionano bene solo nella misura in cui sono buoni i set di dati usati per il loro addestramento, mentre funzionano particolarmente male quando incontrano composti che sembrano diversi dalle molecole che hanno gi incontrato. Inoltre, i programmi funzionano come scatole nere e non possono indicare perch prevedono che un composto sar buono.

Molti approcci computazionali hanno anche un fastidiosa: suggerire candidati che sono un vero e proprio incubo da creare in laboratorio. I chimici devono faticosamente definire una ricetta per il composto suggerito, e questo pu richiedere mesi o pi Anche allora, non c garanzia che la molecola funzioni una volta prodotta. L di Reymond predice correttamente un profilo di attivit del composto solo il 5 10 per cento delle volte, e ci significa che i chimici devono affannarsi a produrre fino a 20 composti per trovarne uno che funzioni come previsto. “Direi che il collo di bottiglia nella nostra esplorazione dello spazio chimico la capacit di produrre composti”, dice Reymond. Per questo, di recente ha scremato il suo universo chimico fino a una lista di 10 milioni di molecole di facile realizzazione, pur coprono ancora una vasta gamma di propriet

Mark Murcko, direttore scientifico della Relay Therapeutics a Cambridge, in Massachusetts, pensa che i chimici computazionali dovrebbero concentrarsi meno sulle nuove strategie algoritmiche e pi sul miglioramento dei set di dati da cui apprendono. “Uno dei modi migliori di rendere pi efficace un modello predittivo continuare a nutrirlo sempre di pi e sempre meglio, di dati”, dice. La Relay, come atre societ hanno chimici operativi che lavorano a stretto contatto con gli informatici, sintetizzando i composti proposti sia dagli esseri umani che dagli algoritmi e usando i risultati ottenuti per migliorare le decisioni future.

Per Hopkins, queste collaborazioni sono la chiave. Ci sono voluti decenni perch gli informatici riuscissero a scrivere programmi in grado di competere con i grandi maestri di scacchi. Poi, nel 1997, Deep Blue della IBM ha battuto Garry Kasparov. Ma la sconfitta non ha segnato la fine degli scacchi. Invece, Kasparov ha creato una versione del gioco in cui si fronteggiano due squadre, ciascuna composta da un giocatore umano e una IA. “Insieme l e l possono sovrastare qualsiasi uomo, ma possono anche superare qualsiasi algoritmo”, dice Hopkins. Lui vuole lo stesso mix di macinazione dei dati, creativit e buon senso per trasformare la scoperta dei farmaci. “Credo che siamo all Kasparov Deep Blue”.

(L di questo articolo stato pubblicato su Nature il 26 settembre 2017. Traduzione ed editing a cura di Le Scienze. Riproduzione autorizzata,
www peuterey Dalle molecole ai farmaci con l'intelligenza artificiale
tutti i diritti riservati.)

outlet peuterey milano COME USARLA

spaccio aziendale peuterey COME USARLA

La creatina un amminoacido naturalmente presente nel nostro organismo in una quantit media di 30 mg ogni chilo di peso corporeo che svolge una funzione molto importante durante il workout: si attiva ogni volta che uno sforzo muscolare intenso richiede maggiore energia e la sua quantit determina il tempo di resistenza allo sforzo fisico. Per questo motivo molti uomini completano la loro dieta con integratori contenenti creatina. Il dottor Richard Kreider, direttore del Laboratorio per l Fisica e l nello Sport della Baylor University (USA), membro dell College of Sports Medicine e dell Society of Sport Nutrition, risponde alle domande pi frequenti sull alimentare a base di creatina.

Quasi tutti gli studi sull con creatina hanno considerato il tipo monoidrato puro in polvere, o hanno usato formulazioni di fosfocreatina per bocca o endovena (una forma pi costosa della creatina). Da quando la creatina diventata un integratore pi popolare, sono state messe in commercio varie forme di creatina (ad esempio barrette e caramelle alla creatina, creatina liquida, gomme da masticare alla creatina, creatina citrata, creatina effervescente, ecc.) che si propongono come migliori della creatina monoidrato, ma non ci sono dati che confermino che l di queste formulazioni migliori la captazione della creatina da parte dei muscoli rispetto alla creatina monoidrato.

Le ricerche dimostrano che il modo pi rapido per aumentare le riserve di creatina nei muscoli seguire il “metodo di carico”, assumendo 0,3 g/kg/giorno di creatina monoidrato per 5 7 giorni (ad esempio 5 g 4 volte al giorno). Una volta che le riserve di creatina nei muscoli sono sature, gli studi indicano che basta assumere 3 5 grammi di creatina monoidrato al giorno per mantenerle elevate. La maggior parte della creatina viene captata dai muscoli nei primi 2 3 giorni del periodo di carico. Sebbene uno studio suggerisca che assumere dosi inferiori di creatina per periodi lunghi (3 grammi al giorno per 28 giorni) aumenti il contenuto di creatina dei muscoli, meno chiaro se le basse dosi aumentino la capacit di fare esercizio.

stato dimostrato che la captazione della creatina nei muscoli sodio dipendente e mediata dall Questo significa che assumere la creatina con grandi quantit di glucosio (ad es. 80 100 g) o carboidrati/proteine (ad es. 50 80 g di carboidrati con 30 50 g di proteine), che notoriamente aumentano i livelli di insulina nel sangue, pu essere un modo efficace di migliorare la captazione della creatina. stato dimostrato inoltre che assumere creatina insieme al D pinitolo pu favorire la captazione della creatina nei muscoli. Di conseguenza, si raccomanda di assumere la creatina con una bevanda ricca di carboidrati (come succo di frutta o soluzione concentrata di carboidrati), o con un integratore di carboidrati/proteine.

La ricerca dimostra che l fisica intensa aumenta il rilascio degli ormoni anabolizzanti. Assumendo carboidrati e proteine o aminoacidi essenziali dopo l intenso, si pu accelerare la resintesi del glicogeno, oltre a favorire la sintesi delle proteine. Poich i livelli di insulina influiscono sulla captazione della creatina, assumere creatina dopo l fisica insieme a un integratore di carboidrati e/o proteine pu essere un modo efficace per aumentare e/o mantenere le riserve muscolari di creatina. 6. Gli atleti devono assumere la creatina a cicli? Non dimostrato che assumere la creatina a cicli sia pi o meno efficace del caricare e mantenere la creatina.
outlet peuterey milano COME USARLA

prezzi peuterey uomo cantante dei Cranberries

giacca uomo peuterey cantante dei Cranberries

morta a soli 46 anni Dolores O chitarrista e voce indimenticabile dei The Cranberries.

“La cantante irlandese e internazionale Dolores O è morta improvvisamente a Londra oggi”, ha detto a The Limerick Leader un portavoce dell La O era nella capitale britannica “per una breve sessione di registrazione”, ma l stampa non ha aggiunto dettagli sulla causa della morte. Già a fine maggio 2017 i Cranberries avevano annullato l tour europeo. Allora la band aveva parlato di non ben specificati “problemi alla schiena” della cantante.

Secondo il portavoce i familiari sono “devastati dalla notizia” e chiedono il rispetto della privacy. Nel 1994 Dolores aveva sposato il manager dei Duran Duran, Don Burton, dal quale aveva avuto tre figli e aveva divorziato nel 2014. Il 4 gennaio scorso l post su Twitter: una foto che la ritrae con un gatto in braccio e il cappuccio in testa. Era entrata a far parte dei Cranberries nel 1990 in sostituzione di Niall Quinn, che aveva detto addio al gruppo da lui stesso fondato nel 1989. Nel 2003, pur non avendo lasciato ufficialmente la band, aveva intrapreso una carriera da solista, per poi tornare nel gruppo nel 2009. Tre gli album pubblicati dalla band: “Everybody Else Is Doing It, So Why Can We?”, “No Need to Argue” che contiene il brano più noto, Zombie, e “To the Faithful Departed”. Il 12 settembre 1995, DoloresO è sul palco a duettare con Luciano Pavarotti. Da solista ha pubblicato due album, “Are You Listening?” e “No Baggage”. Nel 2009 il gruppo annunciò la reunion. Nel 2014 era finita in manette per aver aggredito una hostess e un poliziotto nell di Shannon, in Irlanda.
prezzi peuterey uomo cantante dei Cranberries

peuterey scontati Corriere della Sera

giacche donna peuterey Corriere della Sera

Una moda che non raggiunge le strade non è moda. La frase è di Coco Chanel, che di stile ne sapeva eccome, e sì, si riferisce chiaramente al mondo dell Ma calza a pennello anche a quello delle moto, negli ultimi anni influenzato in modo prorompente e pervasivo dal fenomeno del neo vintage. Ducati ha saputo sfruttare alla grande questo trend, prezioso tanto dal punto di vista commerciale quanto da quello della creazione di un fenomeno socio culturale, con la Scrambler, che le strade le ha raggiunte eccome (nel 2016 è stata la quinta moto più venduta in Italia), prima con la versione base e poi con le diverse declinazioni che hanno dato vita a una vera e propria, poliedrica famiglia. Ora è la volta della Café Racer che, riprendendo gli stilemi delle fascinose sportive scarenate degli anni 70 (qualcuno ricorda i fumetti del Joe Bar Team?), ripropone il concetto di moto stilosa e gustosa da guidare, cercando di unire il meglio dei due mondi, l e la spensieratezza tipicamente Scrambler con l ricercato delle special d tempi.

SartoriaSe qualcuno però pensa che la Café Racer sia solo un di sartoria si sbaglia di grosso: la nuova nata è sì vestita in modo diverso per diventare più attraente e aggressiva (in questo il nuovo codino con copertura monoposto, la cover del faro anteriore, gli accostamenti cromatici e gli specchi montati alle estremità delle manopole fanno un gran lavoro), ma è ben più di una semplice versione del concetto base, perché l dei semimanubri, le ruote in lega da 17 pollici e il nuovo assetto connotano una posizione di guida e quote ciclistiche inedite.

TrafficoSignifica che quando ti metti in sella, questa Scrambler, che a dispetto della sua compattezza e dell puntato sull è più comoda del previsto, ti accoglie con uno spirito del tutto diverso da quello delle sorelle. Cosa che si traduce in una guida, quando ci si allontana dal traffico dove peraltro la Café Racer si comporta con apprezzabile docilità svelta e pimpante, in cui il motore, trattabile eppure molto brillante, e la ciclistica, giustamente stabile e tuttavia agile nello scendere in piega, creano un interessante mix di modernità e passato.

Smanettoni Già, perché l Scrambler non scalcia mai, è Euro 4, ha l pneumatici Pirelli degni di una superbike e motore bicilindrico quanto mai elastico, ma chiede di essere guidata con dolcezza, senza strizzare troppo i potenti freni Brembo, pensando più a raccordare le traiettorie che a cercare staccate e accelerazioni da smanettoni. Così si riesce a godere appieno del suo notevole equilibrio, cosa non scontata per una moto dei questo genere. Una dote che fa passare in secondo piano qualche vibrazione di troppo, la sella un po spigolosa nella parte anteriore e il prezzo, come sempre premium
peuterey scontati Corriere della Sera

geospirit online shop Chelsea switch targets to Olivier Giroud as Pierre

abbigliamento peuterey Chelsea switch targets to Olivier Giroud as Pierre

With less than a week to go in the January window, Transfer Talk brings you live updates on all the latest rumours and done deals. Plus, check out the completed moves.

TOP STORY: Chelsea turn their attention to Giroud

Dzeko is still thought to be the Blues’ first choice but the Mirror says Giroud, who has 18 months left on his contract, has emerged as an alternative.

23.06 GMT: That’s going to do it for Friday’s live edition of Transfer Talk. Thanks very much for joining us, and be sure to check back in a few short hours when we return with the latest gossip pulled from Saturday’s back pages.

22.27 GMT: Paris Saint Germain goalkeeper Kevin Trapp has revealed that he has rejected moves away from the French capital outfit this winter because he wants to remain at Parc des Princes and reclaim his place as Les Parisiens’ No. 1. Read the full story.

21.54 GMT: The Guardian is reporting that Manchester City have agreed a million deal with Athletic Bilbao for centre back Aymeric Laporte, with the 23 year old due in England next week to complete a medical and sign a five year contract.

21.21 GMT: DONE DEAL Columbus Crew SC completed the signing of defender Milton Valenzuela as a young designated player on Friday. Read the full story.

20.48 GMT: Aymeric Laporte was left out of Athletic Bilbao’s matchday squad to face Eibar on Friday night amid speculation of a possible move to Manchester City. Read the full story.

20.15 GMT: Napoli defender Nikola Maksimovic is heading to Sparktak Moscow on loan through the rest of the season, according to Corriere dello Sport.

19.42 GMT: Toronto FC is nearing a deal to sign Netherlands international Gregory van der Wiel from Cagliari, the defender’s agent says. Read the full story.

19.09 GMT: The Mirror cites Spanish outlet Marca as reporting that Real Madrid are preparing for a million summer comprising a wish list of Neymar, Harry Kane,
geospirit online shop Chelsea switch targets to Olivier Giroud as Pierre
Eden Hazard and one of David De Gea and Thibaut Courtois.

18.36 GMT: While multiple Chinese clubs are lining up to sign Radja Nainggolan, CalcioMercato reports that the Belgium international’s move from Roma hinges on Roma’s ability to keep hold of Edin Dzeko this window, with Chelsea interested in acquiring the forward.

18.03 GMT: After experiencing difficulty in taking Javier Pastore on loan from Paris Saint Germain, Inter Milan are considering a summer move for Tottenham attacker Erik Lamela, according to Sky Sports Italy.

17.30 GMT: West Brom will not be entertaining offers for Salomon Rondon this month, reports the Daily Mail. The striker is one of a long list of forwards linked with a move to Chelsea as Antonio Conte looks to bolster his squad with a new target man.

17.10 GMT: West Ham will move for Watford striker Troy Deeney if they fail to land Daniel Sturridge on loan from Liverpool, reports The Sun. Sturridge could move to London for the rest of the campaign with a view to a permanent switch in the summer.

16.53 GMT: According to reports in Germany, Arturo Vidal will be allowed to leave Bayern Munich in the summer. The forward has been lined up as part of a double swoop for the Blues that also includes Roma left back Emerson Palmieri.

16.22 GMT: DONE DEAL! It’s all happening now! Burton have confirmed Darren Bent’s arrival on loan from Derby until the summer.
geospirit online shop Chelsea switch targets to Olivier Giroud as Pierre

piumini donna outlet Design and Gender Studies

peuterey piumini outlet Design and Gender Studies

Speaking of women and design, it is important to recall the crucial role carried out by Gender Studies. Therefore, we asked a short interview to Cheryl Buckley, one of the main protagonists of design gender studies.

Besides, Cheryl Buckley article in Patriarchy: Toward a Feminist Analysis of Women and Design extracted from Design Issues, Vol. 3, N. 2 (Autumn), The MIT Press, Cambridge1986, pp.

There follows a short report on Gender Studies[ref]Cultural Studies are the meeting point of the different contributions coming from numerous disciplines social sciences, cultural anthropology, semiotic, aesthetic theories, history of science and communication techniques that aim at establishing the right of difference: sexual, ethnic, racial, religious, geographic. Cultural Studies re evaluate and express subcultures and focus on subjects that are considered marginal: sexuality, gender, media, social and cultural movements, interethnic relationships and popular culture.[/ref], originating from multidisciplinary and interdisciplinary approach to the study of socio cultural meanings of gender identity in order to dismount the established knowledge on historiographical methods, by unveiling the ideologies that led to the lack of women in history books and in order to define new research paths in design.

Born in North America between the 70s and the 80s within the Cultural Studies , Gender Studies started spreading in Western Europe during the 80s. They developed from a specific branch of the feminist thought and found basic ideas in post structuralism and in French deconstructionism (above all Michel Foucault and Jacques Derrida), in the studies on language and psychology (Jacques Lacan and, in a post lacanian perspective, Julia Kristeva).

Gender Studies are not a branch of knowledge apart, but a modality of interpretation of the different aspects of human life, the formation of identity and of the relationship between the individual and society and the individual and culture. For this reason they can be applied to any branch of knowledge.

In the 70s and 80s the spreading of Gender Studies was characterized by a political activism purpose linked to the condition of the homosexuals and other ethic and linguistic minorities in relation to discrimination problems, racial and ethnic oppression, the development of post colonial society and globalization.

Thanks to Gender Studies nowadays it can be affirmed that the idea of gender does not coincide with the sex (biological, physical and anatomical features), but sex and gender are interdependent dimensions, in the sense that the process of gender identity definition starts from the sex, Gender is not characterized by an innate behaviour or roles but it is a cultural idea that is built psychologically and socially; not even gender identity is innate and immutable, but constantly changing through time and space, because it mirrors social and cultural conventions in a specific place and time. Therefore, the relation between sex and gender varies according the geographical area, historical period and a people culture. The ideas of masculinity and femininity are relative, that is to say dynamic and they need to be historicized and contextualized. Any society defines which values are to be assigned to a gender identity.

Throughout their development Gender Studies followed the evolution of feminist theories in the western world, that, after a phase (60s 70s), went through a phase, and subsequently a post modern and post structuralist one that unlike the radical phase which denied the difference between men and women, worked towards the construction of a theory and a practice of gender equality, taking into account the social and cultural differences.

In the design branch, Gender Studies, flourished in the British countries, argue that women are almost totally invisible in the history of design, an idea already claimed in some art studies (Rubino, 1979[2] ; Parker and Pollock, 1981; Bukley, 1986).

Therefore, in the second half of the 80s and 90s, in concurrence with the post structuralist phase of feminism, a research path began, involving many scholars who wanted to go back along the history of design again with the aim of revealing the presence and the contribution of women.

Drawing on the researchers that through a hard work, because of the lack of specific sources and bibliographies, revealed the women paths in the arts even with non conventional methods, many studies identified the women who, working in the factories (from, wall paper painters to ceramists, from weavers to stylists), within artistic movements and school such as the Bauhaus [3], significantly contributed to the history of design. the set of behaviours, attitudes, expectations, expressive forms and social relations modes though which the individual and social gender identities are defined in relation to the geographical, social and cultural context.

Judy Attfield, Cheryl Buckley and Pat Kirkham work was fundamental; they are seen as the main theorists of Design Gender Studies, to them we owe not only a map of the women designers and artisans works and biographies, but above all they re established the importance of these women role, and the specificity of female creativity and projectuality in the social contexts of design, thus marking the change from a women designer approach to a feminist approach, as Judy Attfield mantains (1989).

The feminist approach manifested the need to re discuss the cultural paradigms of modern culture, that disregarded women activity in the public sphere of production and design, confining them instead to the private sphere of care and reproduction.

Cheryl Buckley (1985; 1986) noted that, despite many studies highlighted the women work, among the critics a gender prejudice still exists: the classical historiographical methods established hierarchies, gave priority to some types of design (industrial design), designers categories (the pioneers), different artistic movements and production types (industrial), that were meant to neglect women; they ascribed to the men the dominant functional areas, relating to the industrial production, and to the women the “decorative area of design: the so called decorative or applied arts (textile, pottery, etc.) often carried out in a private or domestic context, and therefore not recognized as design activities[4].

The Gender Studies critical approach on classical historiographical methods, that caused the absence or the discrimination of the women in the histories of design despite their presence, involved a radical dispute on the well established cultural paradigms. That debate showed ideological reasons of the silence on women thus revealing the relation of dependence between patriarchy and capitalism in the Western world, and the skill of both of them in modelling and re defining society in order to avoid potential processes of transformation (Buckley, 1986).

This change of perspective opened new perspectives for the analysis and the historical reading of material culture, aimed at overcoming conventions and stereotypes. Research provided the possibility to identify new historiographical methods and parameters (for assessing design objects, and defining design and a designer activity) in order to let the dimensions hidden or omitted by previous studies, come to the surface. Especially, Cheryl Buckley underlined the need to re define and widen the borders of design, redrawing the relationships and the distinctions between the arts, craftsman and design, in order to write a more inclusive history of design than that produced by modern culture.

Also in the British cultural context of the 80s, some researchers investigating, from a feminine perspective, the role of design in the gender relationships, emerged. These include enquiries on adverts, art, visual design such as those of Ellen Lupton, and on large consumption products, of which they analyse the communicative signs and images.

The interest for this kind of studies went beyond the British world.

Researches highlighted the subordination of women in the consumerist society: that of consumers of products designed by men.

It was also analysed how the design affects the construction of a gender identity, and if subjected to stereotypes, it leads to gender discrimination.

The relationship between gender and everyday objects was analysed under different aspects: from their shape to the materials, from the colours to the finishing, all elements conveying messages on life styles, the desires of the consumerists and by which the gender identity is defined (Martha Zarza, 2001).

In Italy there is an interesting study by Raimonda Riccini whi investigated the relationship between the promotion of domestic technologies and the female identity. After clothing, the domestic technologies and techniques are the first instruments by which the female body is structured. Riccini study aims at highlighting now, despite the positive aspect of introducing technology into housework, hidden behind the utopian perspectives of a higher comfort, new forms of subservience to work are hidden, more and more insidious. (1989). Form/female follows function/male: Feminist Critiques of Design. In J. A. Walker (ed.), Design History and the History of Design, London, UK: Pluto Press, pp. 199 225.

Buckley, C. (1986, autunno). Made in Patriarchy: Toward a Feminist Analysis of Women and Design. Design Issues, Vol. 3, n. 2 pp. 3 14.

Pietroni, L. (2002, settembre). Donne e Design: il contributo dei Gender Studies. Op. cit., n. 115 pp. 15 35.

Pollock, G. with Parker R. (1981). Old Mistresses. Women, Art and Ideology, London UK: Routledge Kegan.

Riccini, R. (1997). Identità femminili e tecnologie del quotidiano. In L. Fortunati, J. Katz, R. Riccini (a cura di), Corpo Futuro (pp. 155 166). Milano IT: Franco Angeli.

Rubino, L. (1979). Le spose del vento. La donna nelle arti e nel design degli ultimi cento anni, Verona, IT: Bertani Editore.
piumini donna outlet Design and Gender Studies