peuterey outlet roma La Chirurgia e Medicina estetica a Pieve di Soligo

sito ufficiale peuterey La Chirurgia e Medicina estetica a Pieve di Soligo

Il Centro di Medicina di Pieve di Soligo una struttura d certificata UNI EN ISO 9001:2008 a dimostrazione della seriet e correttezza dei processi interni e a garanzia della sicurezza e della privacy del paziente.

Presso il Centro di Medicina di Pieve di Soligo (certificata UNI EN ISO 9001:2008) disponibile un servizio di Poliambulatorio specialistico ed il Servizio di Medicina dello Sport.

La struttura collegata con quella di Conegliano, all della quale sono disponibili i servizi di Poliambulatorio Specialistico, l Chirurgico, la Radiologia, il Laboratorio Analisi, la Medicina del Lavoro, la Fisioterapia, la Palestra e la Piscina riabilitative.

Presso LA CHIRURGIA ESTETICA del Centro di Medicina, sede di Pieve di Soligo, si effettuano:

consulenza personalizzata gratuita

visita con equipe chirurgia estetica

Da Treviso un secco NO alla chirurgia estetica low cost

Il Centro di Medicina non utilizza le protesi mammarie sulle quali si è concentrata in questi giorni l’attenzione del Ministero della Sanità e sul cui utilizzo la Regione del Veneto aveva già disposto la sospensione un anno e mezzo fa.

Le equipe di chirurghi specialisti, che eseguono interventi di chirurgia plastica presso la day surgery del Centro di Medicina di Treviso, utilizzano protesi mammarie con un particolare programma di garanzia che si definisce a vita. [continua]
peuterey outlet roma La Chirurgia e Medicina estetica a Pieve di Soligo

peuterey luna is the deviation in which Amoris Laetitia critics fall

peuterey primavera is the deviation in which Amoris Laetitia critics fall

are some cases in which the remarried divorcees can be considered in God grace. It seems a shocking novelty but it is a rock hard traditional doctrine. By highlighting the in which many of Amoris Laetitia opponents risk falling.

Cardinal M preface to your book was greeted with embarrassment by the the Pope most vivid critics, who after a few days tried to diminish what the cardinal had written through for example, stilted titles such as spoke of exceptions on communion with the remarried Yet, as the text shows M had given examples of possibilities for admission. How do you comment?

believe that, thanks to my book and Cardinal M preface, for the first time critics have been forced to respond and cannot deny one point: there are mitigating circumstances in which a mortal sin (a sin that would otherwise be mortal) becomes a lighter sin, a venial sin. There are therefore some cases in which remarried divorcees can (through their confessor and after an adequate spiritual discernment) be considered in God grace and therefore deserving of receiving the sacraments. It seems a shocking novelty, but it is a doctrine entirely I dare say hard rock traditional

Some people say that these cases are few.

The Pope does not say that these cases are many and will probably be very few in certain contexts and much more numerous in certain others. The mitigating circumstances are in fact the lack of full knowledge and deliberate consent. In a society that is entirely evangelized, it can be assumed that those who do not have full knowledge of the characteristics of Christian marriage are very few or none. In a society undergoing evangelization, these cases will be more numerous. What about a largely de Christianized society? I would not really know. Even if the cases were very few, the incriminated steps of Amoris Laetitia would be perfectly orthodox and, those who accused the Pope of heresy would be at very serious fault: slander, schism and heresy. Unless, as I hope and believe, they should not be given the mitigating effects of the lack of full knowledge and deliberate consent.

You have known M well for a long time: what is the meaning of the words he wrote in the preface to your book?

Cardinal M is a great theologian, certainly among the greatest of the generation who did not participate directly in the Second Vatican Ecumenical Council. There were misunderstandings and difficulties in his relationship with the Curia and also with the Holy Father, and he was not renewed as Prefect of the Congregation for the Doctrine of the Faith. Many dissidents hoped he would have led them on the path towards the schism. With the preface to my book, the cardinal offers us a pro veritate opinion on the orthodoxy of the doctrine of Amoris Laetitia. However, there is obviously also something more: at a time when the Pontiff is attacked on the ground of Christian faith and morals, M as a Catholic and as a cardinal, feels the duty to intervene to defend him (notwithstanding any true or presumed personal misunderstandings and differences). He wrote a monumental work on the Pope, which is also a great testimony of love for the role of the Bishop of Rome in the Church. Even if it were true that Cardinal M disagrees with some aspects of the Pope pastoral line, this would not take anything away from the value of his testimony: one can disagree and be faithful. Faithful dissent is a richness; accusations of heresy, slander, appeals to the schism, fanaticism that erodes the fundamental attitude of trust and esteem, due to the Successor of Peter and Vicar of Christ, is something completely different

You continue to argue that Amoris Laetitia represents a development of Familiaris consortio and not a break with the exhortation of John Paul II. Why?

There is a common theological basis: the acceptance of the distinction between mortal sin and venial sin, the acknowledgment that, for there to be a mortal sin, it is necessary full knowledge and deliberate consent; the acknowledgment that the social situations in which a person lives can powerfully hinder the full recognition of truth and lead to do evil without fully realizing it or, it might even limit and compress the freedom to do good. All these things are found in Familiaris Consortio (and in Reconciliatio et paenitentia) before being in Amoris Laetitia. On this common basis, there are two different disciplinary choices. St. John Paul II, in order to defend the conscience of the faithful people and especially that of the little ones, the conscience of the indissolubility of marriage forbids that remarried divorcees may receive communion, unless they separate or commit themselves to renouncing to sexual intercourse. He does not say that in their case there can be no subjective mitigating factors, he does not deny that in some cases they may be in God grace. He simply says that the objective scandal they are giving is too great for them to be admitted to the sacraments. Pope Francis instead says that they must be admitted to penance like all other sinners. Let them go to the confessor, confess their sins, expose their mitigating circumstances, if they have them, and the confessor will give them acquittal, if there are the conditions to give it. Pope Francis probably believes that, at least in some societies, the consciousness of the indissolubility of marriage has already been lost in the popular conscience and that it is now useless to the stable because the oxen have already escaped Now it time to go and look for them, there where they have lost themselves and take them back to the house of the Lord. The same theology, two different disciplinary choices but, in reality, a single pastoral line

Did different contexts in which the two documents were written play a role?

The critics of Pope Francis do not remember what the context in which Familiaris Consortio is set. Before Familiaris Consortio, the remarried divorcees were practically excommunicated. They were excluded from participation in the life of the Church, objects of criticism and condemnation only. Familiaris consortio (and the new Code of Canon Law) rules out the excommunication, invites them to attend Sunday mass, to baptize their children and give them a Christian education, and to participate in the life of the community. The famous paragraph 84 of Familiaris Consortio (the one that contains the prohibition of communion) sets a limit on this path. Amoris Laetitia continues the process of reintegration of the remarried divorcees into the life of the Church. For this reason, we say that, despite the disciplinary diversity, there is a profound pastoral line unity between Saint John Paul II and Francis. Does this mean that remarried divorcees are no longer sinners and that adultery is no longer a sin? No, simply now divorcees who have remarried are no longer sinners, excluded from confession. They are sinners who can go to confession, say their mitigating circumstances (if they have them) and, some cases (few or many, we don know), receive absolution

Why do you think that the most debated question, that of the possibility, in some cases, after a penitential path and discernment, of administering the sacraments to remarried divorcees, has been relegated only to a note in the document of Francis?

I believe that the reason is that the Pope did not intend to dictate a general rule. There are so many different contexts and situations in the world today that it is not possible to dictate a disciplinary rule that applies uniformly to everyone. The Pope wanted, in my opinion, only to invite the episcopates and individual bishops to assume their responsibilities. In contexts of solid Christianity, it would probably make sense to maintain a rigid attitude, which may seem without mercy but originates from the mercy for the little ones, the needy, the defenseless who could be misled. In contexts in which the banks of the old structures are now broken, a rigid defense does not make sense, it is necessary to go and look for the people where they are, within their existential condition. To baptized who have not been evangelized it will first be necessary to propose the love of Christ. The time will then come to clarify and untangle their marriage situations. Here, the risk of scandal will be minimal because the sensitivity to this value has been lost and must be re formed.

Why is Amoris Laetitia accused of approaching the situation from an ethical point of view?

ethics of the situation says that no behavior is totally good or bad. Ethically speaking, all behaviors are good or bad according to the circumstances; the conscience of the subject and their intention determine the moral value of the act.

St. John Paul II, taking up a long tradition that dates back at least to St. Thomas Aquinas, said that there are acts that are intrinsically evil, regardless the intention of the subject agent. There is an intention which is necessarily immanent to the act and which is distinct from the intention of the subject agent. In conclusion: subjective intention does not make a bad act good.

Neither Saint Thomas nor Saint John Paul II, however, have ever intended to deny that the subjective side of the action the knowledge and freedom that converge in the subject intention enter to determine the level of responsibility of the subject for their action. For this reason, Don Giussani used to say: do not be afraid to judge actions and say what is good and what is bad; never dare to judge people because only God knows the heart of people and can measure their level of responsibility (God and, tentatively, the subjects themselves and the confessor to whom they entrust themselves)

The most vivid critics of the current Pontiff accuse him of favoring subjectivism.

seems to me that the critics of Amoris Laetitia have given rise to a new deviation emerges, parallel and opposite to the ethics of the situation and to subjectivism in ethics. This new deviation is ethical objectivism. Just as subjectivism (the ethics of the situation) sees only the subjective side of action, that is, the intention of the subject, so objectivism sees only the objective side of action, that is, the more or less grave matter. Catholic ethics is realistic. Realism sees both the subjective and the objective side of the action, and therefore assesses both the grave matter and the full knowledge and deliberate consent. As Dante Alighieri teaches, the opposite of an error is not the truth, but the opposite error. Truth is the narrow path between two errors of the opposite sign

Why did you choose for your book the title answers to Amoris Laetitia critics? What does mean in this case?

of the critics are my friends. Josef Seifert is a life time friend with whom I have shared many battles and a great work in the field of philosophy, in which he has made some important contributions. I have known Roberto de Mattei for forty years, when we were together in the Institute of History and Politics of the University of Rome, he was assistant to Saitta and I of Del Noce. I defended him when, as vice president of the CNR, he was attacked for his positions on evolution. I have tried to keep the controversy within the limits of respect, mutual recognition of good faith, the spirit of seeking truth and I am grateful to them for trying to follow the same rule.

De Mattei claims that you have introduced, with your writings on Amoris Laetitia, a threefold distinction of sins: venial, grave and mortal. How do you respond?

explain in my book that not all grave sins by reason of their matter are mortal. If, in fact, there is no full knowledge and deliberate consent, they can be to venial sins. De Mattei opposes me with a text of Reconciliatio et paenitentia that rejects the threefold distinction, proposed by some, between venial, grave and mortal sins. Here are the words of Saint John Paul II: distinction of sins, classifying them as venial, grave and mortal. This threefold distinction might illustrate the fact that there is a scale of seriousness among grave sins. But it still remains true that the essential and decisive distinction is between sin which destroys charity and sin which does not kill the supernatural life: There is no middle way between life and death. Hence, in the church doctrine and pastoral action, grave sin is in practice identified with mortal sin (Reconciliatio et paenitentia, n. 17). The difficulty was soon resolved. I do not propose to include a third category in addition to those of mortal and venial sin. All sins are venial or mortal, as rightly said by John Paul II. I simply say that grave sins by reason of their matter can become venial when there is a lack of full knowledge and deliberate consent. There is no contrast with Reconciliatio et paenitentia

Professor, why, after having been engaged in other fields for several years, have you returned to work on philosophy and theology?

the attack on Pope Francis began, they tried to oppose him St. John Paul. Those who attacked him tried to present themselves as defenders of the spiritual heritage of Karol Wojtyla. So I asked myself: what would Saint John Paul II say if he were in our midst. And I answered: he would say the Pope In reality, the vast majority of those who today attack Pope Francis have been and continue to be also against Benedict XVI, John Paul II, John Paul I, Paul VI, John XXIII. The Council is actually in question. They try to represent John Paul II as if he were the Pope of an anti conciliar conservative reaction. They are trying to take possession of his memory.

I have been close to him, he was my life great friend, I believe I can and must give a true witness: John Paul II was the great Pope of the Council and its accomplishment. Also regarding the so called anthropological turning point in moral theology, he did not reject it, but rather interpreted it by bringing it back within the great tradition of the Church, which is precisely the tradition of realism. That realism that can take into account in a balanced way all the factors of life, the objective side as well as the subjective side of the action. I went back to work on these things to defend the memory of my friend, to return him a little bit of that great deal that I like everyone else have received from him
peuterey luna is the deviation in which Amoris Laetitia critics fall

giubbotti donna woolrich la mia vita senza supermercato

giacconi peuterey uomo la mia vita senza supermercato

di Elena Tioli Mi è sempre piaciuto raccontare storie. Storie di chi molla tutto, prende e parte. Di chi stravolge le proprie abitudini, di chi cambia strada e va controcorrente. Di giovani che tornano alla terra. Di adulti che si mettono in discussione. Ma mai e poi mai avrei pensato di divenire a mia volta una storia.

E soprattutto non mi sarei mai immaginata che succedesse a causa di una scelta che un tempo avrei reputato insignificante: cambiare modo di fare la spesa.

Non sono mai stata una consumatrice consapevole, un’attivista, un’ecologista. Al contrario! Per una vita sono stata assidua frequentatrice di centri commerciali, attratta dal superfluo, con l’acquisto facile e impulsivo. Una fumatrice compulsiva, come se non bastasse. Insomma, non mi sono mai fatta troppe domande. Non ho mai riflettuto sulle conseguenze delle mie scelte. Fino al giorno in cui, per favorevole congiuntura (lo dico ora, all’epoca non lo sapevo) mi sono trovata disoccupata: senza un impiego, senza un’identità, senza una lira. In quel momento, mentre mi disperavo per aver perso qualsiasi forma di controllo sulla mia vita, ho realizzato che non era così: potevo controllare le mie azioni e ripartire da me. Per esempio, viste le ridottissime possibilità economiche, potevo smettere di buttare soldi per avvelenarmi. Così, dopo 15 anni di onoratissima carriera a ritmi di un pacchetto di sigarette al giorno, per 365 giorni all’anno e per un costo totale di 20mila euro più o meno da un momento all’altro ho detto basta.

Grazie a quella decisione ho percepito forse per la prima volta, il potere enorme che avevo nelle mie mani: il potere di scegliere. stata un’illuminazione! Avete presente il criceto che corre sulla ruota? Talmente affannato nel correre da non accorgersi di non andare avanti. Ecco, smettendo di fumare è come se mi fossi accorta di essere su quella ruota. E di poter scendere, semplicemente fermandomi.

Così ho avuto il tempo di pormi delle domande e di iniziare a informarmi. Ho cominciato a leggere tantissimo: Pollan, Berrino, Moss, Mercalli, Marie Monique Robin, Pallante e tanti altri autori che mi hanno aperto gli occhi sulle conseguenze dei miei consumi. Non vedevo più i prezzi, le marche, i colori, gli slogan sulle confezioni, ma l’impatto ambientale, sociale e sanitario di quelle merci, l’impronta ecologica, gli imballaggi e i chilometri percorsi. Sapevo leggere le etichette e conoscevo il significato di quelle paroline prima incomprensibili. Mi immaginavo le facce di chi aveva prodotto quelle cose: persone sfruttate, sottopagate o prive di diritti. Vedevo tutto ciò e non volevo più essere complice.

Con quel pensiero è iniziata la mia sfida: era il 2 gennaio del 2015 quando uscendo da un supermercato mi sono ripromessa di non entrarci più. Per un anno. All’epoca non sapevo che quel buon proposito mi avrebbe cambiato la vita. Come non immaginavo che al di fuori dai centri commerciali vi fosse un mondo tanto ricco di opportunità: persone informate e consapevoli, produttori responsabili, veri e propri eroi che ognigiorno faticano per sopravvivere a un sistema che troppo spesso premia la grande distribuzione organizzata (e scellerata) a discapito dei più piccoli e coscienziosi. Grazie a tutti loro la mia spesa è stata rivoluzionata.

Sono partita con un Gruppo d’Acquisto Solidale (GAS), poi ho scoperto mercati contadini, botteghe di quartiere, negozi in cui si compra sfuso e diverse piattaforme online che mettono in contatto diretto produttori e consumatori. Oggi conosco chi produce ciò che acquisto e so dove vanno a finire i miei soldi.

Compro perlopiù a chilometro zero e biologico, che non significa necessariamente certificato bio, quello, per intenderci, che al supermercato ha un reparto apposito, una confezione ultra chic e che di solito costa il triplo. Grazie alla filiera corta e al GAS, il biologico vero è alla portata di chiunque: venduto ancora sporco di terra e dentro una cassetta riciclata. Buono, sano e con un prezzo congruo, in grado di restituire dignità al lavoro di chi lo produce.

Scelgo cibo genuino, per lo più vegetale e integrale, di certo non industriale o raffinato; frutta e verdura di stagione, magari esteticamente non perfetta e non omologata nelle dimensioni, ma con un gusto fantastico. Alla varietà preferisco la biodiversità.

Evito quasi del tutto i derivati animali e soprattutto non compro nulla che provenga da allevamenti intensivi, una delle piaghe ambientali, sanitarie ed etiche più grandi dei nostri tempi.

Autoproduco, ma non tutto, solo le cose facili! Quelle che al massimo richiedono pochi minuti e un paio di ingredienti. Per esempio il deodorante: basta miscelare 2 cucchiai di bicarbonato, 1 di amido di mais e 10 gocce di tea tree oil per farne un barattolo. Tempo 30 secondi, costo pochi centesimi. Al posto di brillantante, anticalcare e ammorbidente uso acido citrico e acqua. E per sostituire disinfettante, smacchiatore, sbiancante e detergente uso il percarbonato di sodio, una sorta di candeggina naturale che, a differenza di quella industriale, non inquina e non fa danni alla salute di chi la utilizza.

Lo sapevate che l’inquinamento domestico fa più danni di quello esterno? Proprio così. Tantissimi prodotti che si adoperano quotidianamente per pulire casa sono in realtà veleno, per noi e per l’ambiente. Perché utilizzarli quindi se le alternative ecologiche sono anche alla portata di tutti?

Ovviamente quel che posso lo compro sfuso, riutilizzando gli stessi contenitori. Così come compro sfuso il sapone vegetale con cui sostituisco shampoo e bagnoschiuma; l’olio di mandorle, che utilizzo come struccante e idratante; il detergente per lavatrice e lavastoviglie totalmente ecologici.

Insomma faccio una spesa a bassissimo impatto ambientale e con un altissimo valore umano, che non ultimo, mi permette di risparmiare tempo e soldi.

Le code alla cassa, la ricerca del parcheggio, il percorso a ostacoli tra le corsie, i sabati pomeriggio passati al centro commerciale per me non sono che lontani ricordi. Ora gran parte della mia spesa la faccio tramite il gruppo d’acquisto: ordino comodamente online, in pochi minuti e dal mio divano e poi vado a ritirare la mia cassetta nella sede del GAS. Lì ci scappano sempre quattro chiacchiere con i compagni del gruppo o qualche produttore e così la spesa è diventata uno dei momenti più gradevoli della settimana.

Anche il mio portafoglio sorride. Molti prodotti che compro, seppur di maggior qualità rispetto a quelli della grande distribuzione, mi costano meno. Per esempio i generi di ortofrutta del mio listino del GAS sono quasi tutti più convenienti di quelli di un noto supermercato: la cicoria la pago 2 euro al chilo, al supermercato costa 2,29; le mele 2.10 euro al chilo, invece di 2,59; le carote 1.60 euro al chilo contro 2,64.

Com’è possibile? Semplice! Niente costi di intermediari, packaging, trasporti, stoccaggio e marketing tutti aggravi che, nella grande distribuzione, pesano sul prezzo finale di un prodotto fino al 35 per cento o anche di più.

Ovviamente alcuni prodotti li pago un po’ più. Ma va bene così. Se risparmiare significa bassa qualità, tanto inquinamento, produttori strozzati dalle dinamiche della GDO e dal sistema malato delle doppie aste online, io dico: “No, grazie”.

Penso per esempio alle arance: nei supermercati un chilo si aggira su 1.10 euro, mentre i produttori vengono pagati non più di 15 centesimi al chilo. Una miseria dietro cui molto spesso si cela lavoro nero e caporalato. Io le compro a 1,26 euro al chilo, con la certezza però che quei soldi vanno quasi tutti al produttore (biologico) e ai lavoratori, in questo caso contrattualizzati e pagati dignitosamente. Insomma, nel mio piccolo sostengo un’economia diversa: più solidale, etica e giusta.

Ma se tutti facessimo come te quanti posti di lavoro si perderebbero? Lo so che lo state pensando. una domanda che mi viene fatta spesso. Forse perché sfugge quanti posti di lavoro si perdono e sono stati persi a causa della grande distribuzione. Basti pensare a tutti i negozi costretti a chiudere per l’apertura dell’ennesimo centro commerciale; ai paesi in cui le saracinesche sono ormai tutte abbassate; a tutti quei contadini che si trovano sul lastrico per colpa degli standard imposti dalla GDO.

Secondo Coldiretti, in Italia dal 2007 al 2015, oltre 150mila aziende agricole hanno chiuso perché non avevano i volumi di produzione adatti alla grande distribuzione o perché avevano costi più alti dell’agricoltura industriale. Un’assurdità se si pensa che il ricarico dei prezzi sui prodotti agricoli può arrivare fino al 300 per cento a fine filiera: tradotto significa che mentre i produttori sono sottopagati, il consumatore finale deve spendere il triplo del valore di ciò che compra.

Per fortuna oggi molte persone coraggiose hanno deciso di mettersi in gioco, riscoprendo antichi mestieri e inventandosi nuove professionalità in grado di realizzare, oltre a vantaggi personali, benefici per tutti e per il pianeta. Grazie a loro tantissime realtà sostenibili, ecologiche e innovative stanno prendendo piede. Lavori legati all’agro ecologia, alla custodia di sementi antiche, alla tutela della biodiversità e alla riqualificazione del territorio. Ma anche alle reti alimentari alternative, all’autosufficienza e alla sovranità alimentare.

Realtà da cui dipende il nostro presente e il nostro futuro e che per questo andrebbero sostenute e incentivate. Come? Anche e soprattutto attraverso i nostri acquisti. Quando si fa la spesa si influisce sull’andazzo di questo pianeta più di quanto si possa immaginare. Ogni volta che mettiamo qualcosa nel carrello stiamo decidendo chi favorire e chi boicottare. Ogni acquisto è un voto attraverso cui scegliamo in che mondo e in che modo vogliamo vivere.

Grazie a questa nuova consapevolezza oggi sono una persona totalmente diversa. Tolte le vesti della consumatrice incallita ho scoperto il piacere di scegliere responsabilmente e di conoscere le conseguenze delle mie scelte. E un piacere nuovo, che non conoscevo. Così come non conoscevo il piacere di fare a meno. Che non significa rinunciare. Significa stare meglio senza. bellissimo! Com’è bellissimo partecipare a una comunità in cui produttori e consumatori sono dalla stessa parte e in cui le relazioni si basano sulla fiducia e sul rispetto.

Ultimo, ma non ultimo, ho assaporato il piacere di tornare a fare. Di saper fare. Che soddisfazione! L’indipendenza è rivoluzionaria. Ti fa sentire libera. Una libertà che mi ha portato a cambiare abitudini, aspirazioni e a riappropriarmi del mio tempo. Dopo aver vissuto per una vita con quel fare un po’ indifferente per cui un problema non è un problema se non è un mio problema, ho deciso di smettere di girarmi dall’altra parte. Anzi! Di impegnarmi per lottare per ciò in cui credo. Dopo molti anni passati in redazioni televisive, ora si occupa di ufficio stampa e comunicazione trattando soprattutto temi legati alla politica, alla decrescita e all’ambiente. Freelance per scelta, collabora con diverse realtà ecologiche e solidali. Per passione si interessa di alimentazione consapevole e stili di vita sostenibili. A febbraio 2017 ha pubblicato il libro Vivere senza supermercato (ed. Terra Nuova) in cui racconta la sua avventura fuori dalla grande distribuzione organizzata.
giubbotti donna woolrich la mia vita senza supermercato

spaccio aziendale peuterey bologna l’esopianeta roccioso dietro l’angolo

peuterey outlet online l’esopianeta roccioso dietro l’angolo

Non potrebbe essere pi vicino di cos Proxima b, il pianeta appena scoperto da un gruppo internazionale di astronomi grazie al telescopio da 3,6 metri dell all di La Silla, in Cile, orbita infatti attorno a Proxima Centauri, la stella pi vicina al nostro Sole. Non solo: come si legge nell pubblicato su “Nature”, si tratta di un pianeta roccioso, con una massa di poco superiore a quella della Terra e che si trova a una distanza dalla sua stella che potrebbe permettere la presenza di acqua allo stato liquido, condizione indispensabile per lo sviluppo di forme di vita.

__img2__Proxima Centauri che si trova a circa quattro anni luce da noi (pi precisamente a 1295 parsec) una nana rossa con una massa pari al 12 per cento di quella del Sole e una temperatura superficiale di 2800 Si tratta dunque di una stella molto pi debole del Sole, ma poich rispetto alla Terra Proxima b molto pi vicino al suo astro (il suo periodo di rivoluzione di appena 12 giorni circa) si trova comunque nella cosiddetta zona abitabile, che consente cio la presenza di acqua allo stato liquido.

E tuttavia dubbio se Proxima b, che ha una massa pari a 1,2 volte quella terrestre, abbia le caratteristiche necessarie a un potenziale sviluppo della vita. Proxima Centauri appartiene infatti a una classe di stelle molto attive e il pianeta si trova ad appena 7,5 milioni di chilometri di distanza il 5 per cento della distanza che separa la Terra dal Sole dove gli effetti dei brillamenti stellari devono essere particolarmente intensi.

I ricercatori hanno calcolato che Proxima b riceve un flusso di radiazioni nello spettro dei raggi X 400 volte superiore a quello che raggiunge la Terra. Inoltre, questa intensa radiazione potrebbe anche provocare

la progressiva dispersione dell nello spazio.

Questa immagine del cielo nella zona di Alfa Centauri stata ottenuta dai dati della DSS2 (Digitized Sky Survey 2). L’alone blu intorno a Alfa Centauri AB un artefatto del processo fotografico; la stella infatti di un pallido giallo come il Sole. (Cortesia: Digitized Sky Survey 2. Si ringraziano Davide De Martin/Mahdi Zamani) Per scoprire come stanno le cose bisogner per aspettare lo studio dell del pianeta sulla base dei dati che potranno essere raccolti dal Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA, il cui lancio previsto nel 2017, e dal James Webb Space Telescope, in programma per il 2018.

Nel caso di Proxima b improbabile che si possa studiarne l con il cosiddetto metodo dei transiti, ossia analizzando lo spettro della luce della stella che attraversa l dei pianeta. Per applicare questo metodo che ha consentito la scoperta di numerosi esopianeti e l delle loro atmosfere infatti necessario che il pianeta intersechi la linea di vista fra la Terra e la stella, un evento a cui gli astronomi attribuiscono, nel caso specifico, una probabilit molto bassa.

Confronto fra l’orbita del pianeta di Proxima Centauri (Proxima b) e una regione di simili dimensioni del sistema solare. Proxima Centauri pi piccola e pi fredda del Sole ma l’orbita del pianeta molto pi vicina alla stella di Mercurio. Per questo Proxima b si trova comunque all’interno della cosiddetta zona abitabile. (Cortesia ESO/M. Kornmesser/G. Coleman)Non a caso, la scoperta di Proxima b avvenuta grazie a un altro tipo di indagine. Proxima Centauri appartiene al sistema stellare triplo formato da Proxima e Alfa Centauri AB (che a sua volta un sistema stellare binario) e si muove periodicamente in direzione di avvicinamento e di allontanamento dalla Terra.

Questo provoca un periodico accorciamento e stiramento delle lunghezze d (effetto Doppler) della luce che ci raggiunge. Lo studio di alcune oscillazioni in questo effetto doppler alternato rilevate con lo spettrografo HARPS del telescopio da 3,6 metri di La Silla, e da altri telescopi in tutto il mondo ha permesso di concludere che sono dovute agli effetti gravitazionali di un pianeta.
spaccio aziendale peuterey bologna l'esopianeta roccioso dietro l'angolo

peuterey bambino outlet In ufficio con stile

giubbotti peuterey donna In ufficio con stile

Non tutti gli uomini si presentano ai meeting di lavoro come dovrebbero. Non si tratta di essere alla moda o di esibire i tuoi ultimi acquisti all di zona. Si tratta solo di eleganza e sobriet e di non farsi squalificare prima ancora di aver iniziato a parlare a causa di un abito fuori luogo o che sembra ereditato dal nonno. Per ogni situazione ci vuole l giusto.

Abito con tre bottoni. Se sei alto, quello che fa per te un abito con tre bottoni: la parte frontale dell riduce la linea verticale che parte del collo e ti fa sembrare meno gigante.

Abito con due bottoni. In realt nessuno sta male indossando un abito con due bottoni. Se hai una statura media e non vuoi sembrare n pi basso n pi alto, questo modello fa al caso tuo.

Abito con un bottone. L con un bottone mostra una parte maggiore di camicia e la forma a V sul tuo torace fa sembrare il tronco pi lungo e tu sembrerai pi alto!

Vedi una camicia. Ti piace. della tua taglia. La compri. Fermati, torna indietro e osserva il colletto. S esatto proprio quella cosa su cui non ti soffermi mai. Il collo della camicia. Perch Il collo giusto pu farti sembrare pi in forma, oltre che pi affascinante agli occhi delle donne.

Collo stretto. Se hai un viso largo il colletto giusto pu farti sembrare pi magro. Scegli una camicia con il collo stretto: far sembrare il tuo viso pi lungo.

Collo classico. Se hai un viso n magro n largo, la soluzione pi adatta per te una camicia con il collo classico, perfetto ad accogliere il nodo della cravatta. Ma quale nodo scegliere? No panic. Ci pensa MH (leggi qui nostri consigli).

Collo alla francese. Un collo alla francese quello che ci vuole se hai un viso magro: ti aiuter a rafforzare la mascella.

Per migliorare ancora di pi il tuo aspetto e andare in ufficio con stile non perderti il numero di ottobre di Men Health in edicola da sabato 1 ottobre!
peuterey bambino outlet In ufficio con stile

giubbotto pelle peuterey La Chirurgia e Medicina estetica a San Donà di Piave

outlet woolrich La Chirurgia e Medicina estetica a San Donà di Piave

Il Centro di Medicina di San Don di Piave una struttura d certificata UNI EN ISO 9001:2008 a dimostrazione della seriet e correttezza dei processi interni e a garanzia della sicurezza e della privacy del paziente.

All della struttura si trovano il Poliambulatorio, l Chirurgico, il Servizio di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita), la Radiologia, il Laboratorio Analisi, la Fisioterapia, la Palestra e la Piscina Riabilitative, la Medicina dello Sport, la Medicina del Lavoro.

Il Centro di Medicina non utilizza le protesi mammarie sulle quali si è concentrata in questi giorni l’attenzione del Ministero della Sanità e sul cui utilizzo la Regione del Veneto aveva già disposto la sospensione un anno e mezzo fa.

Le equipe di chirurghi specialisti, che eseguono interventi di chirurgia plastica presso la day surgery del Centro di Medicina di Treviso, utilizzano protesi mammarie con un particolare programma di garanzia che si definisce a vita. [continua]
giubbotto pelle peuterey La Chirurgia e Medicina estetica a San Donà di Piave

peuterey it it La Conferenza Episcopale Italiana

peuterey hurricane it La Conferenza Episcopale Italiana

TemaLa Conferenza Episcopale Italiana è l’assemblea permanente dei vescovi italiani ed esercita la propria attività nell’. L’ si riunisce in sessione ordinaria almeno una volta all’anno; in sessione straordinaria quando lo esigono problemi di particolare importanza.

Consiglio PermanenteIl Comunicato finale del Consiglio PermanenteIl testo del Comunicato finale del Consiglio Episcopale Permanente, svoltosi a Roma dal 22 al 24 gennaio 2018. Il Comunicato è stato presentato in conferenza stampa presso la Sala Marconi di Radio Vaticana da Mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della CEI.

25 gennaio 201823 gennaio 2018

Consiglio PermanenteI Vescovi al Paese Ricostruire, ricucire, pacificare: in questi verbi la consegna pastorale del Card. Bassetti alla Chiesa italiana all’inizio dei lavori del Consiglio Permanente, in corso a Roma fino al 24 gennaio. Tra i temi toccati dal Presidente della CEI le prossime elezioni politiche e la recente legge sulle DAT; il lavoro, la famiglia e i giovani; le migrazioni internazionali e l’impegno per la pace nel Mediterraneo.

22 gennaio 2018

Consiglio PermanenteUn volto di ChiesaIl testo del Comunicato finale del Consiglio Episcopale Permanente, svoltosi a Roma dal 25 al 27 settembre 2017. Il Comunicato è stato presentato in conferenza stampa presso la Sala Marconi di Radio Vaticana da Mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della CEI.

28 settembre 2017

Consiglio PermanenteCongo, appello solidale della CEI stato liberato nella R. D. del Congo don Robert Masinda, il sacerdote per cui il Consiglio Permanente della CEI aveva fatto un appello.

24 gennaio 201822 gennaio 2018

PresidenzaAuguri, Santità!La Presidenza della CEI assicura a Papa Francesco, in occasione del suo 81 compleanno, “vicinanza cordiale e fedele”, nella preghiera “per crescere insieme in quella carità che si fa carne e, quindi, luce e pace”.
peuterey it it La Conferenza Episcopale Italiana

giubbotti peuterey scontati L’imbarazzo della stanza singola

giacche peuterey L’imbarazzo della stanza singola

“Secondo l’ISTAT” spiega Valeria Minghetti, ricercatrice presso il Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica dell’Universit C Foscari (CISET) “attualmente in Italia sono circa 1,5 milioni le donne che viaggiano da sole, all’interno del Paese o all’estero. Si tratta di un numero ancora contenuto rispetto ad altri Paesi come il Nord Europa o gli Stati Uniti, dove per motivi culturali ed economici questo fenomeno molto pi diffuso. Ad esempio, secondo la Travel Industry Association statunitense sono 32 milioni le donne che viaggiano sole almeno una volta all’anno e 3 donne su 10 fanno almeno 5 viaggi da single durante l’anno. Anche in Italia, comunque, il fenomeno in continua crescita e la tendenza quella di prendersi sempre pi spesso una vacanza da sole, per libera scelta, dettata dal desiderio di scoprire nuovi posti e di conoscere un po’ meglio anche se stesse”.

Ma dove vanno in vacanza le donne che viaggiano sole?

Stando ai dati emersi da una ricerca dell’agenzia di viaggi on line, eDreams, il 60% dei voli prenotati da “single” per questa estate effettuata da donne. Le mete prescelte sono localit di mare come Catania, Olbia, Palermo e Cagliari, luoghi cio facilmente raggiungibili con voli low cost. Gettonatissime anche le capitali dello shopping come Londra, Roma e Milano. Immancabile la scelta di Ibiza, l’isola del divertimento e della trasgressione per eccellenza. In media la durata di una vacanza di 5 giorni.

E come scegliere la destinazione giusta per una vacanza da single?

In Italia e all’estero aumentano di continuo i siti, i blog e le communities che forniscono informazioni per organizzare la vacanza o pacchetti di viaggio. Eccone alcuni: Donne in viaggio; Donne fuori rotta; Per me sola; Thelma Louise; Donne con la valigia; Journey Woman; Women Welcome Women. E anche gli stessi operatori turistici sviluppano servizi disegnati per le donne. In Italia, ad esempio, c’ la societ Alberghi delle donne, che offre hotel e vacanze pensate al femminile, e quindi anche per donne sole. In Nord Europa e negli Stati Uniti sono nati addirittura alberghi pensati esclusivamente per un pubblico femminile, oppure che dedicano un piano della struttura alle donne (ad esempio, l’Hotel Artemisia di Berlino, il Lady’s Firt di Zurigo, il New York Premier Hotel e il Grand Hotel di Oslo)”.

Ma non finita qui. in occasione dell’uscita del film di Maria Sole Tognazzi, “Viaggio Sola”, storia di una donna che vive viaggiando appunto sola da un albergo all’altro per lavoro, (fa l’ispettrice di alberghi di lusso per Leading Hotels of the World), 28 strutture affiliate a Leading Hotels of the World offrono pacchetti speciali dedicati alle donne, con benefit e servizi extra, validi fino al 31 dicembre 2013 (Numero Verde 800 822 055).

Ma cosa ne pensano le donne del viaggiare da sole? Ecco le loro storie

LAURA, 42 ANNI, IMPIEGATA DI MILANO:

Le vacanze mi hanno messo alla prova duramente per anni. da quando mi sono separata, nel 2004, che ho iniziato a viverle come una sorta di incubo. Rimandavo sempre la decisione. Non ne volevo sapere di andare in vacanza da sola. Cos aspettavo fino all’ultimo, sperando, non carino dirlo, ma la realt che qualche mia amica venisse mollata all’improvviso dal compagno e condividesse cos la mia malaugurata sorte. E invece. rimanevo sempre sola. Poi me ne sono fatta una ragione. Tre anni fa mi sono iscritta a una vacanza di gruppo e mi sono detta: “Partir da sola, in camera singola, ma non detto che debba rimanere sola per tutta la durata del viaggio”. Non ho trovato l’uomo della mia vita, ma ho conosciuto un sacco di persone interessanti. Cos da allora, ogni estate scelgo un itinerario che mi appassioni, amo molto l’Oriente, e mi aggiungo a una comitiva di perfetti sconosciuti che nella maggior parte dei casi si rivela piuttosto interessante. Questo diventato il mio modo di viaggiare da single”.

VITTORIA, 47 ANNI, ARCHITETTO DI NAPOLI:

“Per una single convinta come me, le vacanze da sola sono un sogno, una liberazione dalla routine quotidiana. Non vedo l’ora. Vado dove mi pare. Decido all’ultimo, tanto non devo patteggiare con le ferie di un fidanzato, n tantomeno con le esigenze di eventuali pargoli. Organizzo viaggi fantastici che non significa costosi, ma all’avventura. Adoro l’Africa. L’ho girata in lungo e in largo. Ho un grande spirito di adattamento, quindi non ho problemi a viaggiare ovunque e poi sono molto curiosa e disposta a mettermi costantemente in gioco. Neppure gli imprevisti mi fanno paura. Ci che conta veramente per me essere libera di fare ci che mi pare, senza limiti, soprattutto in ferie”.

SONIA, 43 ANNI, IMPIEGATA DI MONZA:

“Detesto andare in ferie da sola. Piuttosto me ne sto a casa. Mi imbarazza terribilmente l’idea della camera single. Mi sento “una poveretta” costretta dagli eventi a vacanze tristissime. L’idea di pranzare da sola al ristorante poi, mi angoscia da morire. No, non fa per me. Non ho il carattere. Se non trovo una compagna di viaggio, rinuncio. Vado in piscina, piuttosto. Al mare ci andr l’anno prossimo. Nel frattempo risparmio qualche soldo, il che non certo negativo, visti i tempi”.

PATRIZIA, 50 ANNI, INSEGNANTE DI ROMA:

“Ogni anno, i primi giorni di settembre parto, me ne vado da sola in una citt europea. Scelgo un volo low cost, saluto marito e figli (15 e 14 anni) e faccio la single almeno per tre o quattro giorni. Se mi va di lusso, sto in vacanza anche per una settimana. Vago per musei, gallerie d’arte e perch no, anche per outlet e negozi. Volete mettere una vacanza in assoluta libert senza nessuno che sbuffa se stai facendo shopping selvaggio o se ti fermi ad ammirare l’opera del tuo scultore preferito? A mio avviso tutte le donne dovrebbero prendersi qualche giorno per s Fa bene a tutti: a se stesse e al resto della famiglia!”

ANNALISA, 30 ANNI, MEDICO DI MILANO:

“Adoro il mare. Lo gusto sempre e comunque. Se il mio fidanzato, anche lui medico, di turno, io non mi faccio certo remore. Se trovo su internet un bed and breakfast economico, piglio l’auto e parto, anche solo per un week end. L’aria del mare mi rigenera. E forse mi rigenera anche la sana solitudine di qualche istante con me stessa, senza la frenesia del lavoro, senza il mio compagno, che adoro, ma starsene un po’ per conto proprio, ne sono convinta, un lusso e un piacere irrinunciabile”.
giubbotti peuterey scontati L'imbarazzo della stanza singola

aiguille noire peuterey Inaugurati tre nuovi campi sportivi per l

bomber peuterey Inaugurati tre nuovi campi sportivi per l

di Virginia Raggi emozione inaugurare tre campi sportivi nuovissimi e moderni per tutti gli studenti dell Salvini grande polo liceale e tecnologico/economico di Roma.

Grazie alla sinergia tra istituzioni abbiamo realizzato tre campi rispettivamente da calcetto, da basket, da pallavolo oltre a un rettilineo per l leggera. E in queste aree che abbiamo riqualificato e rimodernato stiamo dando vita ad un progetto innovativo: un polo per lo sport aperto agli studenti, al territorio e a giovani atleti con disabilità.

Grazie, infatti, ad una convenzione con il Comitato Italiano Paralimpico in collaborazione con il Coni e l’Università dello Sport in questi campi si potranno svolgere attivita sportive dedicate a ragazze e ragazzi con Sindrome di Down. Gli studenti, inoltre, potranno svolgere attività di alternanza scuola lavoro e fornire assistenza a questi giovani mentre si allenano.

Se riusciamo nella scuola a creare una comunità, ad essere una comunità anche con chi ha qualche difficoltà, potremo far crescere cittadini migliori, cittadini del mondo.
aiguille noire peuterey Inaugurati tre nuovi campi sportivi per l

peuterey shop online La Costituzione nella scuola

sconti peuterey La Costituzione nella scuola

Il richiamo ai principi, ai valori, ai diritti e ai doveri presenti nella Costituzione della Repubblica Italiana (1947) e proclamati ad ambito mondiale nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (1948) non è né un rituale burocratico, né un espediente retorico, quando viene fatto a proposito della scuola e del suo compito di istruire e di formare le giovani generazioni.

Esso, frutto e seme di “memoria culturale”, serve a riconoscere che questo compito discende dal mandato che le Nazioni Unite da un lato e la Repubblica Italiana dall’altro hanno conferito a tutti gli uomini, ma in particolare alle scuole e, in esse, ai docenti, dopo le catastrofi della prima metà del Novecento. E’ il capovolgimento della prospettiva totalitaria e l’assunzione della prospettiva personalistica e democratica.

Tale mandato, con la relativa scommessa, o meglio sfida, è in certo senso il frutto di una drammatica scoperta, che ha reso possibile l’inizio di una nuova stagione, sul piano giuridico e sul piano politico: si capì cioè che questa stagione avrebbe avuto un respiro corto, se si fosse limitata a fissare norme generali, senza dedicarsi a coltivare quelle premesse di carattere educativo, etico e culturale, che consentissero una piena comprensione e il sostanziale rispetto del “patto costituzionale” da cui nasceva la Repubblica.

Sul piano mondiale, il “patto di convivenza planetaria” scritto nella Dichiarazione universale presentava risvolti ancora più impegnativi, su cui forse non si riflette abbastanza.

Si legge infatti in questo solenne documento, al termine del Preambolo, che “l’Assemblea Generale proclama la presente Dichiarazione Universale dei Diritti Dell’Uomo come ideale da raggiungersi da tutti i popoli e da tutte le Nazioni, al fine che ogni individuo e ogni organo della società, avendo costantemente presente questa Dichiarazione, si sforzi di promuovere, con l’insegnamento e l’educazione, il rispetto di questi diritti e di queste libertà e di garantirne, mediante misure progressive di carattere nazionale e internazionale, l’universale ed effettivo riconoscimento e rispetto”

In sostanza si lega l’efficacia della Dichiarazione non tanto alla scienza, alla tecnica, alla forza, alla saggezza dei governanti e alla competenza dei docenti, quanto alla virtù di “ogni individuo e ogni organo della società”: e si deve notare che viene in tal modo evocata la virtù tipica dell’educatore, che è quella di sforzarsi “di promuovere, con l’insegnamento e l’educazione, il rispetto di questi diritti e di queste libertà”.

Questa virtù poi non si ferma al già difficile dialogo “persuasivo”, ma impegna chiunque a fare il possibile perché all’azione diretta e personale tengano dietro “misure progressive di carattere nazionale e internazionale”, volte ad ottenerne “l’universale ed effettivo rispetto” dei diritti e delle libertà che vengono citate negli articoli successivi.

E’ lecito domandarsi se si tratta di fiducia esagerata non solo nella società educativa, ma addirittura nell’individuo educatore. Si tratta forse di idealismo illuministico e di ottimismo romantico, o di realistica, quasi disperata consapevolezza che al disastro della guerra si era arrivati perché i poteri politici, amministrativi, culturali, ufficialmente educativi avevano in complesso tradito la loro funzione di orientamento e di governo della convivenza organizzata?

E’ un fatto che fra gli scritti più efficaci per far percepire l’assurdità della guerra, la dignità della persona e la ricchezza dei sentimenti umani, ricordiamo i diari di una fanciullina come Anna Frank, di una ragazza come Etty Hillesum e i pensieri dei giovani della Rosa Bianca, più dei volumi di dotti professori. Non è certo possibile affidarsi solo alla creatività dei profeti e dei poeti: basta però non fare neppure l’errore opposto, quello di puntare solo sui centri del sapere e del potere per risolvere problemi di senso della vita e di convivenza civile organizzata.

L’educazione come mistero e come dovere civico

Questa centralità è più proclamata e auspicata che effettivamente praticata. Essa è attività relazionale di carattere eminentemente personale, che scaturisce dall’interiorità delle persone, ma che non dà solitamente i risultati attesi senza un intreccio di relazioni, di istituzioni, di funzioni, di servizi e di poteri che rendono, se non sicuro, almeno più probabile il raggiungimento dei suoi obiettivi.

Il territorio non è solo uno spazio fisico, ma un ambiente umano, sociale e istituzionale, i cui titolari in tanto concorrono al raggiungimento degli obiettivi educativi, in quanto sono a loro volta colti, educati, capaci di svolgere un ruolo direttamente educativo o indirettamente educativo e perciò detto “educazionale”.

Per una visione comune e un’intesa operativa fra enti, nella giungla di leggi fatte e da fare che ora ci vincola o ci sprona all’azione, occorrono un ideario e un linguaggio comuni; ma anche la capacità di intuire che cosa sta sotto parole comuni e parole diverse, o comportamenti comuni o diversi, dato che a scuola vengono anche ragazzi e genitori di diverse lingue e culture. Preziosa in proposito è la Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione (DM 27 aprile 2007 del Ministero dell’Interno)

La dignità della persona umana, base di diritti inviolabili e di doveri inderogabili,
peuterey shop online La Costituzione nella scuola
è un costrutto concettuale tanto semplice da pronunciare quanto difficile da precisare, da conservare nella coscienza e da praticare nella prassi: ed è, come l’esperienza dimostra, soggetto a “dimenticanza”.

E’ necessario perciò “ricordarlo”, “ripulirlo” costantemente dalla “polvere” sollevata dalla storia e dalla cronaca quotidiana, per aiutarsi a riconoscerne la faticosa affermazione nel diritto e nel costume, la delicata bellezza e la precaria resistenza agli attacchi degli istinti, dei calcoli, degli interessi coalizzati e dell’indifferenza; e per esplorarne le implicazioni sul piano delle idee, delle istituzioni, degli atteggiamenti e dei comportamenti.

Ciò vale per tutte le istituzioni educative, che in pedagogia sociale si è soliti citare in un elenco aperto che comincia con la famiglia, la scuola, la chiesa, l’associazione giovanile, i mass media, il cui carattere potenzialmente educativo non implica che questi enti siano sempre educativi anche in atto. Talvolta sono un ostacolo anziché un aiuto al libero, informato e consapevole sviluppo della personalità dei ragazzi.

Ciò vale particolarmente in riferimento alla vita della scuola, e ai contenuti, ai metodi e agli stili d’insegnamento, che dovrebbero rendere possibile “insegnare e apprendere la dignità umana” e non solo le canoniche discipline scolastiche. Solo a questo titolo la scuola può perseguire efficacemente le due fondamentali finalità di tutto l’ordinamento della Repubblica, che sono “il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art.3 Costituzione).

Dalla Costituente all’educazione civica, nel nome di Aldo Moro: il dpr del 1958 come “incunabolo” di una scuola democratica, e i successivi sviluppi

La storia dell’educazione civica nella scuola della Repubblica ha il suo prologo nell’ Assemblea Costituente (11.12.1947), dove fu votato all’unanimità, “con vivi prolungati applausi”, un odg presentato da Franceschini, Moro, Ferrarese e Sartor, in cui si chiedeva: “che la nuova Carta Costituzionale trovi senza indugio adeguato posto nel quadro didattico nella scuola di ogni ordine e grado, al fine di rendere consapevole la giovane generazione delle conquiste morali e sociali che costituiscono ormai sicuro retaggio del popolo italiano”.

In realtà ci fu un “indugio” di oltre dieci anni, fino a quando lo stesso Moro, divenuto ministro della PI, poté introdurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole secondarie, con dpr 13.6.1958, n.585. Anche la ricerca di un “adeguato posto nel quadro didattico nella scuola di ogni ordine e grado” non è stata facile, e non lo è neppure oggi.

Quel decreto, il cui titolo denunciava un’incertezza bisognosa di approfondimento epistemologico e didattico, presentava l’educazione civica con riferimenti pedagogici, didattici e normativi che, nel loro complesso, non mi pare che abbiano perduto la loro attualità. Per questo è opportuno rivisitarli.

Secondo il dpr Moro Gronchi, ‘educazione civica: a) “con il primo termine, ‘educazione’, si immedesima con il fine della scuola e con il secondo, ‘civica’, si proietta verso la vita sociale, giuridica, politica, verso i principi che reggono la collettività e le forme nelle quali essa si concreta”; b) “se pure è vero che l’educazione civica ha da essere presente in ogni insegnamento, l’opportunità evidente di una sintesi organica consiglia di dare ad essa un quadro didattico, e perciò di indicare orario e programmi e induce ad insegnare per questo specifico compito il docente di storia”; c) occorre pensare all’utilizzo della “stessa organizzazione della vita scolastica come viva esperienza di rapporti sociali e pratico esercizio di dritti e di doveri”; d) l’educazione civica “si giova di un costante riferimento alla Costituzione della Repubblica, che rappresenta il culmine della nostra attuale esperienza storica, nei cui principi fondamentali si esprimono i valori morali che integrano la trama spirituale della nostra civile convivenza”.

La storia veniva ridenominata “Storia ed educazione civica”: ma il voto era unico per le due materie, disponendo l’insegnamento di tematiche etico giuridico sociali di due sole ore mensili, sicché i suoi contenuti, pur previsti entro un contenitore curricolare “forte” come la storia, scivolarono lentamente nella marginalità, tanto da assumere quasi il carattere di appendice facoltativa, ininfluente sul profitto degli studenti. I nuovi programmi della scuola elementare (1985) e quelli della scuola media (1962 e 1979) diedero nuovo smalto al contenuto e al metodo dell’educazione civica, ma non riuscirono a riscattarla dalla marginalità.

Essa infatti non soddisfaceva ai criteri principali che giustificano il prestigio e la importanza di una materia scolastica, nel nostro contesto istituzionale e culturale. Tali criteri riguardano la tradizione accademica e scolastica, la fondazione epistemologica, la percezione sociale della rilevanza di un certo tipo di sapere sul piano culturale, lo spazio che le si concede nell’orario scolastico e l’influenza che esercita sulla carriera scolastica e sociale degli studenti.
peuterey shop online La Costituzione nella scuola