peuterey outlet catania Intervista a Dirk Ahlborn

spaccio peuterey bologna Intervista a Dirk Ahlborn

Dirk Ahlborn mi racconta in una lunga intervista la sua idea di trasporto del futuro: Hyperloop. Nel video l che ha rilasciato per il mio Blog.

Parlaci diHyperloop, come funziona, quali sono i tempi, la fattibilità e i costi.

Hyperloop è un nuovo modo di trasporto. Immagina una capsula, molto simile a un aeroplano ma senza ali, con dentro persone o merci, che viaggia all di un tubo praticamente alla velocità del suono dentro questo tubo. Creiamo un vacuum, con delle pompe che tirano fuori tutta l così che la capsula può andare molto veloce senza incontrare alcuna resistenza. La capsula levita tramite un sistema di ievitazione passiva che è stato sviluppato qui in California da Lawrence Livermore, e tutto è alimentato tramite energia alternativa. Abbiamo pannelli solari sopra il tubo, poi usiamo il vento, usiamo l cinetica, ma anche il geotermale. In ogni caso possiamo produrre più energia di quella che usiamo.

Hyperloop è una società molto diversa da quelle classiche. I primi tentativi sono stati fatti già nel 1800 il primo brevetto per un treno dentro un vacuum è stato fatto nel 1904, ma solo nell del 2013 che Elon Musk ha proposto Hyperloop come un al treno. Vedi il più grosso problema che abbiamo nel trasporto oggi è che non non funziona, non fa soldi, quindi tutti i mezzi di trasporto, specialmente quelli sui binari, come la metro o il treno, dipendono dai fondi del governo e quindi dalle tasse. Tutte quelle sovvenzioni potrebbero essere utilizzati meglio nella scuola o negli ospedali. Quindi noi crediamo che con l possiamo creare un sistema che ha un senso economico. Hyperloop consuma molto poca energia e può far guadagnare dei soldi nell di 8 a 12 anni. Elon Musk ha proposto questa idea nel agosto 2013 e ha detto che lui era troppo impegnato con Tesla e Space X. Io in quel momento facevo parte di un incubatore, senza scopo di lucro, fondato dalla NASA. Lavoravamo su un nuovo modo di creare un Se ci pensi oggi facciamo tutto quanto online. Puoi comprare vestiti, cibo, puoi trovare il tuo fidanzato/fidanzata online, ecc. Negli Stati Uniti puoi pure divorziare. Ma quando si parla di creare un e praticamente sempre una cosa che funziona molto offline. All ci sono due amici che sono seduti da qualche parte in un bar, stanno parlando del grosso problema che devono risolvere e poi iniziano a costruire la loro start up. Sei mesi dopo si rendono conto che questo problema enorme che loro stavano provando a risolvere, ce l solo loro e nessun altro, quindi chiudono l La maggior parte delle aziende fallisce perché non hanno abbastanza esperienza o non conoscono bene il mercato. Adesso immagina invece di avere dieci, cento, mille persone che hanno la stessa passione che hai tu, che ti aiutano, che ti danno le loro idee e le loro opinioni, persino i loro contatti. Potresti creare un molto più di successo e più facilmente. Quindi noi abbiamo creato una piattaforma. l lanciata nel agosto del 2013 e li abbiamo proposto l dell Hyperloop, chiedendo il permesso ad Elon Musk di mettere l sul sito. Abbiamo cosi chiesto alla nostra comunità: lo dobbiamo fare questo progetto? Non solo ci han detto: Si fatelo. Ma molti ci hanno chiesto di essere parte del progetto. Quindi abbiamo creato un piccolo team e abbiamo detto a tutti quelli che si volevano aggiungere che potevano farlo offrendo il loro lavoro in cambio di opzioni della società. Chiedevamo solo un impegno minimo di 10 ore lavorative a settimana. Ci hanno mandato più o meno 200 CV e cosi siamo partiti con un team di più o meno 100 ingegneri.

Adesso abbiamo un unica, partire da zero e creare un nuovo sistema di trasporto, con tutte le nuove tecnologie e nuove possibilità. Possiamo pensare completamente a nuovi servizi e quello cambia completamente anche come viviamo il trasporto oggi. Io non credo che il biglietto sia il modo più giusto per guadagnare dei soldi. Nel 1800 forse si. Qualcuno ha detto che il treno doveva essere pagato con un biglietto. Però oggi ci sono tantissimi altri modi. Non credo che a nessuno piaccia veramente stare nei sedili piccolissimi o di essere trattato come animali quando siamo all Abbiamo la tecnologia, abbiamo l possiamo fare molto meglio di cosi.

Quale è il più grande ostacolo che state incontrando?

Noi stiamo lavorando in quasi tutto il mondo e il più grosso problema non è la tecnologia, la tecnologia c già esiste, è solo il problema di metterla insieme, di capire quale usare, quella più adatta al nostro scopo. Il più grosso problema sono le regolazioni, le leggi. Non è un treno, non è un aereo, e quindi vanno fatte completamente delle nuove leggi e lì ti servono i politici. Quindi li hai bisogno del governo. Il fatto che noi non siamo un normale, ma siamo un movimento, è una fortuna. Siamo non solo un globale,
peuterey outlet catania Intervista a Dirk Ahlborn
ma siamo locale. Nello stesso momento siamo un americana ma anche spagnola o indiana, o siamo italiani o cinesi, abbiamo gente praticamente di tutto il mondo e stiamo parlando con tantissimi governi. In questo momento abbiamo fatto degli accordi con il governo della Slovacchia, per esempio, o in Cecoslovacchia stiamo facendo uno studio di fattibilità tra Praga e Bratislava, in Francia, il governo di Toulouse, ci ha dato una casa, un edificio di 3000 metri quadri e un esterna per creare un nostro centro ricerche. In Emirati stiamo lavorando con la famiglia Reale e abbiamo appena finito il primo studio di fattibilità. Insieme al un governo e ad Sheikh Falah Bin Zayed al Nahyan, il fratello dell degli Emirati Arabi, fa parte della nostra azienda. E uno dei nostri sponsor ufficiali. In India abbiamo firmato e stiamo facendo ora in studio di fattibilità, in Sud Corea il governo ha deciso di crearne una e poi ha creato un consorzio. Noi stiamo dando in licenza la nostra tecnologia, ma ci sono tantissimi altri progetti che sono in ballo. Il più grosso problema è sedersi con i governi e parlare di quali nuovi leggi fare.

Non cambieranno solo i trasporti, ma l modello di vita delle città.

Oggi stiamo risolvendo il fatto che i modi di trasporto come il treno, la metropolitana non guadagnano soldi, anzi, prendono tantissimi sussidi del governo. Questo per noi è il blu ocean, cioè quello che noi vogliamo veramente risolvere. La velocità dell Hyperloop è ovviamente la cosa che piace alla maggioranza delle persone. La possibilità di vivere in un posto e lavorare in un altro, di mettere insieme due città, di essere in grado di vivere a Milano e lavorare a Roma, è come portare le persone ad essere più vicino. Ogni giorno quello che abbiamo non funziona e non guadagna, il traffico è uno dei problemi più grossi di ogni grande città. Spendiamo tantissimo tempo nel traffico, tempo che potremmo utilizzare per stare con le persone che sono importanti per noi, tempo che potremmo usare per essere più produttivi. Infatti oggi scegliamo dove vivere in base a dove lavoriamo, ma in una città come Los Angeles scegli pure con chi esci, perché se la tua fidanzata vive dall parte della città probabilmente non funzionerà mai. Con Hyperloop sarà come non avere più distanze. Cambierà tantissimo il modo in cui viviamo. Si creeranno delle città completamente nuove, dai centri lavorativi completamente nuovi. All non partiremo con il coprire distanze troppo grosse. Stiamo intorno ad un viaggio di un e 45 minuti. Quindi 1000 1500 km di distanza. Il più grande impatto probabilmente lo vedremo con le città satelliti. Sempre più gente vuole vivere nelle città, e città come Bejin, Shanghai, Mumbai, Mexico City non ce la fanno più, c troppa gente, non ci si può più muovere. Cosi potresti andare 200 km fuori città a creare delle città nuove, dove la gente può vivere molto meglio con meno risorse e comunque essere collegato al centro della città in 10 minuti.

Hyperloop piu che una azienda è una community. Come avete usato il modello crowd nel mondo imprenditoriale?

Oggi abbiamo più di 800 persone in tutto il mondo che lavora in cambio di opzioni della società. In più abbiamo più di 40 aziende. alcuni sono leader nel loro settore. Abbiamo una comunità di più di 60000 persone che fanno il crowdsourcing insieme a noi, a cui facciamo tutte le domande e loro ci danno le loro idee e questo per me è il nuovo modello. Se tu pensi a come si spendono i soldi quando si crea una nuova azienda è assurdo. La maggior parte del tempo gli imprenditori vanno in cerca di soldi, ma quando gli chiedi a cosa ti servono questi soldi, ti rispondono che devo assumere un programmatore o devo far fare un algoritmo o qualcos Quindi in verità non gli servono i soldi, ma un programmatore. Se tu hai un e la spieghi a una persona e questa persona dice “Wow, fantastico”, la prossima domanda dovrebbe essere: “perché non ti aggiungi a noi?” “perché non lavori con me?” La passione unisce le persone. Oggi tu puoi lavorare con i migliori designer, anche a Tokyo, invece di lavorare con quello mediocre che sta dietro l Abbiamo internet, abbiamo la tecnologia e possiamo lavorare con le persone migliori al mondo e in un modo completamente nuovo. Io credo che questo sia il futuro del lavoro. Nel futuro lavoreremo nelle cose che sappiamo fare molto bene e per più aziende, invece di fare le cose che non sappiamo fare benissimo o che non ci piacciono.
peuterey outlet catania Intervista a Dirk Ahlborn

piumino peuterey uomo La Lima e La Raspa Blog Archive ninnananna ninna ooooooo

peuterey giubbino uomo La Lima e La Raspa Blog Archive ninnananna ninna ooooooo

Attila ha beccato! Inevitabilmente, alla fine la sua povera mamma ha perso le staffe e SBAAAM! Ho sentito dalla cucina la sferza dei 3/4 sculaccioni sulle sue tenere chiappette rosee.

Dico solo un noooooo lungo, ma non commento. Mia cognata è esausta, viene dal turno di notte e per stare insieme a Ferragosto non ha dormito, ma Attila diamine non s’è fermata un attimo. Le incrocio in corridoio, lei è in braccio alla mamma ancora furiosa. Lacrima e singhiozza che pare l’abbiano scannata e vedendomi mi tende le braccine e mi invoca :” Ziiiiaaa a a”

Resto titubante. Mai dargli a capire il debole, sono dei piccoli caimani. Provo a glissare sul suo “aita” ma lei insiste, schizzando ettolitri di lacrimoni di nuovo: ” Ziiiiiaa a a a”

Dopo un giorno intero alla stato brado in mezzo al mio giardino è ridotta un disastro, ora con la faccia rigata di pianto è una maschera tragica. Azzardo un :” No Elisa, mamma ha ragione, l’hai fatta veramente arrabbiare.” Lei non demorde, le braccine tese verso di me con le punte delle ditine frementi, in attesa che io la soccorra. Capitolo!

Mi si avvinghia come un polipo. Ha il respiro mozzato dai singhiozzi trattenuti.

Resto impacciata per qualche secondo. E’ troppo tempo che non ho più un contatto cosi stretto con un bambino piccolo. Ho dimenticato. Decido di improvvisare, tanto si stancherà presto.

Pesa un pò, cosi le appoggio le gambine intorno alla mia vita e sposto il peso sulle anche, poi provo a sedermi cosi, con lei avvinghiata a me cuore a cuore.

Si appoggia meglio, col capo sulla mia spalla. La bocca sul mio collo. Una manina stringe ancora il peluche scippato dal letto di sua cugina. E’ un trofeo di guerra e non lo molla, lo infila nell’angusto spazio tra me e lei. Tira su col naso e ogni tanto la scuote un singulto ma inizia a rilassarsi. La voce suadente continua il suo racconto di cose che verranno, di quando sarà una bambina più grande e sempre più buona e bella.

Ora inizia a pesare. Da lei emana un odore di umido, sa di buono, di bambino piccolo, di tenerezza, innocenza, sa di fiori . Sta sudando cosi decido di scoccare l’affondo. Allento appena appena l’abbraccio e inizio a dondolare avanti e indietro, sostenendole il capo con una mano. Lei si abbandona e io armo l’ariete per l’assalto alle mura:

“Ninnaoooo ninnaooooo questa bimba a chi la doooooooo.

Se la do alla Befana se la tiene una settimanaaa

Se la do all’ Uomo Nero se la tiene un anno interooooo.

Se la do all’Uomo Bianco se la tiene tanto tanto. E’ un languore che mi da alla testa e che mi chiude la gola. Resto li nella penombra della cucina, seduta in un angolo con un fagottino profumato tra le braccia e capisco che se potessi, ci resterei per il resto della mia vita.

E’ una sensazione esaltante, struggente e languida. Mi torna su dalla memoria. Da tradurre in terapia volendo:

Diagnosi affaticamento nervoso, stress, ansia.

Prescrizione ninnare un bambino una volta al di’,preferibilmente alla sera.

Stamane ci sono voluti 40 minuti per fare colazione,nella bottiglia no,senza il ciuccio della bottiglia no,NELLA TAZZA COME I GRANDI CON IL CUCCHIAINO??siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii salvo poi che il cucchiaino doveva tenerlo lui e che prendeva una goccia di latte alla volta.

Mi porti il tuo mal di pancia?

Ah,io a pranzo pesce e insalata.

Postato mercoledì, 20 agosto 2008 alle 10:33 am da brì

No, non sono il tipo di donna che si alza alle 6.00 per preparare il pranzo e la cena. A pranzo lascio che si arrangino loro, la sera invece amo improvvisare, apro il frigo e utilizzo quello che c’è. Divertente e mi riesce bene, devo dire.

Questa settimana mi sono mantenuta sui classici dato che a casa c’è il moroso di mia figlia. Non vorrei che scappasse ancora prima di arrivare, cosi lo prendo per la gola dandogli l’illusione che “tale madre tale figlia”. Avrà tempo per mangiare scatolette

Domani e domenica i ragazzi non ci saranno, cosi la mia cucina per me e consorte sarà ridotta all’essenziale
piumino peuterey uomo La Lima e La Raspa Blog Archive ninnananna ninna ooooooo

peuterey collezione 2014 Join Greenpeace at the 2018 Action Camp

outlet online peuterey Join Greenpeace at the 2018 Action Camp

Greenpeace is gearing up for another Action Camp in March of 2018, and we’d love for you to join us! The state of our nation is on high alert, with Trump at the helm. White supremacists, climate deniers, and corporate billionaires are thriving in Washington, while we are left to contend with rampant racism, violence, mass shootings, fires, hurricanes, and floods. The creative, peaceful, diverse solutions and movements that we foster at Action Camp are even more necessary and vital. We need people with skills and courage to gather, who are willing to stand up and speak out, who are willing to work for the liberation of brown and black folks, who love this world and will work tirelessly to protect it and make it a more just and equitable place for all.

Greenpeace is offering a six day, intensive training to learn and share non violent direct action skills like climbing, arts creative resistance, kayaktivism, and blockades. We are looking for people who want to create change in their communities and in the world.

If you are interested in coming together with other activist minded folks, honoring diversity, and working across difference, please consider joining us from March 3 8, 2018, at Action Camp outside Tampa, Florida. Head here for details on the program and how to apply. Applications will close on January 6, 2018 don’t miss out!
peuterey collezione 2014 Join Greenpeace at the 2018 Action Camp

peuterey giubbotti outlet immagini mai viste di Phobos e Deimos

peuterey store immagini mai viste di Phobos e Deimos

Recentemente la NASA ha pubblicato le foto scattate delle due lune di Marte, Phobos e Deimos. Entrambe sono abbastanza nuove per gli scienziati, in quanto Phobos e Deimos sono stati scoperti solo nel 1877 e in più non sono facilissime da studiare.

Phobos è grande 22 km e Deimos è solo 12 km.

Le foto sono incredibili, rappresentano ciò che vedrebbe un occhio umano se si trovasse sulla sonda Odyssey. Somigliano entrambi a delle patate e non all tipica che viene in mente quando si pensa a una luna.

Le origini di queste due lune marziane sono sconosciute. Ciò nonostante, esistono già diverse teorie che cercano di spiegare come sono state create. C chi sostiene che Phobos e Deimos possano essere asteroidi catturati dall di Marte.

La NASA continua ad alimentare l dei futuri astronauti con l di queste lune al suo attuale portafoglio di immagini. Man mano che vengono scattate più foto e vengono raccolti dati aggiuntivi, gli scienziati possono saperne di più sullo sviluppo e le risorse del nostro sistema solare.
peuterey giubbotti outlet immagini mai viste di Phobos e Deimos

prezzo giubbotto peuterey uomo la Celtica torna all’ombra del Monte Bianco

abbigliamento peuterey la Celtica torna all’ombra del Monte Bianco

orna la magia di Celtica ai piedi del Monte Bianco: dal 6 al 9 luglio il bosco del Peuterey, nella Val Veny, sarà il cuore della ventunesima edizione della festa internazionale di musica, arte e cultura celtica più alta d’Europa. Nella suggestiva cornice del teatro romano di Aosta si terrà la serata di apertura, giovedì 6 luglio, con l’arpista di fama mondiale Vincenzo Zitello e la band scozzese degli Hò Rò. In programma oltre 200 eventi tra concerti, danza, conferenze, workshop, ricostruzioni storiche e attività per i più piccoli.

Grande spazio verrà inoltre dedicato all’artigianato celtico, con un ricco mercatino, e alle degustazioni di birra, sidro e idromele. In calendario previsti i concerti di Sleego, Boira Fusca, Heron Valley, Event Horizon, Uncle Bard and The Dirty Bastards, Cantlos, Orobian Pipe Band, Vincenzo Zitello e Gens d’Ys. La mattina di venerdì 7 è prevista l’ormai consueta escursione al Lago del Miage, dove l’arpista Zitello proporrà il suo “saluto” musicale alle montagne valdostane. Di notte ci sarà invece l’immancabile accensione del grande fuoco druidico nel cuore della valle.
prezzo giubbotto peuterey uomo la Celtica torna all'ombra del Monte Bianco

giubbotti uomo peuterey Intesa Sanpaolo detailed release

parka peuterey donna Intesa Sanpaolo detailed release

Cerchio d’oro dell’Innovazione finanziaria (Golden Circle Award for Financial Innovation) sponsored by AIFIn (Italian Association for Financial Innovation) won the Prize Most Innovative Financial Intermediary of the Year awarded by AIFIn for the 2013 edition of the Circle Award for Financial Innovation

Three projects of the Group were also awarded: Estesa and Recognition (first in their respective categories) and POS Move and Pay Business (third place)

Milan, 26 February 2014 The Group is the most innovative financial intermediary of 2013. The recognition (ex aequo with the Cariparma Cr Agricole Group) came from AIFIn the Italian Association for Financial Innovation, an independent think tank that seeks to promote and spread the culture of innovation in the banking, insurance and financial sector as part of the Innovation Day conference, held yesterday in Milan.

The conference was an opportunity to award the Special Prize, but also the Circle Award for Financial Innovation by which AIFIn annually acknowledges the ability of banking, insurance and financial intermediaries to lead or to anticipate changes in the market, creating initiatives that are innovative and stimulating for the whole sector.

won three awards, based on three projects attributable to the Banca dei Territori, the Division led by Carlo Messina, managing director and CEO of the Group:

1st place in the category Distribution Channels for Estesa 1st place in the category Marketing for Recognition 3rd place in the category Payment Products Services for POS Move and Pay Business The jury rewarded ability to innovate not only in services in particular by awarding the project dedicated to customers over 65, and the mobile payments platform but also in the manner the Bank has been able to position itself on the international market, undergoing a radical change in internal processes and conduct. Starting from an attitude of listening to and observing the habits and lifestyles of its customers, the innovative relationship model developed by offers an increasingly flexible and personalised approach, accompanied by high levels of service.

The awards were collected by Marco Siracusano, Marketing Manager of , which also took part in the round table that enlivened the conference. awards won by remarked Siracusano testify to the quality of the projects developed by the Bank around the specific, tangible needs of families and businesses, in a challenging scenario that regards innovation as a key engine of growth and development. The projects awarded

ESTESA first place in the Distribution Channels category.

Extended opening hours at the branch, home advisory service, ability to operate on all channels in an integrated manner: these are the cardinal points of the Estesa project launched by a little over a year ago, which to date involves over 500 branches of the Group and 12,000 employees throughout the territory, something that is unique in the domestic banking market.

Banca Estesa’s approach focuses on customers, their needs and new lifestyles. It leverages the physical network and builds an innovative relationship model around it that can respond to the needs of customers, such as:

more flexible hours of access to the Bank’s services, through the new Estesa open until 8 pm from Monday to Friday, and on Saturday mornings;
giubbotti uomo peuterey Intesa Sanpaolo detailed release

interface with one own financial advisor by appointment and also at one home;

talk to one bank with full mobility (7 days a week, 24 hours a day) by interacting with one manager, through operators acting remotely or in complete independence, thanks to the integrated multi channel facility.

As well as representing an innovation for customers, Banca Estesa is a new internal working method that facilitates the processing of new ideas and strategies through dedicated workshops and interdepartmental working groups.

After a few months, satisfaction surveys show that the new approach has satisfied in full the needs of our customers, to the extent that almost one in two customers now uses the extended branch opening hours. A significant increase has taken place in contacts and in meetings with customers.

RECOGNITION first place in the Marketing category.

The project is dedicated to the over 65 clientele of , who have built up a close relationship with the Bank over a long period of time, and who wish to affirm and optimise that relationship. They have been customers for many years, often never having changed banks, and they want the long standing nature of the relationship to be recognised and validated, with a more empathetic dialogue with their manager. They are looking for uncomplicated and safe dedicated products.

Alongside the bank offering, which includes services promoting simplicity, clarity and openness and satisfying the need for security, there is a non banking component relating to health, welcare and free time and this includes, for example: protection from unexpected life events, doctors and health care facilities accessible on favourable conditions, social welfare and social security and tax services on advantageous terms or even for free, shopping opportunities for leisure products and services at competitive rates.

Overseeing contact with the Senior customer optimises the relationship and nurtures trust over time, but it also can become an opportunity to take stock of the requirements of life and become more conscious of one’s family, also from the point of view of the inevitable change from one generation to the next.

POS MOVE AND PAY BUSINESS third place in the category Payment Products and Services.

The platform and Pay Business (developed by Setefi, a company of the Group) transforms the POS into a mobile tool capable of performing its functions even outside the sales outlet, to the same standards of safety.

Thanks to contactless technology and a small reader that connects to your smartphone or tablet via bluetooth, along with a free application, anyone can receive payments made with a debit or credit card by using their smartphone or tablet connection. All that required is to place the card in front of the reader and confirm the transaction by entering the PIN code or by digitally signing the device screen. The ease of use, the non existence of upfront costs and a monthly fee of just a few Euro make this novelty one that is accessible to all businesses and professionals (they will be shortly required to accept payments using electronic currency,
giubbotti uomo peuterey Intesa Sanpaolo detailed release
based on the Decree bis Further information:Tel. +39 011.5559609.

peuterey bimbo La luce delle prime stelle nell’obiettivo di Hubble

peuterey sito ufficiale La luce delle prime stelle nell’obiettivo di Hubble

Tra le migliaia di luminose galassie che affollano molte immagini del cosmo distante catturate dal telescopio spaziale Hubble si osservano alcune macchie scure, zone apparentemente vuote che potrebbero essere piene zeppe di galassie. Ora, gli astronomi hanno dato un occhiata a quelle macchie scure e hanno scorto una debole luce emessa da stelle che si sono formate appena 500 milioni di anni dopo il big bang. I nuovi risultati indicano che potrebbero essere le prime galassie dell che sarebbero dieci volte pi numerose di quanto ritenuto finora.

Questa extragalattica di fondo probabilmente risale a circa 250 milioni di anni dal big bang. Poco dopo la nascita dell lo spazio si riempito di una calda e densa nebbia di gas ionizzato. Nel corso di centinaia di migliaia di anni, il gas si poi espanso e raffreddato, portando al collasso gigantesche nubi di idrogeno ed elio e alla conseguente formazione delle prime stelle. Da quando queste stelle si sono accese, la loro luce, e tutta quella prodotta dalle successive generazioni di stelle, ha riempito l creando un bagliore diffuso in tutte le profondit pi oscure dello spazio.

Immagine del cosmo profondo ottenuta componendo diverse riprese del telescopio Hubble (Credit: NASA; ESA; G. Illingworth, D. Magee, and P. Oesch, University of California, Santa Cruz; R. Bouwens, Leiden University; and the HUDF09 Team)Anche se la radiazione di fondo extragalattica si rivelata ardua da rilevare in modo convincente, la luce scoperta nelle foto di Hubble sembra essere la luce di fondo pi lontana. Utilizzando i dati del Cosmic Assembly Near Infrared Deep Extragalactic Legacy Survey (CANDELS) e del Great Observatories Origins Deep Survey (GOODS), il gruppo di ricercatori riuscito a isolare il contributo delle prime stelle da quello delle stelle e delle galassie di epoca successiva.

Per misurare la sfuggente luce primordiale, Ketron Mitchell Wynne dell della California a Irvine, e i suoi colleghi hanno cercato fluttuazioni

d nei pixel apparentemente bui e vuoti delle foto scattate da Hubble dal 2002 al 2012. Grazie alle fluttuazioni hanno dimostrato statisticamente che stavano osservando un debole segnale associato alle prime stelle e non semplicemente al rumore.

Hanno poi sottratto qualsiasi luce proveniente dalle stelle della nostra galassia, quella delle galassie vicine e anche quella delle stelle isolate che sono state strappate dalle loro galassie e ora occupano lo spazio intergalattico, fino a lasciare solo la luce dell primordiale.

le diverse componenti presenti nel segnale un compito veramente eroico ha sottolineato Pascal Oesch della Yale University, che non era coinvolto nello studio.

I ricercatori hanno calcolato che c una possibilit pari allo 0,8 per cento che la loro misura sia contaminata da una luce che non appartiene al fondo. In primo luogo, le stelle antiche che contribuiscono alla luce di fondo sembrano radicalmente diverse da quelle che osserviamo oggi. Formatesi solo da idrogeno ed elio,
peuterey bimbo La luce delle prime stelle nell'obiettivo di Hubble
erano centinaia di volte pi massicce del Sole, e per questo hanno prodotto energia in modo pi intenso di stelle dell circostante, esaurendosi pi rapidamente.

le prime stelle e galassie si sono formate e si sono esaurite molto velocemente, il bagliore dev stato enorme spiega Matthew Ashby dell Center for Astrophysics, coautore dello studio. “Se riuscissimo a separare la luce che proviene dal fondo di luce extragalattica dovremmo vedere l di quel bagliore

Le tre componenti della luce extragalattica di fondo catturate dal telescopio spaziale Hubble (Image Credit: Ketron Mitchell Wynne, UC Irvine)Il gruppo ha rilevato questa eco, ma si limitato a dire che si verificata nei primi 500 milioni di anni, una stima che era gi nota agli astronomi. I ricercatori vogliono determinare l precisa, perch queste prime stelle massicce hanno cambiato radicalmente il destino dell

I loro raggi ultravioletti hanno riscaldato lo spazio circostante, producendo bolle nel gas dove l dei raggi aveva strappato a tutti gli atomi di idrogeno i loro elettroni, convertendoli da atomi neutri a ioni. Alla fine, le bolle si sono espanse e unite fino a quando l universo stato ionizzato di nuovo, ritornando al suo stato dopo il big bang. Da allora, l rimasto ionizzato.

Anche se gli astronomi sono abbastanza convinti che le stelle delle prime galassie abbiano prodotto abbastanza luce da reionizzare l Dan Coe, astronomo del Science Institute Space Telescope non coinvolto con lo studio, esamina l della reionizzazione nella remota possibilit che le galassie non siano state il fattore principale.

scoprissimo che le galassie non sono state sufficienti a produrre la reionizzazione, allora dovremmo avere qualche altra spiegazione, che potrebbe essere molto interessante dice Coe. Dopo tutto, vent fa gli astronomi pensavano che i nuclei galattici attivi, i brillanti fari cosmici creati da buchi neri supermassicci che inghiottono rapidamente la materia, producessero abbastanza luce da reionizzare l

Questa teoria non ha avuto successo, e gli astronomi sono passati al migliore candidato seguente: le galassie. La storia potrebbe ripetersi, spiega Coe, e questa volta forse sar qualcosa di veramente esotico, come particelle di materia oscura. Forse quando queste misteriose particelle si scontrano rilasciano energia in quantit sufficiente per reionizzare l Coe, tuttavia,
peuterey bimbo La luce delle prime stelle nell'obiettivo di Hubble
tiene a sottolineare che tutte le prove puntano ancora verso le galassie.

Ulteriori indizi arriveranno quando il telescopio spaziale James Webb verr lanciato nel 2018: l della luce di fondo extragalattica appena rilevata indica che il futuro osservatorio orbitante dovrebbe essere in grado d alcune delle prime galassie che ora si nascondono in quelle misteriose macchie scure di spazio.

giacconi peuterey uomo Kildare Village to Host ‘In the Fold’ Showcasing the Work of Emerging Irish Design Talent

peuterey borse Kildare Village to Host ‘In the Fold’ Showcasing the Work of Emerging Irish Design Talent

Kildare Village has partnered with ID2015 to present the installation, which explores how young Irish graduates use fashion as a creative response to their environment and reveals how cultural identity is formed and refined by what is around us. Complementing each other perfectly, the designers exhibit a consistent aesthetic and approach resulting in a beautifully curated output.

Curated by Gemma A Williams a London based Irish curator and under the direction of Fashion Textiles Advisor, Aisling Farinella, ‘In The Fold’ premiered at the International Fashion Showcase 2015 and launched at London Fashion Week earlier this year. This is the first time that the exhibition which will showcase the work of designers Rory Parnell Mooney, Michael Stewart, Caoimhe Mac Naoise , Richard Malone, Jocelyn Murray Boyne, Oliver Duncan and Laura Kinsella has been shown in Ireland.

Guests to Kildare Village will have the unique opportunity to peruse the work of these innovative young designers and attend a series of fashion and design focused events at Kildare Village throughout the month of May. The series of events hosted by Kate Coleman from Le Cool Dublin will allow guests and design aficionados to meet with some of the designers and engage with them around each unique area of expertise. Meet with milliner Laura Kinsella for a Millinery Workshop on Saturday 9 May, join Wexford native and London based designer Richard Malone on Thursday 14 May to discuss the ‘Sustainability of Fashion’, or learn the ropes from Donegal based weaver Oliver Duncan Doherty at ‘The Craft of Weaving’ on Saturday 23 May. Dee Breen, Deputy PR and Communications Director Kildare Village, stated, “Presenting ‘In the Fold’ at Kildare Village brings the partnership with ID2015 to life and showcases the passion which Kildare Village has for Irish design. Visitors from both Ireland and abroad will have the chance to visit the experiential installation and view the work of Ireland’s most talented young designers”.

With more than 60 luxury boutiques of Irish and international fashion and lifestyle brands all offering savings of up to 60% on the recommended retail price a visit to Kildare Village should be on everyone’s list of must visit destinations in 2015. With boutiques providing fashion and luxuries for the home, Kildare Village offers a unique selection of Irish and international brands with savings of up to 60% on the recommended retail price, seven days a week and all year round. Anya Hindmarch, Lulu Guinness, Hackett, L’Occitane, Links of London and Furla are just a few of the international brands present, as well as the boutique of Ireland’s leading international designer, Louise Kennedy. A selection of services at Kildare Village includes the Shopping Express a daily coach service to the Village; a Tourist Information Centre; a luxurious VIP Lounge; Hands free Shopping and a children’s play area. With a range of restaurants and caf the Village has become a destination for visitors seeking a superior shopping experience and an enjoyable day out.
giacconi peuterey uomo Kildare Village to Host 'In the Fold' Showcasing the Work of Emerging Irish Design Talent

peuterey italia IMPRESA FAMILIARE E RESPONSABILITA’ PER INFORTUNIO

giubbotto peuterey uomo estivo IMPRESA FAMILIARE E RESPONSABILITA’ PER INFORTUNIO

stata pubblicata una sentenza della Corte di Cassazione che indica un orientamento ben preciso della giurisprudenza in materia di responsabilità per infortunio di un componente dell’impresa familiare.

Per questo, la domanda iniziale a cui rispondere è stata la seguente: la normativa di prevenzione degli infortuni trova applicazione in favore dei familiari collaboratori dell’impresa?

La risposta è stata duplice. No, quando l’impresa e i suoi componenti prestano attività nella sede abituale. Sì, se l’impresa familiare è impegnata fuori dalla propria sede, presso cantieri nei quali effettuano lavori edili.

A questo punto, quel che è rilevante a livello penale e di responsabilità, è il rapporto di fatto fra chi gestisce il rischio e chi vi è esposto. Benché in un’impresa individuale non sia individuabile la figura del “datore di lavoro”, tale figura deve essere riscontrata in quel componente che assume la responsabilità di impresa con poteri decisionali di spesa e che è quindi debitore degli obblighi in materia infortunistica. Questo perché la tutela prevenzionistica non presuppone l’indefettibile presenza di un rapporto di lavoro subordinato.
peuterey italia IMPRESA FAMILIARE E RESPONSABILITA' PER INFORTUNIO

peuterey hurricane La Chirurgia e Medicina estetica a Feltre

piumini peuterey prezzi La Chirurgia e Medicina estetica a Feltre

Il Centro di Medicina di Feltre una struttura d che ha ottenuto la certificazione UNI EN ISO 9001:2008 a dimostrazione della seriet e correttezza dei processi interni e a garanzia della sicurezza e della privacy del paziente.

All della struttura si trovano il Poliambulatorio, l chirurgico, il Punto prelievi, la Fisioterapia,
peuterey hurricane La Chirurgia e Medicina estetica a Feltre
il Servizio di Ecografia, la Medicina dello Sport e la Medicina del lavoro.

La struttura collegata con quella analoga di Treviso per alcuni servizi specifici: la Day Surgery ( di un giorno la Procreazione Medicalmente Assistita, la Radiologia e altri.

Da Treviso un secco NO alla chirurgia estetica low cost

Il Centro di Medicina non utilizza le protesi mammarie sulle quali si è concentrata in questi giorni l’attenzione del Ministero della Sanità e sul cui utilizzo la Regione del Veneto aveva già disposto la sospensione un anno e mezzo fa.

Le equipe di chirurghi specialisti, che eseguono interventi di chirurgia plastica presso la day surgery del Centro di Medicina di Treviso,
peuterey hurricane La Chirurgia e Medicina estetica a Feltre
utilizzano protesi mammarie con un particolare programma di garanzia che si definisce a vita. [continua]